domenica 16 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

“Case senza persone per persone senza casa”

di Rocco Bellantone

riace accoglienza

C’è un’Italia che di fronte all’arrivo dei migranti allarga le braccia in segno di accoglienza. La sua capitale si chiama Riace, comune della provincia di Reggio Calabria situato nell’area jonica della Locride. Dal 1998 il suo sindaco è Domenico Lucano. È con lui che Riace è diventata non più solo il paese dei famosi Bronzi ma anche terra d’integrazione per i profughi in fuga da guerre e persecuzioni. Oggi sono circa 400, su una popolazione di 1.700 abitanti, e appartengono a oltre venti nazionalità diverse.

«Case senza persone aperte a persone senza case – racconta Nuccio Barillà, membro della segreteria nazionale di Legambiente – una realtà in controtendenza rispetto a quanto sta accadendo in Italia e in Europa». Utilizzando in modo serio i fondi destinati all’accoglienza, Riace è riuscita a evitare il totale spopolamento causato dalle emigrazioni di massa registrate dagli anni Sessanta. I progetti avviati dall’associazione “Città Futura” fanno parte dello Sprar (Sistema di protezione per i richiedenti asilo e rifugiati) e sono finanziati dal Fnpsa (Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo). Per ovviare ai ritardi nell’erogazione delle quote giornaliere e garantire massima trasparenza, il Comune ha “coniato” una moneta locale che vale come bonus d’acquisto temporaneo.

riace e il graffito

I migranti hanno ripopolato le abitazioni in disuso e impedito la chiusura delle scuole iscrivendovi i loro figli. Grazie a loro l’economia riacese si è così rivitalizzata. Nelle dodici botteghe artigianali del paese, donne afgane, eritree, etiopi e palestinesi lavorano al fianco della gente del posto. Nei forni e nella taverna “Donna Rosa” i sapori della tradizione calabrese si mescolano a ricette africane e mediorientali. Una rete di ospitalità locale garantisce 120 posti letto aprendo il paese al turismo ecosolidale. L’organizzazione di eventi culturali e l’interesse mostrato da artisti internazionali, fra cui il regista Wim Wenders che qui ha girato il corto “Il Volo”, hanno fatto conoscere Riace in tutto il mondo. L’accurato recupero urbanistico delle parti più antiche del paese, abbellite da murales contro la ’ndrangheta, è l’espressione di un modello di crescita che contrappone al cemento valori etici come la bellezza, la solidarietà e la legalità. E poi ci sono le storie di chi viene da altri mondi e qui ha trovato una nuova casa. Come Daniel Yaboah, ghanese di 34 anni arrivato in Italia con la moglie nel 2008. Adesso è un cittadino riacese e si occupa della raccolta differenziata dei rifiuti, un porta a porta particolare fatto con un carretto trainato da un asino.

L’esempio di Riace è contagioso e prende sempre più piede anche in altri centri calabresi come Stignano, Camini Caulonia, Acquaformosa e Badolato. «L’accoglienza – conclude Barillà – è tornata a essere quella dei nostri padri: “dove mangiano tre mangiano quattro” usavano dire una volta i contadini». D’altronde è solo accogliendo, e non respingendo, che si potranno ricostruire i tessuti sociali di comunità, come quella di Riace, altrimenti destinate a sparire.

(tratto da “La Nuova Ecologia”, ottobre 2015)

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

Clima, Kerry a Draghi: la leadership dell’Italia è cruciale

Questa mattina a Palazzo Chigi l'inviato speciale del presidente Usa. Al via una stretta collaborazione tra Italia e Usa sulla sfida della decarbonizzazione e dell'emergenza climatica

Per quest’anno l’Italia ha esaurito le risorse

Il nostro overshoot day è stato il 13 maggio. Lo segnala il Global footprint network, che calcola l'impronta ecologica di ciascun Paese e quello globale. Dal 14 e fino alla fine dell'anno in corso il nostro Paese andrà in debito con la Terra  

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marine possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale
Ridimensiona font
Contrasto