lunedì 25 Gennaio 2021

Catturato a Trento l’orso M49

Orso M49, la fuga

È stato catturato nella serata di ieri, martedì 28 aprile, l’orso M49. A effettuare la cattura sono stati gli uomini del Corpo forestale del Trentino sui monti sopra Tione, nelle Giudicarie. L’orso è stato trasportato nel centro di recupero della fauna alpina Casteller, a sud di Trento, dove era stato rinchiuso nel luglio del 2019 e da cui era subito scappato. La Provincia di Trento ha informato che l’animale si trova adesso in buone condizioni.

L’agenzia Ansa scrive che la sua cattura ha consentito di dare attuazione a due ordinanze del presidente della Giunta provinciale di Trento, Maurizio Fugatti, dell’estate scorsa, ed è stata pianificata dopo che M49 si era reso protagonista, nelle scorse settimane, di un lungo spostamento che dal Trentino orientale lo aveva portato nelle sue aree d’origine. Durante questi spostamenti l’orso aveva effettuato numerose intrusioni in abitazioni, baite, rifugi, malghe ed altri stabili, “confermando il comportamento pericoloso per l’uomo già manifestato chiaramente l’anno precedente”.  

Ieri sera la fine della fuga. L’orso è stato catturato con una trappola tubo e trasportato seguendo la prassi, con l’animale sveglio e sotto il controllo veterinario. Una volta trasferito a Casteller, è stato immesso nell’area con tana e recinto interno, per consentire un suo inserimento nella locale area faunistica. Nello stesso centro si trova attualmente rinchiuso anche l’esemplare femmina DJ3.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Amburgo, nell’ex centrale a carbone verrà prodotto idrogeno verde

Il piano prevede la conversione del polo di Moorburg, nell'area portuale della città, in un mega elettrolizzatore con una capacità pari a 100 megawatt da avviare a partire dal 2025. Nei prossimi anni la Germania investirà solo in questo settore nove miliardi di euro

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia