sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima di guerra

Unamid in Darfur

di EMILIO BIANCO

Viene finalmente riconosciuta la correlazione fra cambiamento climatico e guerre. È un rapporto dell’istituto Adelphi, commissionato a giugno dai paesi del G7 e realizzato col sostegno del ministero degli Esteri tedesco, a denunciare come le problematiche ambientali siano la causa diretta di ben 79 conflitti in corso nel mondo, di cui 19 considerati di “massima intensità”. Il report – presentato ieri alla Camera dei deputati dall’Intergruppo bicamerale per il clima Globe Italia in occasione del convegno “La sfida del clima per la sicurezza e la pace” – risulta quanto mai allarmante: «La diminuita disponibilità di risorse naturali e di mezzi di sostentamento, il degrado ambientale, le catastrofi dovute al ripetersi di eventi eccezionali – spiega Stella Bianchi, presidente di Globe Italia e deputata del Partito democratico – aumentano, assieme al rischio di conflitti, il bacino potenziale a cui il terrorismo può attingere».

Si tratta di conflitti di diversa natura ma tutti legati a problematiche ambientali, la stessa guerra in corso in Siria ha origine nella terribile siccità che ha colpito il paese mediorientale nel 2006. Per non dire del conflitto che sta insanguinando il Sudan da oltre dieci anni per il controllo delle risorse idriche. È insomma sempre più evidente la necessità che tutti gli Stati lavorino in sinergia per limitare la proliferazione di situazioni a rischio. «È una sfida per la sicurezza globale – ha dichiarato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un messaggio inviato a Globe Italia – Sappiamo che non sarà facile mettere d’accordo duecento Stati ma è necessario passare dalla logica di Kyoto, che riguardava un solo gruppo di paesi, a un vincolo che impegni l’intera comunità internazionale».

Il rallentamento del cambiamento climatico è essenziale per la prevenzione dei conflitti, «inevitabili quando vengono a mancare acqua o terra da coltivare – riprende Stella Bianchi, – Parigi deve segnare l’inizio di un’economia nuova, di un nuovo modello di sviluppo per un mondo più giusto e sicuro. La conferenza Onu di Parigi è di fatto una straordinaria conferenza per la pace».

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto