giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Clima, con Biden presidente si apre una nuova fase per gli Usa

Il nuovo inquilino della Casa Bianca ha promesso di far rientrare il Paese negli accordi di Parigi sul clima che erano stati stralciati da Trump. Il presidente di Legambiente Stefano Ciafani: “Dopo il Green Deal europeo, è arrivato il momento di quello a stelle e strisce”

La vittoria di Joe Biden alle elezioni americane contro il presidente uscente Donald Trump promette adesso di aprire per gli Stati Uniti una nuova fase politica, economica e nelle relazioni con il resto del pianeta. Un cambiamento atteso anche sul fronte delle politiche ambientali, con il neo presidente che durante la sua campagna elettorale ha promesso che, in caso di trionfo, avrebbe riportato il Paese negli accordi di Parigi sul clima dopo l’uscita fragorosa decisa da Trump. Saranno il tempo e le prime mosse concrete del nuovo inquilino della Casa Bianca a dirci se Biden farà effettivamente sul serio. Per il momento, però, la sua nomina a presidente della più grande potenza economica mondiale, e la mancata rielezione di Trump, non può che far ben sperare in un cambio di passo degli Stati Uniti verso la transizione energetica di un Paese ancora fortemente ancorato all’uso di combustibili fossili e che negli ultimi anni ha investito moltissimo nel fracking.

“L’elezione di Joe Biden alla Casa Bianca è una bellissima notizia per il Pianeta – scrive sul suo blog su Huffington Post il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani – Dopo i 4 anni di negazionismo di Donald Trump, la crisi climatica torna ad essere una priorità per la potenza statunitense, come fu negli 8 anni di presidenza di Barack Obama che nel 2015 firmò a Parigi l’accordo sul clima. Un accordo storico ma non più sufficiente a stare sotto a 1,5 °C di innalzamento della temperatura media terrestre rispetto all’era preindustriale”.

“Ora si apre un nuovo capitolo della storia del Pianeta – ha spiegato Ciafani – A livello internazionale, subito dopo il suo insediamento che avverrà il prossimo 20 gennaio, Biden attiverà la procedura per rientrare nell’Accordo di Parigi e si impegnerà a raggiungere zero emissioni nette entro il 2050. Nei mesi successivi al suo insediamento è prevedibile un nuovo protagonismo della diplomazia USA, in preparazione della COP26 di Glasgow a novembre, sulle politiche climatiche mondiali. A livello nazionale, invece, molto dipenderà dal risultato del voto per il Senato (a gennaio ci saranno due ballottaggi in Georgia). Solo con una maggioranza democratica sia alla Camera dei Rappresentanti (controllata dai democratici) che al Senato sarà possibile per Biden far approvare leggi in grado di mettere in campo una politica climatica ambiziosa. Altrimenti, se i democratici continueranno a non controllare il Senato, Biden, come Obama, potrà solo mettere in campo un pacchetto di misure federali per rafforzare l’azione climatica dal basso degli Stati per decarbonizzare il settore elettrico entro il 2035 e rafforzare gli standard di emissione delle norme vigenti, a partire dai trasporti, con un piano di investimenti non banale di 2.000 miliardi di dollari nei prossimi 4 anni, con il 40% destinato alle comunità svantaggiate e vulnerabili all’emergenza climatica. Ora l’impulso che darà la nuova presidenza federale democratica sarà fondamentale per non lasciare soli l’Europa e la Cina in questa sfida epocale. Il futuro del pianeta dipende anche dalle scelte di chi governa dalla Casa Bianca. Non vedere più Donald Trump nella Stanza ovale è di buon auspicio per la risoluzione di questa grave emergenza planetaria, oltre che di quella sanitaria causata dal Covid-19. Dopo il Green Deal europeo, è arrivato il momento di quello a stelle e strisce. Lo aspettavamo da 4 lunghissimi anni che finalmente ci lasciamo alle spalle. Con un grande sospiro di sollievo, guardiamo al futuro del Pianeta con più ottimismo”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto