sabato 28 Novembre 2020

Clima, entro il 2050 caldo intollerabile per oltre un miliardo di persone

Clima

Entro i prossimi cinquant’anni oltre un miliardo di persone vivrà in aree in cui le alte temperature saranno insopportabili. Il caldo costringerà la maggior parte di esse a emigrare verso territori in cui il clima è più mite. A dirlo è uno studio del Pnas (Proceedings of the National Academy of Science) degli Stati Uniti, citato dal quotidiano britannico Guardian, focalizzato sull’impatto delle modifiche al clima sull’habitat della specie umana. 

A condurre la ricerca è stato un team di specialisti delle università di Nanchino, Pullman, Exeter, Aarhus e Wageningen. Secondo lo studio nello scenario peggiore, che sarebbe caratterizzato da un aumento incontrollato delle emissioni di sostanze inquinanti e del riscaldamento globale e dal conseguente innalzamento delle temperature medie fino a 3 gradi da qui alla fine del secolo, aree del pianeta che attualmente ospitano un terzo della popolazione mondiale soffriranno un caldo pari, se non maggiore, rispetto a quello che si registra nella regione desertica del Sahara.

Nella prospettiva più ottimistica, almeno 1,2 miliardi di persone residenti in India, 485 milioni in Nigeria e oltre 300 milioni tra Pakistan, Indonesia e Sudan, finiranno con il vivere in condizioni climatiche praticamente insostenibili, vale a dire con temperature medie di 29 gradi, livello che ad oggi si riscontra “solo” nello 0,8% della superficie terrestre, in zone desertiche di fatto invivibili.

Questo cambiamento del clima nel prossimo mezzo secolo, oltre a rappresentare un’anomalia straordinaria rispetto agli ultimi seimila anni, avrà come conseguenze dirette l’ingrossamento dei flussi migratori principalmente verso il Mediterraneo e nuove crisi umanitarie di sempre più difficile gestione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,148FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia

Al via la campagna “Compostabile, una scelta naturale” sul corretto smaltimento di biopolimeri

Vanno nell’umido insieme agli scarti di cucina, per essere trasformati in compost. BioTable e Legambiente per un’economia circolare

Le regioni con maggiori fragilità sociali sono anche quelle con più criticità ambientali

È quanto emerge dal rapporto "Territori civili. Indicatori, mappe e buone pratiche verso l’ecologia integrale" di Caritas e Legambiente che racconta il territorio italiano

Armi, secondo la Legge di Bilancio nel 2021 verranno spesi 6 miliardi di euro

Campagna Sbilanciamoci e Rete Italiana Pace e Disarmo: "Per noi è chiaro. Più sanità e istruzione, meno armamenti"

Alluvione a Crotone, “per l’emergenza climatica il tempo è scaduto”

Appello di Legambiente Calabria dopo l'ennessimo disastro ambientale nella città calabrese. La presidente Anna Parretta: "Indispensabile che la Regione Calabria affronti l’emergenza climatica a partire dai nodi irrisolti del dissesto idrogeologico, dell’abusivismo edilizio e delle scelte urbanistico-edilizie totalmente errate”