venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Chernobyl, Legambiente: “Gli incidenti ci obbligano a dire basta con l’energia nucleare”

foto di Bambina a Chernobyl
L’infanzia ha pagato drammaticamente il prezzo più alto della contaminazione radioattiva di Chernobyl

Sono passati esattamente trentatré anni da quando il quarto reattore della centrale nucleare di Chernobyl esplose, generando conseguenze con cui ancora oggi le comunità locali sono costrette a fare i conti. Al momento, sono circa 5 milioni le persone che vivono nelle zone radioattive di Bielorussia, Russia e Ucraina in cui i livelli di contaminazione sono ancora molto elevati soprattutto nelle derrate alimentari. Basti pensare al fatto che chi vive in queste zone è costretto a nutrirsi di cibo contaminato e a bere acqua radioattiva, provocando un grave abbassamento delle difese immunitarie e favorendo lo sviluppo di patologie complesse e maggiormente pericolose per i più piccoli che, come in ogni circostanza critica, sono coloro che ne risentono più duramente.

“L’esplosione avvenuta all’1,23 minuti e 44 secondi – ha dichiarato Angelo Gentili della segreteria nazionale di Legambiente – con il suo enorme carico di radioattività (tra 50 e 250 milioni di scorie, quantità cento volte superiore rispetto alla bomba di Hiroshima), è stato il più grave incidente mai verificatosi in una centrale nucleare. Nel corso di un test di sicurezza, i tecnici aumentarono la potenza del reattore 4, generando una violentissima esplosione e un incendio. Quelle immagini – ha continuato Gentili – non le dimenticheremo mai come, del resto, non dimenticheremo mai la cronaca in diretta di quelle ore che ci raccontava dell’espansione della nube che raggiunse anche Finlandia, Scandinavia, Francia, Germania, Svizzera, Austria e Italia. Le conseguenze peggiori, però, furono per la Bielorussia in cui si riversò il 70% del fallout radioattivo. Più di 350.000 persone furono evacuate e oltre 700.000 tra operai, pompieri e soldati furono mandati dall’ex Unione Sovietica a cercare di spegnere l’incendio con mezzi improvvisati e senza alcun sistema di sicurezza. Dopo quei giorni, sono stati più di 10.000 i casi di tumore tiroideo e decine di migliaia di morti. E in Bielorussia la situazione oggi non è affatto migliore: le patologie legate all’esplosione sono ancora molto diffuse, costringendo un’intera popolazione a non avere un futuro. Stronzio, cesio e plutonio rimangono un gravissimo pericolo ed i territori colpiti continueranno ad essere ipotecati dalla radioattività per moltissimo tempo. Non dimenticherò mai i volti, gli sguardi, le lacrime di tanti padri e madri costrette a vivere nelle zone più contaminate in una terra senza futuro per i propri figli e in cui, anche se non la vedi, la radioattività si percepisce con tutta la sua drammaticità. Per questo – ha concluso Gentili – è necessario continuare a ricordare quanto accaduto a Chernobyl e dire basta con determinazione all’utilizzo dell’energia nucleare che purtroppo continua a essere scelta nonostante i numerosi incidenti avvenuti, basti pensare anche a quello gravissimo di Fukushima.”

Legambiente da quel giorno di trentatré anni fa continua a chiedere alle istituzioni internazionali di non dimenticare Chernoby, di sostenere le popolazioni vittime del disastro e di avviare percorsi per consentire alla Bielorussia di tornare a sperare. L’associazione, inoltre, continua con determinazione a portare avanti il Progetto Rugiada, contribuendo ogni anno all’ospitalità di oltre cento bambini provenienti dalle aree più a Rischio della Bielorussia in una zona non contaminata. Grazie al Progetto Rugiada, i bambini hanno la possibilità di trascorrere un soggiorno in cui mangiare cibo sano e di sottoporsi a controlli medico-sanitari. Un modo concreto, questo, per stare vicino alle popolazioni che hanno subito le conseguenze di quel maledetto 26 aprile.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto