martedì, Ottobre 20, 2020

Coronavirus, in Cina inquinamento atmosferico tornato ai livelli pre-pandemia

coronavirus

L’inquinamento atmosferico in Cina è tornato ai livelli pre Covid-19. Lo dicono i dati del Center for Research on Energy and Clean Air (Crea), citati dal Guardian, secondo cui le concentrazioni di particolato atmosferico (PM2.5) e biossido di azoto (NO2) in Cina sono già tornate ai valori di un anno fa anno. Appartengono dunque ormai al passato i cali record di NO2 e PM2.5 che a inizio marzo, quando Pechino impose il lockdown in vaste aree del Paese per impedire la diffusione del contagio da Covid-19, i livelli erano scesi rispettivamente del 38% e del 34% rispetto allo stesso periodo del 2019. A Wuhan, primo epicentro globale della pandemia, attualmente i livelli di NO2 sono solo del 14% più bassi rispetto allo scorso anno, dopo essere arrivati a esserlo di quasi la metà. A Shanghai, invece, i livelli sono addirittura superiori del 9% rispetto allo stesso periodo del 2019.

La ripresa vertiginosa del consumo carbone e la domanda di petrolio, che secondo il gruppo di consulenza energetica Wood Mackenzie tornerà agli standard ordinari già entro la fine del secondo trimestre del 2020, sono i principali motivi di questo aumento dell’inquinamento atmosferico in Cina. E appare quasi certo che l’Europa seguirà lo stesso andamento.

Anche nelle principali città del vecchio continente nei mesi di lockdown si è registrato un sensibile calo dell’inquinamento atmosferico. Stando alle rilevazioni del Copernicus Atmosphere Monitoring Service (Cams), che monitora i volumi dell’inquinamento in 50 città europee, in 42 di queste i livelli di NO2 – inquinante prodotto principalmente dai veicoli diesel – a marzo sono stati inferiori rispetto alla media degli altri anni, con Londra e Parigi che hanno avuto una riduzione del 30%.

Per l’Europa non sono ancora disponibili dati sugli attuali livelli di inquinamento atmosferico, e soprattutto è ancora scientificamente da provare che eventuali aumenti siano collegati esclusivamente alla fine del lockdown e alla ripresa delle attività produttive e degli spostamenti di mezzi e persone secondo i vecchi standard. Insomma, l’Europa potrebbe anche “sorprendere” gli scienziati e i suoi governi potrebbero finalmente decidere di virare con decisioni su politiche e investimenti green come chiesto a più riprese in questi mesi di pandemia dalle Nazioni Unite e dalle associazioni ambientaliste di tutto il mondo. Anche se, allo stato attuale, appare più probabile attendersi un cambio di mentalità e di stili di vita che parta dal basso, e dunque dai cittadini europei che superata la quarantena decideranno di lasciare a casa il proprio veicolo e puntare su sharing mobility o trasporto pubblico, o di continuare a lavorare in smart working, sempre che le aziende da cui dipendono glielo permettano.

Sul piano industriale, invece, a dettare il passo sono tornate a essere le industrie altamente inquinanti, ancorate saldamente allo sfruttamento di fonti fossili. Questi player non intendono perdere ulteriore tempo dopo quello già smarrito in questi mesi di lockdown. È accaduto in Cina. Sta accadendo negli Stati Uniti, dove il presidente Donald Trump non ha ma dato segnali sinceri di voler cambiare rotta. E appare inevitabile che succeda anche in Europa.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Articoli correlati

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,861FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Ogni anno 630mila morti di origine ambientale

L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila vittime premature ogni dodici mesi. E insieme alla povertà può essere collegato a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. I risultati dell'ultimo rapporto dell’Agenzia europea per l’ambiente

Ecosistemi, più precari se sono piccoli e giovani

Lo dice uno studio condotto sul lago di Ocrida, situato nella penisola balcanica e considerato uno dei più antichi della Terra. I ricercatori hanno combinato i dati paleoambientali e paleoclimatici con l'analisi di oltre 150 specie di diatomee fossili