Consumo di suolo: in Italia persi 2 metri quadri al secondo

Lo dice la seconda edizione del Rapporto Ambiente Snpa, presentato oggi da Ispra.Un dato comunque in calo rispetto al 2000 a causa della crisi economica

L'immagine di palazzi costruiti accanto a un terreno coltivato

In Italia ogni secondo vengono consumati 2 metri quadri di suolo, 120 ogni minuto.  Il dato è tra quelli contenuti nella seconda edizione del Rapporto Ambiente Snpa, presentato oggi da Ispra. Eppure secondo lo studio la velocità con la quale il suolo viene perso irreversibilmente non è la maggiore finora registrata. Nel 2000, infatti, i metri quadrati erano addirittura 8 al secondo.

Un rallentamento particolare è stato resgistrato nel 2016 e nel 2017, anni in cui le nuove coperture artificiali hanno riguardato 5.200 ettari di territorio, ovvero in media poco più di 14 ettari al giorno: circa 2 metri quadri di suolo sono. L’andamento fa parte di un trend iniziato nel periodo tra il 2008 e il 2013, anni in cui i metri quadro al secondo consumati erano stati tra i 6 e i 7.

“Il sensibile rallentamento – precisa però il rapporto – è probabilmente dovuto all’attuale congiuntura economica più che a una reale aumentata sensibilità ambientale verso le problematiche della conservazione del suolo”.