Clima: scontro a Cop24

Usa, Russia, Arabia e Kuwait bocciano il rapporto del Comitato dell’Onu per il clima, l’Ipcc. Questi Paesi non hanno voluto inserire nel documento finale una frase che dava “il benvenuto” al documento / Cop24: è l’ora di passare dalle promesse ai fatti / ICONA documenti L’analisi di MAURO ALBRIZIO ICONA recensioni Emissioni di C02: l’appello di Slow Food ICONA recensioni Ministro Costa: “alzeremo le ambizioni dell’Italia” ICONA recensioni La voce dei più poveri: “siamo i più vulnerabili ai cambiamenti climatici” ICONA recensioni Il blitz “Agire ora per restare a galla” ICONA recensioni Presentato il Rapporto Germanwatch 2019 ICONA recensioni Città e regioni d’Europa pronte a fare la loro parte

Un'immagine di un convegno durante la Conferenza sul clima Cop24

Si è profilato uno scontro istituzionale quando Usa, Arabia, Kuwit e Russia non hanno voluto inserire nel documento finale della Cop24 una frase che dava “il benvenuto” al documento dell’Ipcc, preferendo invece una frase più soft, con la quale la Conferenza “prendeva nota” delle indicazioni del documento.

Quando il rapporto del Comitato dell’Onu per il clima, l’Ipcc, fu pubblicato agli inizi di ottobre, attirò l’attenzione in tutto il mondo, contenendo allarmi seri e circostanziati sui rischi collegati all’aumento delle temperature, attualmente fuori dai binari tracciati, più verso un aumento di 3 gradi centigradi che di 1,5 come invece previsto negli accordi di Parigi del 2015.

Ma questo documento è diventato un nuovo terreno di scontro fra i Paesi più restii ad accettare il cambiamento climatico (in questo caso Russia, Stati Uniti, Arabia e Kuwait) e gli altri convenuti alla Conferenza climatica COP24 in corso in Polonia.

Alla fine, nell’impossibilità di raggiungere un accordo, in base alle regole dell’Onu quel passaggio del testo è stato accantonato. In molti Paesi non hanno nascosto la propria frustrazione e delusione: “non si tratta di questa o quella parola, si tratta di accettare un documento che noi stessi abbiamo commissionato”, ha dichiarato dal palco Ruenna Haynes, delegata di St Kitts and Nevis, riscuotendo l’applauso della platea. “Siamo molto arrabbiati e riteniamo atroce che alcuni Paesi abbiano trascurato i messaggi e le conseguenze che questi comportano, non accettando quanto sia obbligatorio agire su questo fronte”, ha detto Yamide Dagnet del World Resources Institute e precedentemente della delegazione del Regno Unito: “spero sinceramente che tutti i Paesi combatteranno per questo e che non chiuderemo la Cop24 facendoci sfuggire un momento storico”.