sabato 24 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, pesci in fuga dall’equatore

Secondo un recente studio è già troppo caldo ai tropici perché alcune specie sopravvivano. Per questo si stanno allontanando in massa

Le specie marine non possono vivere più all’equatore a causa del riscaldamento globale. Proprio per questo in un nuovo studio si è analizzato gli spostamenti dei pesci dall’equatore verso zone più fresche.

Lo studio

La ricerca ha analizzato circa 7 milioni di dati che coprono 48.661 specie, dai grandi mammiferi marini come le balene alle meduse e ai coralli. Il database inizia nel 1955. Le specie di nuoto libero sono diminuite all’equatore con l’aumento delle temperature. Anche questa fascia intorno all’equatore, dove la ricchezza delle specie stava diminuendo, si stava allargando. Scienziati dell’Università della Sunshine Coast, dell’Università di Auckland, dell’Università del Queensland e dell’agenzia scientifica australiana CSIRO, hanno collaborato alla ricerca. La ricerca, nella rivista Proceedings of the National Academy of Sciences, afferma: “Il riscaldamento degli oceani sta quindi causando cambiamenti su larga scala nella distribuzione latitudinale globale della biodiversità marina. Nonostante il minor riscaldamento nell’oceano che sulla terra, le specie marine stanno spostando la loro distribuzione più velocemente o più velocemente in risposta al riscaldamento rispetto a quelle sulla terra

Il futuro del mare

Si sono analizzate quasi 50.000 specie marine tra il 1955 e il 2015 rilevando che un impatto previsto del riscaldamento globale, come le specie che si allontanano dall’equatore, può ora essere osservato su scala globale. Un ulteriore riscaldamento globale, che ora è inevitabile, ridurrebbe ulteriormente la ricchezza delle specie nell’oceano nelle regioni tropicali. Gli scienziati hanno affermato che le conseguenze del cambiamento potrebbero essere profonde e difficili da prevedere.

Effetti sulla pesca e sul turismo

Le reti alimentari marine potrebbero essere radicalmente alterate dal riscaldamento degli oceani, avvertono gli scienziati. Lo studio afferma che i dati “suggeriscono che è già troppo caldo [all’equatore] per la sopravvivenza di alcune specie”


Le specie attaccate al fondo dell’oceano non sono diminuite, ma la diversità delle specie che nuotano liberamente come i pesci è diminuita in modo significativo tra il 1965 e il 2010. Schoeman, coautore dello studio dell’Università della Sunshine Coast, ha affermato che il calo della ricchezza delle specie avrebbe probabilmente influenzato le comunità che facevano affidamento sull’oceano per il cibo nelle aree in cui trovavano pesci che non erano più lì. Queste specie non sono scomparse, sono uscite dai tropici. “Non si verifica solo un riscaldamento graduale, ma si sovrappongono anche ondate di calore marine che stanno diventando sempre più frequenti e più gravi. Sono in parte responsabili del rapido movimento delle specie tropicali “.

Anche le economie che facevano affidamento sui turisti in visita a luoghi per la loro biodiversità unica potrebbero essere colpite, ha affermato. Anche se lo studio non ha cercato di valutare se il riscaldamento stesse causando estinzioni, Schoeman ha detto che ciò non significa che le estinzioni non si stessero verificando. Certamente c’era il rischio di “estirpazione” dove anche specie comuni potevano essere spinte in zone più fresche.

Le reti alimentari marine potrebbero essere radicalmente alterate dal riscaldamento degli oceani, avvertono gli scienziati. Lo studio afferma che i dati “suggeriscono che è già troppo caldo [all’equatore] per la sopravvivenza di alcune specie”. L’oceano ha assorbito circa il 90% del riscaldamento globale dagli anni ’70, causato principalmente dalla combustione di combustibili fossili e dalla deforestazione. Schoeman ha detto che il tasso di riscaldamento è stato “piuttosto intenso e sta diventando sempre più intenso” e continuerà per decenni anche con tagli ambiziosi alle emissioni di gas serra.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone

FestambienteSud, al via il 23 luglio la XVII edizione del Festival di Legambiente

Appuntamento dal 23 al 25 luglio a Monte Sant’Angelo e dal 31 luglio al 2 agosto a Vieste e in Foresta Umbra. Annunciati i Comuni Ricicloni e quelli virtuosi per la raccolta differenziata che riceveranno un premio speciale
Ridimensiona font
Contrasto