venerdì 23 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, consumatori sono una minaccia crescente per le foreste tropicali

I paesi del G7 sono responsabili della perdita di quasi 4 alberi per persona l’anno. Colpevole la domanda globale di materie prime

La deforestazione, una minaccia significativa per la biodiversità, ed è accelerata dalla domanda globale di materie prime. A confermarlo è uno studio pubblicato sulla rivista Nature ecology and evolution. I paesi del G7 sono responsabili della perdita di quasi 4 alberi per persona l’anno. La causa? L’aumento delle importazioni di caffè, cacao e altri prodotti nei paesi ricchi rappresenta una “minaccia crescente” per le foreste nelle regioni tropicali. Secondo gli autori le importazioni di prodotti legati alla deforestazione minano anche gli sforzi dovuti al numero crescente di alberi piantati nel mondo sviluppato.

Utilizzando mappe forestali ad alta risoluzione e un modello di catena di approvvigionamento globale, i ricercatori sono stati in grado di compilare un resoconto completo di come la deforestazione sia guidata dal comportamento dei consumatori, specialmente nei paesi più ricchi

Foresta amazzonica e non solo

Tra le foreste del mondo, si dice che gli alberi che crescono nelle aree tropicali siano i più preziosi per proteggere le specie e limitare il riscaldamento globale. Le foreste tropicali ospitano tra il 50 e il 90% di tutte le piante e gli animali terrestri. Sono anche fondamentali per il clima, immagazzinando grandi quantità di anidride carbonica. Ma in Amazzonia, Africa centrale, Indonesia e parti dell’Asia, un numero crescente di alberi è stato abbattuto negli ultimi decenni per far sì che gli agricoltori possano coltivare prodotti di base come la soia e pascolare il bestiame per la carne.

Deforestazione: lo studio

Questo nuovo studio esamina il quadro globale della deforestazione in 15 anni, tra il 2001 e il 2015. . Alcuni dei punti caldi della deforestazione inglobati nel commercio internazionale sono anche punti caldi della biodiversità, come nel sud-est asiatico, in Madagascar, in Liberia, in America centrale e nella foresta pluviale amazzonica. I ricercatori sono stati in grado di essere notevolmente precisi sugli impatti di questo commercio. Il consumo di cacao in Germania rappresenta il rischio più elevato per le foreste in Costa d’Avorio e in Ghana, in Tanzania è la domanda di semi di sesamo tra i consumatori giapponesi ad essere un fattore chiave. I risultati sottolineano la necessità di riformare le politiche di deforestazione zero attraverso forti sforzi transnazionali e migliorando la trasparenza della catena di approvvigionamento, l’impegno pubblico-privato e il sostegno finanziario per i tropici.

Leggi anche:
Onu: ripristinare foreste contro nuove pandemie
Le popolazioni indigene sono i migliori guardiani delle foreste
Deforestazione made in Italy di Giulia Assogna

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Protetto: QualEnergia marzo/aprile 2021

CLICCA QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA ATTIVA UN ABBONAMENTO ACQUISTA UNA COPIA SFOGLIA I NUMERI PRECEDENTI (FREE)

QualEnergia marzo/aprile 2021

ITALIA CLIMATE NEUTRAL 2050 FOCUS SUL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA   RISERVATA AGLI ABBONATI: CLICCARE QUI PER SFOGLIARE LA RIVISTA IN OMAGGIO PER TUTTI: CLICCARE QUI...

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Proposte per una Carta della Terra delle Nazioni Unite

In occasione dell'Earth Day è una delle priorità su cui richiama l'attenzione l’Associazione “Costituente Terra”

#liberidaiveleni, la campagna di Legambiente per il risanamento ambientale

Nella giornata mondiale della Terra e alla vigilia del Consiglio dei ministri che approverà il Pnr l'associazione lancia una nuova iniziativa. E fa un appello al premier Draghi: “Non si dimentichino le vertenze ambientali croniche tuttora irrisolte"

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

Un appello importante lanciato oggi in occasione della Giornata mondiale della Terra. Il suolo è un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano
Ridimensiona font
Contrasto