martedì 26 Gennaio 2021

Clima ed energia. Le scelte della transizione

energia solare

XI Congresso nazionale di Legambiente – La piazza tematica “Energia e clima”

Accelerare gli impegni con obiettivi più ambiziosi, coinvolgere cittadini, sindaci e imprese, continuare nella mobilitazione internazionale. Di fronte a una crisi climatica che sta provocando impatti sempre più devastanti in ogni parte del mondo, l’impegno per Legambiente nei prossimi anni si muoverà intorno a questi tre obiettivi fondamentali. Ne parleremo a Napoli, al nostro Congresso nazionale, in una delle cinque piazze tematiche, organizzate con l’obiettivo di mettere a fuoco il lavoro che dovremo portare avanti, a tutti i livelli dell’associazione, per fare in modo che la forza e l’entusiasmo portati dalla mobilitazione dei Fridays for future possano trasformarsi in impegni concreti e obiettivi più ambiziosi nella lotta ai cambiamenti climatici.

Nella discussione coinvolgeremo mondi diversi, a partire dai territori e dalle imprese che già hanno deciso di scommettere in questa direzione. Per riuscirci avremo infatti bisogno di lavorare ad alleanze sempre più ampie e radicate – in modo da portare un cambiamento trasversale ai diversi settori e aprire opportunità per tutti – per arrivare ad aggredire i problemi di inquinamento e di degrado, per portare innovazione e creare lavoro attraverso l’autoproduzione da rinnovabili, l’economia circolare, la qualità dello sviluppo. Mai come oggi la chiave ambientalista risulta imprescindibile per capire il mondo in cui viviamo e per tracciare una rotta fuori dalla crisi, ma dobbiamo fare attenzione che queste opportunità siano davvero per tutti. Va in questa direzione il lavoro fatto assieme al Forum delle disuguaglianze e diversità, con cui abbiamo presentato le proposte per la legge di bilancio e avviare la transizione ecologica e sociale di cui abbiamo bisogno.

Abbiamo dimostrato che non valgono più le scuse e i rinvii per dare gambe alla svolta green nel bilancio dello Stato. Possiamo infatti trovare le risorse in tre ambiti fondamentali: spostando la fiscalità sulle fonti fossili e abolendo i sussidi contro l’ambiente, riformando le concessioni sui beni comuni e ambientali e spostando gli investimenti verso economia circolare e fonti rinnovabili. Già nel 2020 lo Stato potrebbe recuperare oltre un miliardo di euro da rendite ai danni dell’ambiente e sussidi alle fonti fossili che possono essere investiti in interventi di cui il Paese ha urgente bisogno. La revisione della fiscalità legata a obiettivi ambientali, la riconversione dei sussidi alle fossili in incentivi e investimenti green e l’introduzione di una carbon tax potrebbero permettere di recuperare importanti risorse, da destinare per metà agli investimenti green e per metà alla riduzione della fiscalità sul lavoro, in particolare per chi guadagna di meno.
Attraverso la chiave del clima possiamo aprire opportunità straordinarie di rilancio economico e di riqualificazione, nella direzione di una transizione ecologica guidata da obiettivi di giustizia sociale. A Napoli avremo l’occasione per confrontarci sulle idee e le proposte per intraprendere questa strada. Nel frattempo la mobilitazione non si ferma: prossima tappa lo sciopero mondiale per il clima indetto per il 29 novembre.

foto di edoardo Zanchini‘Attraverso la chiave del clima possiamo aprire opportunità straordinarie di rilancio economico e di riqualificazione, ma dobbiamo fare in modo che siano davvero per tutti’

Edoardo Zanchini, vicepresidente nazionale di Legambiente

Edoardo Zanchinihttps://www.lanuovaecologia.it
Vicepresidente nazionale di Legambiente. twitter @ezanchini

Articoli correlati

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Life Delfi, cresce la rete di soccorso dei mammiferi marini in difficoltà

Nel primo anno di attività il progetto europeo ha permesso di formare e attivare i futuri rescue team che interverranno in mare o sulle coste per salvare cetacei spiaggiati o rimasti impigliati nelle reti da pesca

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia