sabato 27 Novembre 2021

Acquista

Login

Registrati

COP24, gli impegni finanziari al centro dei negoziati

Un panel con le bandiere di tutti i Paesi partecipanti alla Conferenza sul Clima Cop24

Qui a Katowice i negoziati sono entrati nel vivo. Passi in avanti sono stati fatti sul “Rulebook” ossia sul quadro normativo indispensabile per rendere operativo l’Accordo di Parigi. Ma alcuni nodi sono ancora irrisolti e rischiano di compromettere quello spirito di fiducia tra governi, fondamentale per trovare un accordo su un pacchetto di decisioni ambizioso ed equilibrato in grado di dare gambe all’accordo e consentire il successo della conferenza.

Non si tratta, come diversi media nei giorni scorsi hanno evidenziato, del tentativo provocatorio di minare gli obiettivi di lungo termine di Parigi da parte di Russia, Stati Uniti, Arabia Saudita e Kuwait. Il loro tentativo di mettere in discussione il recente rapporto dell’IPCC e la necessità di impegnarsi a contenere il riscaldamento globale entro la soglia critica di 1.5°C ha avuto l’effetto opposto a quello auspicato. Anziché allargare la loro sfera di influenza, sta portando al loro isolamento e alla perdita di potenziali compagni di strada come i paesi dell’Europa dell’est.

Si rischia invece di ricreare pericolosamente una divisione tra paesi in via di sviluppo e paesi industrializzati. Una frattura ricomposta con successo a Parigi e che a Katowice sta riemergendo su due questioni cruciali: sostegno finanziario e flessibilità nell’attuazione degli impegni.

Il sostegno finanziario ai paesi più poveri e vulnerabili è cruciale, non solo per ristabilire l’indispensabile spirito di fiducia tra i governi, ma anche per rendere possibile un’ambiziosa azione climatica a livello globale, garantendo loro un sostegno adeguato certo e duraturo nel tempo. L’ambiguità dei paesi ricchi qui a Katowice sugli impegni finanziari presenti e futuri sta irrigidendo fortemente i paesi in via di sviluppo che, in risposta, hanno ripreso a chiedere una forte flessibilità nell’attuazione degli impegni. Flessibilità che rischia di tradursi in vera e propria differenziazione degli impegni di riduzione delle emissioni e compromettere così l’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura entro la soglia critica di 1.5°C.

Per sbloccare questa situazione di stallo nei negoziati serve sin dalle prossime ore un segnale forte dell’Europa. Deve sostenere con forza la richiesta dei paesi in via di sviluppo di avviare qui a Katowice il processo per definire il nuovo obiettivo post-2025 che vada oltre i 100 miliardi di dollari l’anno già previsti entro il 2020. Nello stesso tempo, dovranno essere sottoscritti da parte dei paesi donatori impegni concreti per incrementare gli attuali aiuti – che secondo l’UNFCCC ammontano a circa 70 miliardi di dollari inclusi i 15 miliardi di provenienza privata – in modo da essere certi che si raggiunga l’obiettivo dei 100 miliardi entro il 2020, con un‘equa ripartizione tra mitigazione e adattamento, e che questo sostegno sia garantito negli anni successivi, in attesa di concordare il nuovo obiettivo post-2025. L’Europa si deve impegnare ad andare oltre gli attuali 20 miliardi di euro, incrementando soprattutto il sostegno alle azioni di adattamento.

Impegni finanziari che dovranno essere accompagnati dall’adozione nel Rulebook di solide e trasparenti norme contabili in grado di consentire una chiara rendicontazione del sostegno fornito ai paesi in via di sviluppo sia per la mitigazione e l’adattamento che per le perdite e i danni subiti dai cambiamenti climatici in corso. Solo così sarà possibili ricostituire una “Coalizione di Ambiziosi” in grado di ricreare lo spirito di Parigi. Quell’ampia alleanza trasversale tra paesi industrializzati emergenti e in via di sviluppo che consentì a Parigi l’adozione dell’Accordo e che a Katowice può avviare la sua traduzione in realtà.

Mauro Albrizio
Mauro Albrizio è responsabile dell'ufficio europeo di Legambiente a Bruxelles

Articoli correlati

Premio Luisa Minazzi Ambientalista dell’anno 2021

A Casale Monferrato dal 27 novembre al 4 dicembre il consueto appuntamento con il festival delle realtà virtuose. C'è ancora tempo fino al 28 novembre per votare sul sito www.premioluisaminazzi.it

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Economia circolare, 200 cittadini attivi in tutta Italia per il progetto “New Life”

Sostenuto da Crédit Agricole Italia e Legambiente, è volto alla riqualificazione urbana ma comprende anche tutorial con consigli per stili di vita sostenibili, dalla cucina degli scarti alla cosmesi naturale

FORUM QUALENERGIA SICILIA

Dalle 9.30 Forum Qualenergia Sicilia in diretta da Palermo. Un’occasione per confrontarsi con il mondo delle rinnovabili, per collaborare nella costruzione di un quadro normativo e di strumenti e azioni finalizzate a supportare il capitale tecnologico e umano necessario allo sviluppo sostenibile dell’isola.

FORUM ECONOMIA CIRCOLARE TOSCANA

Dalle 9,00 la sesta edizione dell'Ecoforum Toscana. L'esperienza virtuosa di Prato circular city che ha come obiettivo l'accelerazione nella transizione ecologica della città. Innovazione e sostenibilità nella mission dei gestori, in attesa del nuovo Prb. Il racconto dai distretti (cartario, tessile, lapideo, vitivinicolo), le politiche per la riduzione degli sprechi, la gestione dei rifiuti urbani e l’analisi dei flussi sugli speciali

Mediateca delle Terre, un archivio per la cultura contadina

Crocevia inaugura a Roma l’Archivio e Mediateca delle Terre: oltre mezzo secolo di storia contadina in duemila filmati, fotografie, diapositive, libri e riviste da tutto il mondo

Agroecologia, la pastora Assunta Valente premiata ambasciatrice del territorio da Legambiente

Il riconoscimento in occasione del III Forum nazionale dell'Agroecologia Circolare di Legambiente. L'imprenditrice, che svolge la sua attività sulla montagna del frusinate al confine con il Parco d’Abruzzo Lazio e Molise, da tempo è vittima di atti intimidatori. L'appello della documentarista Anna Kauber: "Non lasciamola sola"
Ridimensiona font
Contrasto