mercoledì 25 Novembre 2020

Cibo etica clima, una scelta di campo

Un'immagine di Ulivi

L’editoriale del direttore Francesco Loiacono

A metà di questo secolo la Terra ospiterà dieci miliardi di persone. La sua capacità di sfamarle dipende dal modello di produzione del cibo che adotteremo. Alcune cifre dicono che quello attuale non funziona e trascura non solo il bisogno di cibo ma anche altri aspetti: la difesa della fertilità dei suoli, le risorse idriche, la biodiversità, la sicurezza alimentare, il reddito e i diritti di chi lavora la terra, la tenuta sociale delle comunità agricole e per ultimo, ma non per questo il meno urgente degli aspetti, il cambiamento climatico.
Ad oggi solo quattro multinazionali detengono il controllo del 60% delle vendite globali di sementi, gli abitanti delle zone rurali producono invece i tre quarti del cibo mondiale eppure rappresentano l’80% dei poveri sul pianeta. Squilibri, come racconta Francesco Paniè a pagina 12, che lasciano a stomaco vuoto ancora troppi esseri umani. L’11% della popolazione mondiale soffre la fame, un dato tristemente in crescita dopo anni di calo: tensioni sociali e riscaldamento globale hanno aggravato le condizioni di 38 milioni di persone dal 2015 ad oggi. Così l’obiettivo “fame zero” fissato dalle Nazioni Unite per il 2030 appare sempre più una chimera.
Ecco perché è urgente un cambio di paradigma verso un’agricoltura meno intensiva, meno inquinante e dispendiosa di risorse idriche e di energia, che sappia contrastare il clima che cambia. Un modello che poggi su tecniche sì innovative ma sostenibili e durevoli, che ai monopoli delle sementi e alla concentrazione delle terre contrapponga biodiversità di produzioni e produttori, rinnovando la relazione fra coltivatori e consumatori, sempre più attenti a mangiare cibo sano. In una parola: l’agroecologia, capace di coniugare ecologia e agricoltura per rispondere alle sfide di questo inizio millennio e alla quale dedichiamo la nostra storia di copertina. L’Europa sta discutendo la sua politica agricola comune (Pac) per il periodo 2021-2027 e l’Italia registra un’ottima crescita del biologico. È dunque il momento giusto per abbandonare il modello industriale intensivo e garantire cibo sano, giusto e sicuro, libero anche da pesticidi.

Copertina Nuova Ecologia marzo 2019LEGGI I CONTENUTI DELLA STORIA DI COPERTINA

ICONA recensioni Obiettivo fame zero di Francesco Paniè 
ICONA recensioni Intervista a Vandana Shiva: “Il cibo a basso costo è dispendioso per la Terra”
ICONA recensioni Politica agricola comune, a che punto è l’Europa?
ICONA recensioni Sussidi europei in pasto agli allevamenti
ICONA recensioni Chi mangia sano ha un passo impatto
ICONA recensioni “Storie dal Territorio”: Legambiente raccolta il cambiamento dell’agricoltura
ICONA recensioni Agricoltura biologica, conversione all’italiana di Rocco Bellantone
ICONA recensioni Perché non convince il Piano nazionale energia e clima
ICONA recensioniIl professore Giovanni Dinelli: “Il metodo convenzionale industriale non può reggere”
ICONA recensioni Vincenzo Linarello, presidente di Goel: “L’etica dà buoni frutti”
ICONA recensioni Xylella, piaga incurabile
ICONA recensioni La Repubblica delle nocciole di Elisabetta Galgani
ICONA recensioni L’agricoltura minacciata dalla chimica

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,129FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Clima, negli ultimi dieci anni l’Italia colpita da quasi mille fenomeni estremi

Roma, Bari, Milano e Agrigento le città che hanno subito i danni maggiori. I dati del Rapporto 2020 dell’Osservatorio CittàClima di Legambiente "Il clima è già cambiato". SEGUI LA DIRETTA e SCARICA IL RAPPORTO 2020

Bruxelles, presentato il nuovo logo per il packaging in vetro

Per 9 europei su 10 il vetro è il miglior contenitore di alimenti e bevande. Il nuovo logo è un marchio di garanzia che ne "certifica" qualità e benefici

Rapporto CittàClima 2020

Presentazione del Rapporto 2020 dell’osservatorio di Legambiente CittàClima: la mappa di 10 anni di impatti sul territorio italiano

Notte europea dei ricercatori, quest’anno un’edizione tutta in streaming

Una settimana ricca di eventi, incontri, documentari e talk online per aumentare la consapevolezza dei cittadini sulle sfide globali della società. E il 27 novembre in diretta sulla piattaforma digitale Rai Play

Lanciato il nuovo satellite di Copernicus per monitorare l’innalzamento dei mari

Sentinel-6 Michael Freilich mapperà ogni 10 giorni il 95% degli oceani della Terra liberi da ghiaccio e fornirà importanti informazioni per studiare il clima e gli effetti del cambiamento climatico / Erosione costiera, Legambiente: in 50 anni persi 23 metri di profondità di spiagge