sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Certificazione benessere animale, a rischio gli obiettivi e la corretta informazione

A seguito dell’incontro di presentazione con Accredia e i ministeri della Salute e delle politiche agricole, CIWF, Essere Animali, LAV e Legambiente chiedono ai Ministri di aprire un confronto politico di merito 

Ieri Accredia, l’Ente italiano di accreditamento, con il Ministero della Salute e il Ministero delle Politiche Agricole ha presentato online il “Sistema di Qualità Nazionale Benessere Animale – SQNBA” introdotto con il DL 34/2020 convertito con modificazioni dalla Legge 77/2020 che ha l’obiettivo di certificare, con un apposito logo volontario, i prodotti che derivano da allevamenti attenti al benessere animale. Il primo di 4 incontri on line, promossi dai ministeri della salute e delle politiche agricole, alimentari e  forestali, con i rappresentanti della società civile, delle Regioni, delle imprese e degli organismi di certificazione. CIWF, Essere Animali, LAV e Legambiente esprimono però forte preoccupazione dopo aver partecipato alla presentazione online.

“Chiediamo ai Ministri Stefano Patuanelli e Roberto Speranza – dichiarano le Associazioni – di aprire rapidamente un confronto politico di merito per evitare che questo processo, finora per nulla trasparente, tradisca le aspettative di milioni di cittadini e fallisca l’obiettivo di accompagnare efficacemente la transizione del sistema allevatoriale italiano in tema di benessere animale.”

Problema di trasparenza

Durante l’incontro, infatti, nonostante sia stato chiesto a più riprese dalle Associazioni italiane che si battono per il benessere animale e la corretta informazione ai cittadini, non sono state condivise le bozze dei documenti che descrivono le condizioni richieste agli allevamenti per essere certificati in tema di benessere animale, un evidente problema di trasparenza nel processo di scrittura degli standard che sono in attesa di essere approvati con decreto interministeriale. Un obiettivo fortemente voluto anche dal Consiglio dell’Unione europea che, ribadendo che il benessere degli animali è una questione che riveste grande importanza per i cittadini europei, ha chiesto alla Commissione europea che nell’introdurre a livello UE un marchio relativo al benessere animale si tenga conto del loro intero ciclo di vita.

Il progetto nazionale presentato ieri, solo con generiche slide, invece ha evidenziato elementi che destano fortissima preoccupazione: ad esempio, per la certificazione dei suini al coperto, l’unica presentata, non sono state considerate le scrofe e i suinetti e questo implica che la carne di suino etichettata con il claim “benessere animale” potrà derivare da scrofe allevate in gabbia, e da suinetti che hanno subito la limatura dei denti, un’operazione molto dolorosa. Si tradirebbe così il proposito dichiarato di inserire il metodo di allevamento in etichetta, perché i consumatori non potranno neanche sapere se i prodotti acquistati con il logo benessere animale arrivano da scrofe allevate in gabbia oppure no.

L’impianto generale del progetto proposto da Accredia e dai Ministeri, inoltre, prevede per i suini solo due livelli, uno al chiuso e uno all’aperto, non favorendo in alcun modo la transizione graduale dei milioni di maiali allevati nei sistemi intensivi verso sistemi più attenti al benessere animale, anzi danneggerebbe scelte allevatoriali di minor impatto sugli animali (come ad esempio scrofe allevate senza gabbie e con molto più spazio per gli animali).

Manca del tutto, nel progetto nazionale, la certificazione con più livelli al chiuso cosa che consentirebbe a tutti gli allevatori, ognuno partendo dal proprio livello, di progredire anche grazie, come da noi fortemente richiesto, a finanziamenti pubblici della PAC e del PNRR dedicati alla transizione. “La presentazione di ieri potrà essere considerata un primo passo positivo solo se sarà seguita dalla completa condivisione delle bozze dei documenti, finora redatti al chiuso dei ministeri, in un’ottica di trasparenza e accesso necessari per l’effettiva partecipazione della società civile e se almeno le principali osservazioni, pratiche e di buon senso, prodotte dalle Associazioni saranno tenute in debito conto” hanno dichiarato le Associazioni. “La certificazione nazionale volontaria per il benessere animale dovrà impedire operazioni di greenwashing e ancor più che siano finanziate mere operazioni di maquillage di allevamenti intensivi; con i soldi dei cittadini derivanti dalla Politica Agricola Comune e dal Next Generation EU la certificazione dovrà invece efficacemente aiutare le scelte consapevoli dei cittadini e degli allevatori che vogliono impegnarsi per accrescere il benessere degli animali”.

Leggi anche:
Benessere animale, CIWF e Legambiente presentano proposta di etichettatura secondo il metodo di allevamento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto