mercoledì 27 Gennaio 2021
Home EcoForum

EcoForum

EcoForum 2020, il 21 e 22 ottobre il talk on line

In diretta due giornate di lavori sui mercati dell'economia circolare con focus su regole, impatti e prodotti. Streaming su eco-forum.it e sulle pagine Fb di Legambiente e Nuova Ecologia. Per seguire e interagire con l'evento sui social, l'hasthag da cliccare è #EcoForum, il profilo Twitter @EcoForumLegamb e la pagina Facebook @EcoForumLegambiente

Economia circolare, idee a confronto

A confronto le proposte per il futuro dell'economia circolare in Italia del ministro dell’Ambiente Sergio Costa, del presidente di Legambiente Stefano Ciafani, del presidente del Conai Luca Ruini e del presidente del Conou Paolo Tomasi

Next generation Eu, futuro prossimo

Bruxelles chiede di investire i finanziamenti del Next generation Eu in progetti in linea con il Green deal. Soluzioni a confronto per non perdere un’occasione storica

Non siamo rifiuti

Con il recepimento a metà agosto del pacchetto di normative Ue sull’economia circolare, il governo è chiamato a un’accelerazione sensibile sul fronte degli impianti di rigenerazione dei rifiuti. Entro il 2035, infatti, i volumi di rifiuti urbani conferiti in discarica non dovranno superare la soglia del 10%. Motivo per cui servirà sfruttare le risorse del Recovery fund anche per finanziare la realizzazione di impianti che trasformino in nuova materia prima seconda quei materiali per troppo tempo bollati come “finiti”. E, in parallelo, far entrare in funzione quelli che già esistono ma che sono rimasti bloccati lungo il processo di valutazione e approvazione. Dopo che lo scorso aprile è stato firmato dal ministero dell’Ambiente l’End of waste per la gomma riciclata dei pneumatici fuori uso, è in dirittura d’arrivo anche l’iter del decreto sui rifiuti in carta e cartone da macero. È fiducioso Massimo Medugno, direttore generale di Assocarta, convinto che «incrementare il riciclo e l’immissione di prodotti rinnovabili e favorire il recupero degli scarti del riciclo» siano «misure fondamentali per rilanciare la competitività dell’industria cartaria e affrontare la crisi strutturale del comparto grafico con la chiusura di capacità produttive». Accanto a ciò, spiega, «vanno promossi biocombustibili nella filiera della carta per rendere questa industria più verde e resiliente». Chiuso il cerchio della carta, resta ancora lunghissimo l’elenco degli End of waste in sospeso. Negli ultimi mesi Ispra ha fornito un parere su plastiche miste, rifiuti dello spazzamento stradale, rifiuti da costruzione e demolizione, vetro sanitario e pastello di piombo. Inoltre, nell’ambito della delega per il recepimento del “pacchetto rifiuti” – ovvero il recepimento nell’ordinamento nazionale delle modifiche delle più importanti direttive europee in materia – il ministero dell’Ambiente ha predisposto un decreto di riordino per i fanghi di depurazione delle acque reflue, all’interno del quale era prevista la cessazione della qualifica di rifiuto anche per questo flusso. E proprio dal recepimento del “pacchetto rifiuti” passerà l’atteso Programma nazionale rifiuti, fondamentale per individuare tutte le carenze del nostro sistema di gestione degli scarti urbani e speciali, comprese quelle impiantistiche. Nell’attesa c’è da fare i conti con un sistema a dir poco farraginoso, che per essere “smosso” ha fatto virare le Regioni sulla metodologia dell’autorizzazione degli impianti “caso per caso” nelle situazioni in cui manchino criteri dettagliati nazionali o fissati dall’Ue. «L’approccio dell’End of waste come filiera è più corretto e solido dal punto di vista istituzionale, ma non c’è dubbio che si...

C’è chi non getta la mascherina

Dal design e gli arredamenti per la cucina al tessile, l’emergenza sanitaria ha restituito vicende di aziende passate in pochi giorni dalla produzione di arredi per la case o stampe per capi d’abbigliamento a realizzare mascherine protettive.Storie dell’imprenditoria sana del nostro Paese, capace di dare un contributo fondamentale in piena pandemia e anche di evitare le gravi conseguenze di un lungo periodo di lockdown, durante il quale buona parte della produzione di beni si è fermata. Sono tante le realtà e i settori dell’industria italiana che in poco tempo hanno deciso di accantonare il loro core business per produrre l’oggetto introvabile nei mesi di marzo e aprile.A esaltare ancor più sono le storie di riconversione industriale votata al rispetto dell’ambiente e al contrasto dell’usa e getta. C’è chi come i Fratelli Guzzini, nota azienda delle Marche nel settore del design per la casa, ha puntato su materiali riciclabili e riutilizzabili fornendo alle farmacie “Eco mask”, una mascherina realizzata con materiali plastici antibatterici e riutilizzabile grazie alla possibilità di sostituire il filtro interno. Dai Fratelli Guzzini è stata lanciata sul mercato una mascherina a tre strati che garantisce protezione e comfort grazie all’elasticità dello strato esterno. Pesa solo 45 grammi, è dotata di lacci regolabili ed è l’ideale per chi vuole minimizzare l’appannamento delle lenti degli occhiali. Fra i settori più colpiti dalla pandemia c’è sicuramente quello del tessile, che però in diversi casi è riuscito ad attuare una riconversione a tempi record. È il caso della Stamperia Fiorentina, storica azienda di Prato in Toscana, che negli anni passati collaborava con lo stilista italiano Roberto Cavalli. È bastato sfruttare una macchina da stampa a basso impatto ambientale e tanta buona volontà per avviare la produzione di mascherine green: 97% cotone, 3% di elastane. «La nostra azienda si è sempre concentrata sul terziario, in particolare sulla stampa per griffe importanti della moda. Il 17 marzo ci siamo ritrovati con la maggioranza degli ordini bloccati – ricorda Massimiliano Parri, medical service di Stamperia Fiorentina – Abbiamo una macchina di stampa digitale, con pigmento ad acqua, che consente un grande risparmio di acqua, energia e CO2. E così abbiamo deciso di reinventarci in questo periodo di crisi. Inizialmente abbiamo prodotto solo mascherine di colore bianco; poi, grazie al lavoro di un illustratore, abbiamo allargato la gamma con mascherine con le stampe. In particolare disegni per rendere i dispositivi di protezione una cosa piacevole per i più...

Seguici sui social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Sponsor -

SFOGLIA IL MENSILE

SFOGLIA IL MENSILE