giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, i giovani attivisti sono tornati a manifestare nelle piazze italiane

Venerdì, centinaia di ragazzi, un solo obiettivo. Roma, Torino, Milano, ma anche Brescia, Napoli e tante altre: nelle maggiori città italiane da stamattina si manifesta per l’ambiente, per il nostro pianeta, contro il cambiamento climatico in atto. E’ il sesto Global strike organizzato dai sostenitori del movimento attivista FridaysForFuture, nato sull’onda delle manifestazioni di Greta Thunberg, che non si arrendono e continuano a farsi sentire, nel momento in cui l’Unione Europea ha deciso di diminuire le emissioni inquinanti del 60% entro il 2030.

“Giustizia climatica”, “Recovery Planet”, “Non c’è più tempo”: i cartelloni in piazza parlano chiaro e raccontano l’esigenza dei ragazzi, consapevoli di appartenere all’ultima generazione che può ancora salvare il salvabile.

In Piazza del Popolo, a Roma, sono centinaia a sostenere i “venerdì per il clima”, da più di cento scuole della città, tutti rigorosamente dotati di mascherina e distanziati tra loro. I più attesi sono gli attivisti di “The save movement”, vestiti di nero, che insceneranno un corteo funebre, con tanto di bare a simboleggiare la morte di animali, uomini e ambiente.

A Torino invece, da stamattina alle 9.30, i ragazzi manifestano ognuno posizionato su una croce disegnata a terra con il gesso per garantire la distanza di sicurezza. Ad accoglierli, manifestanti con gel disinfettanti.

A Milano, intanto, gli attivisti sfilano ricordando l’importanza del Recovery Fund. Dal loro profilo social, i ragazzi del gruppo Fridays For Future Milano spiegano: “Da piazza Cairoli verso piazza Duomo attaccati a un lungo nastro che ci sta permettendo di sfilare per la città rispettando tutte le precauzioni sanitarie per il Covid! Abbiamo deciso di scendere in piazza perché é necessario far sentire la voce degli attivisti in un momento fondamentale in cui i governi stanno decidendo come spendere gli enormi fondi del Recovery Fund e le compagnie fossili stanno facendo di tutto per continuare col loro modello di business. Stiamo dimostrando a tutta Milano che siamo capaci di far sentire la nostra voce rispettando le misure di contenimento del Coronavirus!”

In linea con il pensiero dei tanti ragazzi nelle piazze, partecipano allo sciopero  anchegli attivisti di Extintion Ribellion, che hanno bloccato uno degli ingressi della sede romana di ENI con uno striscione significativo con la scritta “CiAvvelENI”. In 60 si sono incatenati sotto la sede, dopo aver mandato una lettera al ministro StefanoPatuanelli che recita Eni è una delle aziende più inquinanti al mondo e gioca con il termine sostenibilità in maniera indegna, sperando di convincere la cittadinanza con pubblicità in cui si vedono mondi equi e fiorenti e si sentono messaggi che incitano i 

singoli a cambiare i propri comportamenti perché Eni lo ha già fatto. Non è più sopportabile questa narrativa di “greenwashing”. In tanti, tutti insieme, per il nostro futuro.

 

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Giulia Assogna
Biologa specializzata in Biodiversità e Gestione degli ecosistemi. Dopo lo studio in Spagna, un periodo di ricerca sul campo nella foresta brasiliana (Bahia) e un Master in Comunicazione della scienza, ora si occupa di giornalismo ambientale, ecologia, evoluzione e progressi biotecnologici. Collabora con La Nuova Ecologia, Le Scienze e Mind.

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto