lunedì 27 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

A cinque anni da Fukushima

Fukushima big

Il quinto anniversario del più grave disastro nucleare della storia del Giappone è stato preceduto di qualche ora dalla chiusura di due reattori della centrale di Takahama – 350 km a ovest di Tokyo – disposta dalla Corte distrettuale di Otsu. Potrebbe sembrare soltanto una coincidenza simbolica, ma il provvedimento in realtà ha messo in luce tutte le contraddizioni e le incertezze del sistema politico giapponese sul tema della sicurezza nucleare: i reattori bloccati, infatti, erano stati rimessi in funzione soltanto da un paio di mesi, dopo aver superato i nuovi stringenti standard introdotti all’indomani della catastrofe di Fukushima dall’Autorità di regolamentazione nucleare (Nra), col pieno sostegno dell’esecutivo di Shinzo Abe.

«Tenendo in considerazione le attuali condizioni economiche e il cambiamento climatico, il nostro paese così povero di risorse non può permettersi di fare a meno della fonte nucleare per garantirsi un approvvigionamento regolare di energia», si è affrettato a ribadire il primo ministro nipponico commentando lo stop ordinato dalla Corte di Otsu. Fin dalla sua elezione, le priorità del governo Abe sono state sicurezza nazionale e ripresa economica, soprattutto attraverso il rilancio dell’energia atomica. Ma oggi, a cinque anni da Fukushima, le parole risolute del premier sembra siano sempre meno apprezzate dai giapponesi, come se fossero slegate dalla realtà, come se più di cinquanta reattori nucleari non fossero stati costruiti su uno dei territori più sismici del pianeta. Come se in quel pomeriggio dell’11 marzo 2011 non fosse accaduto nulla.

Quel venerdì, invece, alle 14.46 il nordest del Giappone fu colpito da un devastante terremoto di magnitudo 9.0 (il quarto più grande mai registrato dal 1900 a oggi), così potente da spostare di circa due metri e mezzo l’intera isola principale di Honshu verso gli Stati Uniti. Nei minuti successivi, la costa nordorientale della regione di Tohoku fu devastata dalle onde del conseguente tsunami: muri d’acqua alti più di 16 metri causarono la morte di circa 16mila persone. L’impianto nucleare di Fukushima Daiichi fu gravemente danneggiato e subì la fusione dei noccioli in tre reattori, con abbondante fuoriuscita di materiale radioattivo. I livelli di radiazioni superiori di 4.400 volte i limiti consentiti costrinsero le autorità a imporre una zona di evacuazione del raggio di una trentina di chilometri.

fukushima due

Negli ultimi cinque anni sono stati compiuti grandi passi avanti nella ricostruzione delle infrastrutture nelle zone disastrate, ma il vero problema resta la radioattività all’interno della centrale di Fukushima, anche se ultimamente i tecnici della Tepco – la società che gestisce l’impianto – sono riusciti a far scendere in maniera sensibile i livelli delle radiazioni. Da un mese, inoltre, si sta lavorando alla realizzazione di una sorta di muro di ghiaccio interrato attorno ai reattori danneggiati, che nelle previsioni dovrebbe riuscire a congelare il suolo e a fermare così le fuoriuscite di acqua contaminata. La strada verso la completa bonifica è però lunghissima. «È piuttosto complicato affermare a che punto siamo arrivati con i lavori per la messa in sicurezza dell’impianto, è come aver raggiunto la prima di dieci tappe per raggiungere la cima di una montagna», ha recentemente affermato Akira Ono, il responsabile della centrale di Fukushima. Secondo gli esperti la situazione non sarà normalizzata prima di 30 o 40 anni.

Le conseguenze dirette del disastro del 2011 hanno polverizzato la fiducia dei giapponesi nei confronti della gestione dell’energia nucleare da parte del governo e dell’industria. Secondo l’ultimo sondaggio realizzato lo scorso febbraio dalla Nhk – la tv pubblica nipponica – il 22% degli intervistati è convinto che il paese debba abbandonare del tutto l’energia nucleare, mentre il 49% è parzialmente d’accordo con quest’affermazione. Soltanto per il 3% del campione, infine, le autorità dovrebbero continuare a costruire nuove centrali nucleari. La popolarità di Abe è al minimo storico, mentre il suo governo sta destinando importanti risorse economiche per l’organizzazione dei giochi olimpici del 2020: più di 1,2 miliardi di euro solamente per il nuovo stadio olimpico di Tokyo. A cinque anni da Fukushima.

Articoli correlati

Clima, migliaia di studenti in piazza a Roma

"Di chi è il futuro?". Questo lo slogan della prima grande manifestazione post Covid, che nel giorno dello sciopero mondiale ha riunito giovani e famiglie intasando il traffico della capitale. Le voci dal Global Strike

Al via il Global Climate Strike, insieme per il clima e l’ambiente

Migliaia di giovani in piazza sull'onda lunga dei venerdì di Greta. E parte anche Puliamo il Mondo, che sostiene a gran voce i tanti ragazzi che in tutto il mondo scioperano per chiedere ai Grandi della Terra azioni concrete per il Pianeta

Forum Acque – Conferenza finale Progetto Life ESC VisPO

Al via la prima edizione del Forum Acque in Piemonte, momento di dialogo per affrontare le sfide del futuro, rappresentate dal cambiamento climatico e dalla pressione antropica sulla risorsa idrica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto