venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, i giovani attivisti sono tornati a manifestare nelle piazze italiane

Venerdì, centinaia di ragazzi, un solo obiettivo. Roma, Torino, Milano, ma anche Brescia, Napoli e tante altre: nelle maggiori città italiane da stamattina si manifesta per l’ambiente, per il nostro pianeta, contro il cambiamento climatico in atto. E’ il sesto Global strike organizzato dai sostenitori del movimento attivista FridaysForFuture, nato sull’onda delle manifestazioni di Greta Thunberg, che non si arrendono e continuano a farsi sentire, nel momento in cui l’Unione Europea ha deciso di diminuire le emissioni inquinanti del 60% entro il 2030.

“Giustizia climatica”, “Recovery Planet”, “Non c’è più tempo”: i cartelloni in piazza parlano chiaro e raccontano l’esigenza dei ragazzi, consapevoli di appartenere all’ultima generazione che può ancora salvare il salvabile.

In Piazza del Popolo, a Roma, sono centinaia a sostenere i “venerdì per il clima”, da più di cento scuole della città, tutti rigorosamente dotati di mascherina e distanziati tra loro. I più attesi sono gli attivisti di “The save movement”, vestiti di nero, che insceneranno un corteo funebre, con tanto di bare a simboleggiare la morte di animali, uomini e ambiente.

A Torino invece, da stamattina alle 9.30, i ragazzi manifestano ognuno posizionato su una croce disegnata a terra con il gesso per garantire la distanza di sicurezza. Ad accoglierli, manifestanti con gel disinfettanti.

A Milano, intanto, gli attivisti sfilano ricordando l’importanza del Recovery Fund. Dal loro profilo social, i ragazzi del gruppo Fridays For Future Milano spiegano: “Da piazza Cairoli verso piazza Duomo attaccati a un lungo nastro che ci sta permettendo di sfilare per la città rispettando tutte le precauzioni sanitarie per il Covid! Abbiamo deciso di scendere in piazza perché é necessario far sentire la voce degli attivisti in un momento fondamentale in cui i governi stanno decidendo come spendere gli enormi fondi del Recovery Fund e le compagnie fossili stanno facendo di tutto per continuare col loro modello di business. Stiamo dimostrando a tutta Milano che siamo capaci di far sentire la nostra voce rispettando le misure di contenimento del Coronavirus!”

In linea con il pensiero dei tanti ragazzi nelle piazze, partecipano allo sciopero  anchegli attivisti di Extintion Ribellion, che hanno bloccato uno degli ingressi della sede romana di ENI con uno striscione significativo con la scritta “CiAvvelENI”. In 60 si sono incatenati sotto la sede, dopo aver mandato una lettera al ministro StefanoPatuanelli che recita Eni è una delle aziende più inquinanti al mondo e gioca con il termine sostenibilità in maniera indegna, sperando di convincere la cittadinanza con pubblicità in cui si vedono mondi equi e fiorenti e si sentono messaggi che incitano i 

singoli a cambiare i propri comportamenti perché Eni lo ha già fatto. Non è più sopportabile questa narrativa di “greenwashing”. In tanti, tutti insieme, per il nostro futuro.

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto