mercoledì 27 Gennaio 2021

Concorso fotografico Erosioni, iscrizioni fino al 31 dicembre

di Redazione Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani

Il 21 luglio scorso l’Osservatorio Paesaggi Costieri Italiani di Legambiente ha lanciato Erosioni, un concorso fotografico mirato a denunciare l’erosione in corso lungo i litorali italiani.

I partecipanti – di ogni età e nazionalità, fotografi esperti, amatori o dilettanti – sono invitati a presentare una narrazione fotografica composta da un massimo di cinque immagini, per denunciare l’erosione costiera come fenomeno in fase di evidente accelerazione per l’azione del vento e del mare, più in generale delle tempeste sempre più frequenti a causa del cambio di clima; e per le opere di difesa, molto spesso invasive e inopportune, che minacciano di alterare i caratteri identitari dei nostri “paesaggi vista mare”.
Il concorso rappresenta l’occasione per approfondire gli studi sui cambiamenti in atto; per capire le dinamiche di trasformazione e i processi naturali in continua evoluzione dei territori costieri. Ma anche per riflettere sulla possibilità di realizzare interventi di adattamento climatico che mitighino i rischi, rispettando la bellezza dei patrimoni naturali e costruiti che abbiamo ereditato.

Le proposte pervenute fino ad oggi sono particolarmente interessanti in quanto raccontano il profilo di una Italia martoriata dal clima impazzito e dalle scelte di intervento troppo spesso errate; al tempo stesso, danno voce a un senso di appartenenza profondo e al desiderio di cambiamento nella gestione dei litorali.

Per candidarsi, c’è tempo fino al 31 dicembre 2020 e la partecipazione è gratuita. Una giuria interdisciplinare, composta da Alex Giuzio (giornalista), Michele Manigrasso (architetto), Enzo Pranzini (geologo), Luca Tamagnini (fotografo), Alessandra Viola (giornalista) decreterà i vincitori in data 1 Marzo. Le foto dei finalisti e dei vincitori saranno esposte sul portale dell’Osservatorio; verrà organizzata una mostra, in programma a giugno 2020 durante la quale verranno consegnati i premi ai vincitori e pubblicate le foto
su un catalogo dedicato.
Per maggiori dettagli sulla partecipazione al concorso e le modalità di presentazione delle foto, è possibile consultare il bando.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Fusione dei ghiacci a ritmi record, dal ’94 persi 28 trilioni di tonnellate

Il primo studio effettuato con dati satellitari da un gruppo di ricerca dell'Università di Leeds conferma che il fenomeno è ormai in linea con gli scenari più preoccupanti previsti dagli esperti

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Il biometano al centro della campagna Unfakenews contro le bufale ambientali

Prosegue l'impegno di Legambiente e Nuova Ecologia per fare chiarezza su temi ostacolati dall'opinione pubblica. Questo mese il biocombustibile a km0

Biometano, ecco le risposte che cerchi

È al centro della campagna Unfakenews di Legambiente e Nuova Ecologia contro le bufale ambientali. Non c'è spazio per i dubbi

Emilia-Romagna a biogas, una regione circolare

Transizione verso le rinnovabili, ottimizzazione della differenziata e riduzione degli spandimenti fuori legge. Sono i vantaggi degli impianti a biometano

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente