Clima, un wall painting a Venezia

L’opera è stata inaugurata la scorsa settimana. L’obiettivo è  far capire a tutti i rischi che corre la città lagunare

di ROBERTO CONSIGLIO

I cambiamenti climatici, nel prossimo futuro, comporteranno vari problemi in molte zone del globo. Ma c’è chi rischia di più. Come Venezia. E’ proprio qui che lo scorso 27 ottobre è stato inaugurato il Climate 04 Sea Level Rise. Si tratta di un vero e proprio wall painting, alto 6 metri e lungo 100 m, ideato dall’artista visivo Andreco.

L’opera, che si trova presso il Canal Grande nella zona di Fondamenta Santa Lucia, vuole mettere in risalto il rischio che la città lagunare corre a causa dell’innalzamento del mare che la circonda. Un fattore causato dai cambiamenti climatici che, negli ultimi tempi, stanno determinanti eventi sempre più estremi: da siccità ad alluvioni.

Il progetto artistico è stato realizzato grazie alla collaborazione di alcune importanti organizzazioni internazionali. L’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc), Delta Committee e Wgbu, sono quelle organizzazioni che, col lavoro del climatologo Stefan Rahmstorf e dei ricercatori del Cnr-Ismar, hanno cercato di far aprire gli occhi sugli effetti che l’innalzamento delle acque avrebbe sulla città veneta. La stessa Venezia, infatti, secondo alcuni studi scientifici, è uno dei centri urbani che maggiormente corre un rischio del genere. Questo evento è la terza tappa del progetto itinerante Climate, nato nel novembre 2015 a Parigi poche settimane prima l’apertura della Cop 21.

Il progetto è ideato dalla collaborazione tra diversi soggetti, sia pubblici che privati. Dall’Università  IUAV di Venezia al CNR-ISMAR. Un lavoro collettivo che ha dato buoni frutti.