giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Cop21, verso l’ultima notte

L’accordo sembra possibile. Ma sono chiare le implicazioni che comporterebbe? A Parigi la stretta finale
Il grande assente di JANDIRA MORENO DO NASCIMENTO
Le ong manifestano in plenaria di MATTIA LOLLI
Parigi, l’accordo è critico di TOSCA BARTOLINI
Cop21, l’Ue esca dall’ambiguità di MAURO ALBRIZIO
Visti dal satellite di VALERIA FIERAMONTE
Processo alla Exxon di ANDREA BAROLINI

A Parigi siamo alle battute finali. In un clima che non è mai stato così ottimista, ma che al tempo stesso è pervaso da preoccupazioni su alcuni punti decisivi della trattativa. Cominciamo con il limite di incremento di temperatura da non superare. Con il valore di 2 °C già da tempo acquisito, il pressing delle piccole isole a rischio sparizione è riuscito in questi anni a consolidare un ampio consenso sulla necessità di scendere ad un valore di 1,5 °C come soglia di sicurezza. Più di 100 paesi, inclusa la Ue, gli Usa e il Canada (la High Ambition Coalition), sostengono questo obiettivo. È possibile quindi che si arrivi ad una formulazione del tipo “l’aumento deve stare sotto i 2 °C e possibilmente tendere ad 1,5 °C”.

Purtroppo a questa formulazione avanzata non si accompagna una coerente valutazione delle implicazioni e a un salto di qualità nelle politiche da adottare. E non parliamo solo dell’Italia che appoggia il target di 1,5 °C ma punta alle trivellazioni e mette i bastoni fra le ruote alle politiche dell’efficienza e delle rinnovabili. Porsi questo obiettivo infatti comporterebbe la totale decarbonizzazione mondiale subito dopo la metà del secolo, mentre i paesi industrializzati dovrebbero diventare “fossil free” entro 25-30 anni. Se l’Europa, che ha guidato la lotta per il clima fino a poco tempo fa, volesse lanciare un segnale forte dovrebbe quindi rilanciare portando la riduzione prevista al 2030 dall’attuale 40% almeno al 45%… Un secondo aspetto delicato riguarda per l’appunto la rivisitazione degli obiettivi dei vari paesi. La preparazione della Cop21 con l’invio delle proposte seguendo un approccio “bottom up”, ha garantito di raggiungere un risultato positivo ma insufficiente. È dunque chiaro che quanto prima occorrerà alzare gli obiettivi. Questo sarà uno degli elementi più delicati e dirimenti dell’accordo che uscirà nelle prossime 24 ore. C’è chi, come gli Usa, propone una revisione già nel 2018 e chi, come diversi paesi in via di sviluppo, rimanda questa verifica al 2025.

La notte tra venerdì e sabato, come le precedenti del resto, fornisce ulteriori elementi utili per cercare di risolvere i contenziosi ancora aperti. Vedremo nelle prossime ore quale sarà la formulazione finale dell’accordo di Parigi. Potremo quindi valutare la bontà dei risultati e le debolezze ancora presenti. Pronti a proseguire nel cammino. Perché è chiaro che la Cop21 rappresenterà un passaggio importante ma insufficiente. Il percorso sarà ancora molto lungo.

Gianni Silvestrinihttps://www.lanuovaecologia.it
Direttore scientifico del Kyoto Club. della rivista e del portale QualEnergia. presidente Green Building Council Italia e del Coordinamento Free. è stato direttore generale al Ministero dell'ambiente. Coautore e curatore di vari libri (fra cui Architettura solare Clup 1984, Il futuro del sole Franco Angeli 1990, La corsa della green economy Edizioni Ambiente 2010, 2C° Edizioni Ambiente 2015).

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto