martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, in Cina inquinamento atmosferico tornato ai livelli pre-pandemia

coronavirus

L’inquinamento atmosferico in Cina è tornato ai livelli pre Covid-19. Lo dicono i dati del Center for Research on Energy and Clean Air (Crea), citati dal Guardian, secondo cui le concentrazioni di particolato atmosferico (PM2.5) e biossido di azoto (NO2) in Cina sono già tornate ai valori di un anno fa anno. Appartengono dunque ormai al passato i cali record di NO2 e PM2.5 che a inizio marzo, quando Pechino impose il lockdown in vaste aree del Paese per impedire la diffusione del contagio da Covid-19, i livelli erano scesi rispettivamente del 38% e del 34% rispetto allo stesso periodo del 2019. A Wuhan, primo epicentro globale della pandemia, attualmente i livelli di NO2 sono solo del 14% più bassi rispetto allo scorso anno, dopo essere arrivati a esserlo di quasi la metà. A Shanghai, invece, i livelli sono addirittura superiori del 9% rispetto allo stesso periodo del 2019.

La ripresa vertiginosa del consumo carbone e la domanda di petrolio, che secondo il gruppo di consulenza energetica Wood Mackenzie tornerà agli standard ordinari già entro la fine del secondo trimestre del 2020, sono i principali motivi di questo aumento dell’inquinamento atmosferico in Cina. E appare quasi certo che l’Europa seguirà lo stesso andamento.

Anche nelle principali città del vecchio continente nei mesi di lockdown si è registrato un sensibile calo dell’inquinamento atmosferico. Stando alle rilevazioni del Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams), che monitora i volumi dell’inquinamento in 50 città europee, in 42 di queste i livelli di NO2 – inquinante prodotto principalmente dai veicoli diesel – a marzo sono stati inferiori rispetto alla media degli altri anni, con Londra e Parigi che hanno avuto una riduzione del 30%.

Per l’Europa non sono ancora disponibili dati sugli attuali livelli di inquinamento atmosferico, e soprattutto è ancora scientificamente da provare che eventuali aumenti siano collegati esclusivamente alla fine del lockdown e alla ripresa delle attività produttive e degli spostamenti di mezzi e persone secondo i vecchi standard. Insomma, l’Europa potrebbe anche “sorprendere” gli scienziati e i suoi governi potrebbero finalmente decidere di virare con decisioni su politiche e investimenti green come chiesto a più riprese in questi mesi di pandemia dalle Nazioni Unite e dalle associazioni ambientaliste di tutto il mondo. Anche se, allo stato attuale, appare più probabile attendersi un cambio di mentalità e di stili di vita che parta dal basso, e dunque dai cittadini europei che superata la quarantena decideranno di lasciare a casa il proprio veicolo e puntare su sharing mobility o trasporto pubblico, o di continuare a lavorare in smart working, sempre che le aziende da cui dipendono glielo permettano.

Sul piano industriale, invece, a dettare il passo sono tornate a essere le industrie altamente inquinanti, ancorate saldamente allo sfruttamento di fonti fossili. Questi player non intendono perdere ulteriore tempo dopo quello già smarrito in questi mesi di lockdown. È accaduto in Cina. Sta accadendo negli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump non ha ma dato segnali sinceri di voler cambiare rotta. E appare inevitabile che succeda anche in Europa.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico
Ridimensiona font
Contrasto