venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno di Claudio Abbado ad Alghero. Un’area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Un accordo pluriennale per valorizzare la bellezza di uno degli angoli più suggestivi del nord ovest della Sardegna, puntando su un percorso di tutela e sviluppo, grazie a studi, ricerche e laboratori educativi. Lo ha stipulato la famiglia Abbado e Legambiente con la firma di un comodato d’uso gratuito pluriennale del terreno, a due passi dalle spiagge delle Bombarde e del Lazzaretto, acquistato 30 anni fa dal direttore d’orchestra Claudio Abbado.

Il progetto è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa, trasmessa in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia, che ha visto la partecipazione di Alessandra e Francesca Abbado, di Stefano Ciafani, presidente di Legambiente, Annalisa Colombu, presidente di Legambiente Sardegna, Roberto Barbieri, presidente del circolo di Legambiente di Alghero, Michele Meloni, presidente del circolo di Legambiente di Sassari, del sindaco di Alghero Mario Conoci e del presidente del Parco regionale di Porto Conte Raimondo Tilloca, moderati da Enrico Fontana della segreteria nazionale di Legambiente.

L’impegno di Claudio Abbado contro discariche e abusi edilizi in Sardegna

Claudio Abbado acquistò quella che era considerata una discarica informale, un terreno che avrebbe potuto essere destinato alla costruzione di alberghi e altre strutture che avrebbero deturpato l’ambiente naturale della costa. Contemporaneamente, si impegnò a non realizzare alcuna edificazione immobiliare, cambiando così la destinazione del terreno che divenne, di fatto, un terreno agricolo, e dedicandosi a un grande progetto di bonifica: partirono 7 tir carichi di scarti e, successivamente, Claudio Abbado fece piantumare 9 mila piante, ristabilendo l’ambiente della macchia mediterranea caratterizzante del luogo. Negli anni, il terreno è diventato così un gioiello naturalistico tutelato e protetto per il suo importante valore ambientale, oggi inserito nel Parco regionale naturale di Porto Conte.

L’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

A seguito della scomparsa del direttore d’orchestra il 20 gennaio del 2014, ora la famiglia Abbado ha affidato a Legambiente, attraverso un comodato gratuito pluriennale, che vedrà impegnati i circoli di Alghero e Sassari, con il supporto di Legambiente Sardegna e Legambiente nazionale, otto ettari da gestire per progetti di ambito ambientale e culturale-scientifico, nel rispetto delle normative previste dal PPR, delle disposizioni della Zona di Protezione Speciale e del Parco regionale naturale di Porto Conte.

“Ambiente e cultura – hanno dichiarato Alessandra e Francesca Abbado – sono le fondamenta di una società sana, i punti d’incontro sono molteplici, evidenti oggi più che mai nel riconoscimento che la crisi climatica è per tanti aspetti anche una crisi culturale. Le due grandi passioni di Claudio, la musica e la natura, hanno sempre coesistito in sintonia tra di loro. Lui stesso soleva dire che se non fosse stato musicista avrebbe fatto il giardiniere. Oggi celebriamo e proseguiamo il suo impegno: il terreno ad Alghero rappresenta un luogo dove l’impegno per la tutela della natura si concretizza, e nelle mani di Legambiente siamo felici che potrà diventare anche un luogo di incontro, di ricerca e di educazione”.

“L’accordo che presentiamo oggi è per noi motivo di grande orgoglio e ringraziamo di cuore la famiglia Abbado per la fiducia con cui ha deciso di affidare alla nostra associazione il compito di garantire nel tempo la conservazione di quell’area così tenacemente difesa e riqualificata da Claudio Abbado – ha affermato Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – e la sua fruizione secondo i principi e i valori di tutela dell’ambiente che hanno ispirato la vita di un direttore d’orchestra che ha dato lustro alla cultura del nostro paese. Grazie allo straordinario lavoro portato avanti dai nostri circoli di Alghero e Sassari, con il supporto di Legambiente Sardegna potremmo ora dare seguito al nostro impegno. È un’occasione straordinaria per raccontare come la bellezza e il vivere in armonia con la natura siano indispensabili per affrontare insieme le grandi sfide che abbiamo davanti, a partire da quella della crisi climatica”.

Le azioni intraprese saranno coerenti con il progetto originario ideato da Claudio Abbado, ovvero la tutela e la valorizzazione dell’ambiente. A programmare e coordinare le attività sarà un Comitato, del quale faranno parte i rappresentanti della famiglia Abbado e dei circoli di Legambiente di Alghero e Sassari. Tra gli obiettivi dell’accordo, lo svolgimento di attività educative, di ricerca e di tutela e promozione dell’ambiente verso il territorio e verso la comunità locale, per un miglioramento della qualità della vita; la partecipazione a progetti finanziabili, compatibilmente con le finalità̀ statutarie delle parti e con il piano di gestione della ZPS Capo Caccia; la stipula di partenariati o collaborazioni amministrazioni locali, università, enti di gestione di aree protette, scuole. Prevista anche la costituzione di una rete di economia civile per il rilancio dell’area, con il coinvolgimento di cittadini, imprese, realtà del terzo settore, amministrazioni pubbliche e mondo della ricerca.

Ti potrebbe interessare anche:

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto