giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Coronavirus, in Cina inquinamento atmosferico tornato ai livelli pre-pandemia

coronavirus

L’inquinamento atmosferico in Cina è tornato ai livelli pre Covid-19. Lo dicono i dati del Center for Research on Energy and Clean Air (Crea), citati dal Guardian, secondo cui le concentrazioni di particolato atmosferico (PM2.5) e biossido di azoto (NO2) in Cina sono già tornate ai valori di un anno fa anno. Appartengono dunque ormai al passato i cali record di NO2 e PM2.5 che a inizio marzo, quando Pechino impose il lockdown in vaste aree del Paese per impedire la diffusione del contagio da Covid-19, i livelli erano scesi rispettivamente del 38% e del 34% rispetto allo stesso periodo del 2019. A Wuhan, primo epicentro globale della pandemia, attualmente i livelli di NO2 sono solo del 14% più bassi rispetto allo scorso anno, dopo essere arrivati a esserlo di quasi la metà. A Shanghai, invece, i livelli sono addirittura superiori del 9% rispetto allo stesso periodo del 2019.

La ripresa vertiginosa del consumo carbone e la domanda di petrolio, che secondo il gruppo di consulenza energetica Wood Mackenzie tornerà agli standard ordinari già entro la fine del secondo trimestre del 2020, sono i principali motivi di questo aumento dell’inquinamento atmosferico in Cina. E appare quasi certo che l’Europa seguirà lo stesso andamento.

Anche nelle principali città del vecchio continente nei mesi di lockdown si è registrato un sensibile calo dell’inquinamento atmosferico. Stando alle rilevazioni del Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams), che monitora i volumi dell’inquinamento in 50 città europee, in 42 di queste i livelli di NO2 – inquinante prodotto principalmente dai veicoli diesel – a marzo sono stati inferiori rispetto alla media degli altri anni, con Londra e Parigi che hanno avuto una riduzione del 30%.

Per l’Europa non sono ancora disponibili dati sugli attuali livelli di inquinamento atmosferico, e soprattutto è ancora scientificamente da provare che eventuali aumenti siano collegati esclusivamente alla fine del lockdown e alla ripresa delle attività produttive e degli spostamenti di mezzi e persone secondo i vecchi standard. Insomma, l’Europa potrebbe anche “sorprendere” gli scienziati e i suoi governi potrebbero finalmente decidere di virare con decisioni su politiche e investimenti green come chiesto a più riprese in questi mesi di pandemia dalle Nazioni Unite e dalle associazioni ambientaliste di tutto il mondo. Anche se, allo stato attuale, appare più probabile attendersi un cambio di mentalità e di stili di vita che parta dal basso, e dunque dai cittadini europei che superata la quarantena decideranno di lasciare a casa il proprio veicolo e puntare su sharing mobility o trasporto pubblico, o di continuare a lavorare in smart working, sempre che le aziende da cui dipendono glielo permettano.

Sul piano industriale, invece, a dettare il passo sono tornate a essere le industrie altamente inquinanti, ancorate saldamente allo sfruttamento di fonti fossili. Questi player non intendono perdere ulteriore tempo dopo quello già smarrito in questi mesi di lockdown. È accaduto in Cina. Sta accadendo negli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump non ha ma dato segnali sinceri di voler cambiare rotta. E appare inevitabile che succeda anche in Europa.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto