lunedì 30 Novembre 2020

“I problemi ambientali sono connessi alla tutela dei diritti umani”

Africa climate change

Cate Owren è fra le autrici dello studio dell’International union for the conservation of nature “Gender-based violence and environment linkages. The violence of inequality”. Ecco come spiega i collegamenti diretti tra cambiamenti climatici e aumento della violenza di genere. 

Quali sono le regioni del mondo in cui la connessione fra cambiamenti climatici e violenza di genere è più diretta?

Cate Owren, autrice del rapporto della Iucn

I Paesi che sono meno in grado di far fronte ai cambiamenti climatici hanno più probabilità di registrare un maggiore stress causato dalla perdita dei propri mezzi di sussistenza, dall’insicurezza alimentare o idrica. Sono fattori che, a loro volta, possono portare a un aumento del conflitto sulla spartizione delle risorse e all’incremento di casi di violenza di genere.

 

In questi contesti quali sono i rischi principali a cui le donne vanno incontro?

In situazioni di difficoltà, complicate ulteriormente da stati di emergenza ambientale, possono aumentare ad esempio i casi di violenza domestica. Ma non solo. Nelle comunità più esposte le famiglie possono più facilmente decidere di dare in sposa le loro figlie sperando di migliorare così il proprio status. All’insorgere di catastrofi corrisponde poi, quasi sempre, un incremento delle tratte di esseri umani e dello sfruttamento a fini sessuali. Inoltre, le donne costrette a emigrare anche a causa dei cambiamenti climatici, una volta spostate in alloggi d’emergenza (come i campi profughi, ndr) sono maggiormente soggette a molestie sessuali.

Come si spiega, invece, il collegamento fra violenza di genere e crimini contro l’ambiente?

I crimini contro l’ambiente rappresentano la quarta forma di criminalità organizzata transnazionale più diffusa al mondo e sono collegati a una cultura della violenza. Queste attività illegali si svolgono solitamente in aree remote, in cui circolano armi e sulle quali i governi hanno uno scarso controllo. A gestire questi traffici ai vari livelli sono uomini e ciò fa sì che in questi ambienti ci sia un forte sfruttamento sessuale delle donne che appartengono alle comunità locali delle aree interessate o che lavorano come schiave. 

Che cosa devono fare i governi per arginare questo fenomeno nel suo complesso?

I governi dovrebbero innanzitutto capire in che modo le disparità e la violenza di genere si relazionano con l’ambiente e con i cambiamenti climatici. Fatta questa valutazione, dovrebbero poi inserire la risoluzione di questa criticità fra le loro azioni di governo e prevedere risorse per finanziare degli interventi. Il punto di partenza è assumere la consapevolezza che i problemi ambientali sono direttamente collegati alla tutela dei diritti umani.

Come si spiega il legame diretto fra cambiamenti climatici e violenza di genere?

La violenza di genere viene usata come mezzo per esercitare potere e controllo sulle persone in base al loro genere. Nel contesto specifico delle risorse naturali è utilizzata come mezzo per controllare diritti, ruoli e accesso. Nelle catastrofi meteorologiche e nei cambiamenti climatici, le risorse naturali vengono degradate, interrompendo la produzione alimentare e la disponibilità di acqua e danneggiando le infrastrutture. Lo stress causato dalla perdita di mezzi di sussistenza, in particolare nelle comunità che si basano su risorse naturali, può quindi aumentare le disparità e il Gbv (Gender-based violence, ndr). I Paesi e le comunità che non sono in grado di far fronte a questi impatti possono subire un ulteriore aumento del Gbv, specialmente quando i servizi sociali e sanitari e la polizia non sono in grado di far fronte alle conseguenze di catastrofi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Articoli correlati

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,162FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Dissesto idrogeologico in Sardegna: manca un’efficace politica di prevenzione

Dopo i nubifragi, a Bitti (Nu) lunedì 30 novembre il summit dei massimi esponenti della categoria dei geologi

Presentazione della “Nuova Ecologia” di dicembre e della campagna “Unfakenews”

Appuntamento in diretta streaming lunedì 30 novembre alle ore 16:00, per parlare della campagna di Legambiente e “Nuova Ecologia” contro le bufale su ambiente e salute, delle 100 notizie verdi del 2020 e di molti altri contenuti

Coronavirus, a rischio la stagione sciistica. CIPRA: “Occasione per sviluppare un turismo invernale più sano”

La monocultura dello sci non è sostenibile e utilizza 100 milioni di denaro pubblico all'anno. Ma la Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi avverte: la montagna ha molto da offrire oltre alle piste

ECOFORUM VENETO 2020

Quinta Edizione di EcoForum Veneto in diretta streaming dalle 9.30 alle 12.30 IL PROGRAMMA

Messico, attivista ambientale sequestrato da 33 giorni

È Miguel Vasquez, trent'anni in difesa della natura, per bloccare le centrali idroelettriche. Presunti rapitori hanno fatto sparire ogni traccia