giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Clean Up The Med 2020, lotta senza confini ai rifiuti in mare

Un Mediterraneo unito nella lotta ai rifiuti marini. Dalla Palestina alla Francia, dall’Italia alla Grecia, oltre 2000 persone, armate di sacchi e guanti, hanno preso parte all’appuntamento sulle spiagge di tutto il Mediterraneo con un unico obiettivo: ripulirle dai rifiuti e lottare per un mare più pulito.
Clean Up The Med, campagna di sensibilizzazione di Legambiente sulla gestione sostenibile e sulla riduzione dei rifiuti marini, è tornata dal 25 al 27 settembre per un week-end di mobilitazione che ha coinvolto associazioni, università, comuni, enti pubblici, scuole e cittadini. Una grande iniziativa di volontariato ambientale promossa quest’anno da COMMON (COastal Management and MOnitoring Network for tackling marine litter in Mediterranean sea), progetto europeo finanziato da Eni CBC Med che coinvolge
Italia, Libano e Tunisia con l’obiettivo di tutelare le coste del Mediterraneo dal marine litter attraverso una gestione sostenibile.
Quest’anno, alla fine di un’estate marcata dall’emergenza sanitaria, hanno aderito all’iniziativa circa 100 organizzazioni provenienti da 17 Paesi: Italia, Francia, Spagna, Algeria, Libano, Tunisia, Egitto, Palestina, Croazia, Cipro, Marocco, Malta, Giordania, Macedonia del Nord, Turchia, Libia, e Grecia. Oltre 25 i chilometri di spiaggia ripulita dai rifiuti, che mostrano come il problema dell’incuria e del cattivo smaltimento accomuni tutta l’area mediterranea: alle plastiche monouso, ubiquitarie e ritrovate in gran quantitativi sulle coste battute, si aggiungono cicche di sigaretta, metallo, tessile e legno lavorato. Non
mancano guanti, mascherine e dispositivi sanitari legati all’emergenza COVID-19.

“Negli anni Clean Up The Med ha coinvolto 21 paesi del Mediterraneo, oltre 1500 località e migliaia di volontari. Anche quest’anno, nonostante le difficoltà, la campagna ha riunito moltissime persone in piena sicurezza, segno che la lotta per un Pianeta più pulito rappresenta una priorità senza confini”, commenta Serena Carpentieri, vicedirettrice di Legambiente. “Inoltre, il progetto COMMON ha ulteriormente rafforzato il legame con il sud del Mediterraneo e sta creando una rete di grande valore per progettare interventi di gestione estesi a tutta l’area, al fine di ridurre il problema dei rifiuti in mare anche attraverso modelli di governance comuni”. Complessivamente, oltre 2000 volontari, dagli 8 ai 70 anni, hanno partecipato alla campagna, tra bambini, studenti universitari, strutture ricettive, associazioni, scout, e volontari della Mezzaluna Rossa. Tutte le iniziative sono state realizzate nel rispetto dei protocolli previsti dall’emergenza COVID-19. Le attività di pulizia si sono svolte principalmente in spiagge situate in prossimità dei centri urbani, e hanno portato alla raccolta di oltre 900 sacchi di rifiuti, più di 13 tonnellate in totale.

Oltre l’80% dei rifiuti rinvenuti è costituito da plastica: primi fra tutti, bottiglie e sacchetti, seguiti da tappi, cannucce e bicchieri. In quasi tutte le spiagge monitorate sono presenti cicche di sigarette, e nel 40% delle spiagge ripulite sono stati ritrovati guanti, mascherine o rifiuti legati alla cattiva gestione dei DPI (in Libia, Spagna, Grecia, Croazia, Libano, Tunisia e Algeria in quantitativo maggiore). I dati emersi dalla Clean Up The Med si mostrano in linea con quanto segnalato dai turisti e i residenti in aree costiere mediterranee che hanno preso parte all’indagine BEach CLEAN, un sondaggio sulla gestione dei rifiuti promossa dal progetto COMMON e rivolta principalmente a rafforzare il legame fra i turisti e le strutture balneari in un’ottica di sostenibilità. Sono state collezionate 200 risposte da turisti e residenti provenienti da 9 diversi Paesi: Italia, Libano, Tunisia, Algeria, Marocco, Spagna, Francia, Olanda, Albania e Lettonia. Anche in questo caso, i rifiuti più rinvenuti sono i mozziconi di sigaretta (37%) e i frammenti di plastica (35%), seguiti da tamponi di cotone (6%) e pezzi di polistirolo (4%). Il 30% dei rispondenti ha notato l’abbandono di DPI, e solo la metà afferma di aver sempre cura di smaltirli correttamente. Inoltre, il 66% dichiara che le strutture turistiche non hanno adottato misure speciali per prevenire la dispersione dei DPI nell’ambiente.

Oltre alla scarsa attenzione individuale si evidenzia la necessità di rafforzare azioni di sensibilizzazione e politiche locali e nazionali destinate alla riduzione del marine litter: il 64% degli intervistati afferma di non essere sempre attento a differenziare i rifiuti, e il 32% dichiara che in località turistiche non è possibile differenziare con facilità. Infine, il 71% pensa che i cestini di raccolta lungo le spiagge non siano sufficienti.

Nei paesi del sud del Mediterraneo è emersa negli ultimi anni una costante tendenza all’aumento della produzione di rifiuti pro capite, con una media di 489 kg di rifiuti l’anno, che in futuro è destinata ad aumentare (+ 29% nel 2030 e + 50% nel 2050; fonte World Bank, 2018) a seguito della crescita della popolazione e del paradigma economico lineare predominante. Anche se i dati disponibili per i paesi del Mediterraneo del Sud sono limitati, sembra emergere un aumento della frazione di plastica.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto