giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

COP 24, l’Italia si prepara alla Conferenza sul cambiamento climatico

Cop24 Logo

Il 29 novembre si è svolto presso il Ministero dell’Ambiente l’incontro tra la Coalizione Clima italiana e il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Al tavolo del dibattito i membri della Coalizione, dopo aver ricordato il pesante monito arrivato dall’ultimo report dell’IPCC (Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico) e dalla lettera congiunta firmata da 16 Capi di Stato tra cui il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, hanno manifestato le proprie preoccupazioni riguardo la crisi climatica che già colpisce duramente l’Italia. Il cambiamento climatico agisce infatti anche da moltiplicatore di problemi pre-esistenti, in particolare del dissesto idrogeologico, e sta provocando danni agli ecosistemi e alle attività umane – si pensi agli ingenti danni subiti dal sistema agricolo e forestale nel nord Italia – a seguito dell’intensificarsi degli eventi estremi.

Tra le proposte avanzate dalla Coalizione Clima al ministro Costa, la richiesta di arrivare nel più breve periodo possibile all’azzeramento delle emissioni gas serra, permettendo così all’Italia di non fallire l’obiettivo che la comunità Internazionale si è posta a Parigi nella COP 21. Transizione che “deve avvenire nel pieno rispetto dei diritti dei lavoratori, e che deve trovare la sua road map nell’imminente Piano Nazionale Energia e Clima, che il Governo è chiamato a presentare entro fine anno, garantendo una giusta transizione e percorsi democratici di partecipazione”, ha ricordato la Coalizione.

Il ministro Costa si è mostrato disponibile di iniziare un cammino condiviso, come ad esempio sulla protezione del suolo, ma ha ricordato che molti dei provvedimenti richiesti, per rendere efficace la battaglia climatica, sono di competenza di altri ministeri. È il caso della materia energetica, rispetto alla quale è il ministero dello Sviluppo Economico a possedere la delega. In tal senso, Costa si è reso disponibile ad aprire le porte degli altri dicasteri, spendendosi in prima persona per favorire il dialogo.

Infine, per quanto riguarda il ruolo che l’Italia avrà in Polonia, dove a Katowice dal 2 al 14 dicembre è in programma la prossima Conferenza sul Cambiamento Climatico COP 24, il titolare del ministero dell’Ambiente ha confermato che il nostro Paese porterà sul tavolo le posizioni ambiziose già avute negli scorsi mesi in Europa. “Sarà, bisogna ricordarlo per non illudere e restare ancorati alla realtà – ha affermato -, comunque un processo negoziale, dove in molti punteranno al ribasso sugli obiettivi. Da parte nostra faremo però il possibile per arrivare a un documento finale quanto più vicino alle nostre posizioni virtuose”.

Coalizione e Ministro si sono dati appuntamento per un nuovo confronto sulle rispettive valutazioni dei risultati ottenuti a COP 24 e, soprattutto, sulle iniziative da implementare in Italia.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto