martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Ciclone Idai, più di 3 mln di persone necessitano di assistenza umanitaria

Ciclone Idai, un villaggio devastato

Secondo le ultime stime di Unicef, sono più di 3 milioni le persone che a causa delk ciclone Idai neccesitano urgentemente di assistenza umanitaria in Malawi, Mozambico e Zimbabwe. Più della metà di queste persone sono bambini.

Per far fronte alla peggiore catastrofe che ha colpito l’Africa meridionale negli ultimi due decenni, Unicef chiede alla comunità internazionale lo stanziamento di 122 milioni di dollari. Soldi ceh serviranno a sostenere la risposta umanitaria dell’agenzia Onu nei prossimi nove mesi a favore dei bambini e delle famiglie devastate dalla tempesta e dalle sue conseguenze nei tre Paesi colpiti.

In Mozambico, il Paese più colpito dal ciclone Idai, 1,85 milioni di persone, di cui 1 milione di bambini, hanno un disperato bisogno di assistenza. A Beira, ci sono gravi danni alle infrastrutture e inondazioni nelle aree urbane, poiché l’acqua non ha un punto di scarico. Le inondazioni hanno danneggiato i raccolti poco prima della stagione del raccolto, distruggendo fino al 50% della produzione agricola annuale del Mozambico. In Malawi sono state colpite più di 869.000 persone, tra cui 443.000 bambini, con oltre 85.000 sfollati. Nello Zimbabwe, più di 270.000 persone sono state colpite, metà delle quali sono bambini.

C’è anche molto poco tempo per prevenire la diffusione di malattie opportunistiche. Le condizioni attuali – acque stagnanti, mancanza di igiene, corpi in decomposizione, sovraffollamento in ricoveri temporanei – possono facilmente portare a focolai di diarrea, malaria e colera ai quali i bambini sono particolarmente vulnerabili. Ma non solo. Unicef è anche profondamente preoccupato per la sicurezza e il benessere delle donne e dei bambini che sono stipati in rifugi temporanei e a rischio di violenza e abusi, nonché dei bambini rimasti orfani o separati dalle loro famiglie a causa della tempesta.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto