martedì 15 Giugno 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La “febbre” sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

Dieci anni fa, i pesci morti iniziarono a finire a riva sulle spiagge dell’Australia occidentale. Un’enorme fascia di acqua insolitamente calda ha devastato foreste di alghe e decine di creature marine importanti dal punto di vista commerciale, dalle capesante all’aragosta. Nelle settimane successive, alcune delle attività di pesca più redditizie dell’Australia occidentale sono state sul punto di essere spazzate via.

Dopo la crisi, gli scienziati si sono riuniti per valutare i danni e cercare di capire cosa avesse causato l’insolito riscaldamento. “Questo evento ha avuto davvero conseguenze così devastanti per gli ecosistemi marini”, afferma Jessica Benthuysen, oceanografa fisica presso l’Australian Institute of Marine Science di Perth. Da quell’evento, i ricercatori hanno visto dozzine di simili ondate di caldo nelle regioni oceaniche di tutto il mondo e ora hanno dato loro un nome: ondate di calore marine. Sebbene gli scienziati abbiano escogitato diversi modi per definire gli eventi, generalmente concordano sul fatto che coinvolgono periodi di caldo nelle acque superficiali dell’oceano che durano almeno cinque giorni e raggiungono una soglia di temperatura ben al di sopra dell’intervallo normale.

Catena alimentare in crisi

Gli effetti delle ondate di calore marine possono riverberarsi lungo la catena alimentare, afferma Pippa Moore, ecologa della comunità marina presso l’Università di Newcastle, nel Regno Unito. L’acqua calda e povera di nutrienti nel Pacifico nord-occidentale durante un’ondata di caldo marino del 2013-16 nota come The Blob ha devastato la crescita del fitoplancton. Quindi, le popolazioni di salmone Chinook (Oncorhynchus tshawytscha) sono precipitate e fino a un milione di uccelli marini sono morti nel Golfo dell’Alaska. Le ondate di calore marine hanno anche causato enormi quantità di sbiancamento dei coralli nelle barriere coralline di tutto il mondo negli ultimi decenni.

Ondate di calore in peggioramento

Come le loro controparti nell’atmosfera, le ondate di calore marine stanno peggiorando: il cambiamento climatico sta amplificando la loro frequenza (vedi “Acque febbrili”), estendendone la lunghezza e spingendole a temperature più elevate. Tutto ciò premia la comprensione delle loro cause e l’apprendimento di come prevederle. Tali previsioni aiuterebbero i gestori della pesca a decidere se limitare i raccolti o addirittura chiudere completamente alcune zone alla pesca. Per ora, i metodi di previsione sono ancora agli inizi. Ma con nuovi set di dati osservativi, modelli in continuo miglioramento e attenzione globale rivolta alla comprensione dei fenomeni, gli scienziati sperano di migliorare sostanzialmente le loro previsioni nei prossimi anni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

Transizione energetica, creare valore per le persone e le comunità

È l'orizzonte che si pone la strategia di sostenibilità del Gruppo Maire Tecnimont. Individuati quattro macroaree di intervento e otto obiettivi prioritari per il 2025, in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Come scegliere l’auto meno cara e inquinante?

In Svizzera è il Touring Club a suggerire agli automobilisti auto elettriche che costino poco. Ma per il consumatore un'attenzione resta d'obbligo: non lasciarci influenzare dallo sconto all’acquisto e dal risparmio per carburante e manutenzione

#liberidaiVeleni, terza tappa della campagna di Legambiente sul fiume Fratta Gorzone

Dopo la Terra dei Fuochi in Campania e la Valle del Sacco nel Lazio, è stata la volta del corso d'acqua colpito dall’inquinamento da Pfas. Appello di Legambiente al ministero della Transizione ecologica: "Accelerare le bonifiche di acque, falde e suoli"

Le imprese green sono quelle che resistono di più alla crisi del Covid

Il 16% delle imprese eco-investitrici ha aumentato il proprio fatturato nell’ultimo anno. È il quadro che emerge alla fine del progetto Ecco - Economie Circolari di COmunità, promosso da Legambiente

Il rovescio dei reflui

In tre isole greche, e nella nostra Gorgona, si sperimentano sistemi per recuperare le sostanze nutritive delle acque di scarico. Per ridurre il danno ambientale e sviluppare l’economia

Mosaico Verde, messi a dimora 267mila alberi in 60 aree gestite da Comuni

Presentati il 9 giugno a Roma i risultati raggiunti dalla campagna nel triennio 2018-2021. Grazie ai nuovi alberi piantati si stima per i prossimi anni un assorbimento di circa 186.900 tonnellate di CO2
Ridimensiona font
Contrasto