giovedì 16 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, appello di 200 riviste mediche: “Fermare la più grande minaccia per la salute”

Magazine autorevoli tra cui British Medical Journal e Lancet, chiedono un intervento immediato ai grandi del pianeta per impedire l’aumento delle temperature sopra 1,5°C: “La scienza è inequivocabile, si rischiano danni catastrofici che sarà impossibile invertire” 

Sono oltre duecento le riviste mediche diffuse in tutto il mondo che chiedono ai leader del pianeta un intervento urgente per fermare la crisi climatica in atto. Su ognuno dei magazine che aderiscono all’appello, a partire dai prossimi giorni verrà pubblicato lo stesso editoriale in cui si invoca l’adozione di misure necessarie per fermare quella che viene definita come la “più grande minaccia per la salute pubblica”. L’editoriale apparirà su British Medical Journal, Lancet, New England Journal of Medicine, East African Medical Journal, Chinese Science Bulletin, National Medical Journal of India, Medical Journal of Australia e su 50 riviste specializzate. Secondo una stima del British Medical Journal, è la prima volta che così tante pubblicazioni di settore si uniscono per lanciare lo stesso appello.

L’iniziativa arriva a ormai poche settimane dalla prossima Assemblea generale delle Nazioni Unite e dall’atteso vertice sul clima Cop26 in programma a novembre a Glasgow. “In vista di questi incontri cruciali, chiediamo un’azione urgente per mantenere l’aumento medio della temperatura globale al di sotto di 1,5°C, arrestare la distruzione della natura e proteggere la salute – si legge nell’editoriale – La salute è già stata danneggiata dall’aumento della temperatura globale e dalla distruzione della natura, uno stato di cose su cui gli operatori sanitari hanno attirato l’attenzione per decenni”. E, ancora: “La scienza è inequivocabile; un aumento globale di 1,5°C al di sopra della media preindustriale e la continua perdita di biodiversità rischiano di causare danni catastrofici alla salute che sarà impossibile invertire. Nonostante la necessaria preoccupazione del mondo per il Covid-19, non possiamo aspettare che passi la pandemia per ridurre rapidamente le emissioni”. L’appello è che sia dunque l’anno in corso, e non oltre, quello in cui il pianeta finalmente cambierà rotta.

Fiona Godlee, caporedattore del BMJ e tra i coautori dell’editoriale, ha dichiarato a The Guardian: “I professionisti della sanità sono stati in prima linea nella crisi del Covid-19 e sono ora uniti nell’avvertire che andare oltre 1,5°C e permettere la continua distruzione della natura porterà alla prossima crisi, molto più letale. Le nazioni più ricche devono agire più velocemente e fare di più per sostenere quei paesi che già soffrono a causa delle temperature più elevate. Il 2021 deve essere l’anno in cui il mondo cambia rotta: la nostra salute dipende da questo”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Alle isole Far Øer uccisi in un solo giorno quasi 1.500 delfini

La mattanza risale al 12 settembre in occasione della "Grindadráp", la tradizionale caccia ai cetacei. La denuncia dell'organizzazione Sea Shepherd: "La caccia ai delfini deve cessare completamente"

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

I Comuni al centro della pianificazione urbana nella sfida all’emergenza climatica

Se ne parla il 17 settembre a Campi Bisenzio a un convegno organizzato da Legambiente nell'ambito del Festival dell'Economia Civile

Venezia78, il premio Green Drop Award al film “Il Buco” di Michelangelo Frammartino

A premiare le produttrici Piera Boccacciaro e Chiara Cerretini è stato Lino Banfi, che ha ricevuto la Goccia Blu insieme a Ronn Moss

Maxiprocesso Eternitbis, appuntamento il 19 settembre al Parco Eternot

A porte chiuse il processo con le voci dei testimoni a Novara. La comunità monferrina si ritrova e partecipa alla lotta per la giustizia

Giretto d’Italia 2021, al via l’undicesima edizione della gara per la mobilità sostenibile

Casa-lavoro in bici o mezzi di micromobilità elettrica: sfida al maggior numero di spostamenti sostenibili. Al vincitore un weekend per due

Urban experience, nuovi paradigmi fra naturale e digitale

di Carlo Infante - Dal 14 al 20 settembre, a Roma, si svolge “Performing Media!” con walkabout, performance, installazioni e videoproiezioni nomadi
Ridimensiona font
Contrasto