venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Cop24, è l’ora di passare dalle promesse ai fatti

Un'immagine di un convegno durante la Conferenza sul clima Cop24

Si è aperta domenica 2 dicembre a Katowice, in Polonia, la Conferenza sul Clima Cop24 in programma fino al 14 dicembre. Dopo la Conferenza di Parigi del dicembre 2015, quando il mondo si è messo in marcia verso un futuro rinnovabile e libero da fossili, l’appuntamento di questi giorni in Polonia rappresenta un’altra tappa cruciale. Ne è convinta Legambiente.

“In Polonia – dichiara Mauro Albrizio, responsabile dell’ufficio europeo dell’associazione ambientalista – si gioca molto del futuro dell’Accordo di Parigi. Non è ammesso un fallimento e molto dipenderà dalla leadership che l’Europa saprà mettere in campo. Serve un forte protagonismo europeo in grado di superare il minimalismo della presidenza polacca e consentire ad un’Europa coesa di essere il perno di una ‘Coalizione di Ambiziosi’, con il pieno coinvolgimento e supporto della Cina, in grado di ricreare lo spirito di Parigi. Una sfida che l’Europa può e deve vincere non solo per il successo di Katowice, ma soprattutto per accelerare la decarbonizzazione dell’economia europea e vincere la triplice sfida climatica, economica e sociale, creando nuove opportunità per l’occupazione e la competitività delle nostre imprese”.

Affinché le promesse fatte tre anni fa dai leader delle maggiori potenze politiche e industriali del pianeta si traducano in azioni concrete, a Katowice servono risposte chiare e decise da parte di tutta la comunità internazionale. 

“Ci aspettiamo che alla COP24 di Katowice ci sia una risposta politica chiara e forte dei governi al messaggio di urgenza e speranza inviato dall’IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico) per tradurre in realtà la promessa di Parigi – conclude Maurizio Albrizio -. Siamo ancora in tempo per contenere il surriscaldamento del pianeta entro la soglia critica di 1.5°C, ma per far ciò servono impegni di riduzione delle emissioni molto più ambiziosi di quelli sottoscritti a Parigi in modo da poter raggiungere zero emissioni nette entro il 2050 a livello globale”. 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Dubbi e criticità sul deposito nazionale rifiuti radioattivi

Dal rischio idrogeologico all’analisi del rischio di incidente rilevante fino alla conservazione delle aree protette: sono le prime anomalie riscontrate da Legambiente. "Un'opera necessaria che si potrà realizzare solo con un processo trasparente e il dibattito pubblico" Questo deposito s'ha da fare di F. DessìLeggi il numero di Nuova Ecologia "Uscita di sicurezza"

SCEGLI L’OLIO GIUSTO

DALLE 11,00 Presentazione dell'ebook "Scegli l'olio giusto. Come eliminare l'olio di palma dal serbatoio, e non solo". Scarica su store.lanuovaecologia.it

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il Regno Unito ridurrà le emissioni di CO2 entro il 2035

Il governo britannico fissa per legge l'obiettivo più ambizioso al mondo in materia di cambiamento climatico.  Johnson: "Vogliamo puntare in alto sulla tutela del clima"

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo
Ridimensiona font
Contrasto