sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, il governo francese condannato per la sua inazione

Tra il 2015 e il 2018 registrato uno sforamento di 62 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. Il tribunale amministrativo di Parigi ha stabilito che l’esecutivo transalpino dovrà rimediare entro la fine del 2022

L’aver abbattuto le emissioni di sostanze inquinanti meno di quanto promesso costerà caro al governo francese. Il tribunale amministrativo di Parigi, nell’ambito di un processo ribattezzato dalla stampa transalpina l’“Affaire du siècle”, ha infatti stabilito che l’esecutivo dovrà rimediare entro la fine del 2022 alla sua inazione climatica.

Dopo il richiamo del febbraio scorso, arriva dunque una sentenza storica in base alla quale il governo è obbligato sul piano legale a correre ai ripari con azioni concrete. Prima della Francia era toccato alla Germania, al cui governo è stato però imposto il più generico obbligo di proteggere le generazioni futuro e di puntare su piani di abbattimento delle emissioni più ambiziosi per i prossimi anni.

Tornando alla decisione del tribunale amministrativo di Parigi, l’avvio del procedimento risale al 2019 grazie alla perseveranza delle ong Notre affaire à tous, Greenpeace, la branca francese di Oxfam e la fondazione Nicolas Hulot. Sotto accusa le performance ambientali sotto le aspettative del triennio 2015-2018, nel corso del quale è stata sforata quota 62 MtCO2e (milioni di tonnellate di CO2 equivalente). Considerato che nel frattempo la pandemia ha contribuito parzialmente a compensare per gli sforamenti, entro la fine del prossimo anno la Francia dovrà rientrare di 15 MtCO2e. Entro la fine del prossimo anno, il governo deve adottare le misure necessarie per rientrare da questa quantità di gas serra rilasciata in eccesso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto