mercoledì 19 Gennaio 2022

Acquista

Login

Registrati

A scuola con il bruco

Dal mensile di settembre. Il lockdown ha mostrato quanto siano profondamente diverse le città in cui le macchine non sono più padrone della strada. E così i giovani del circolo universitario di Legambiente, GreenTO, hanno pensato di rendere sicuri gli spostamenti dei bambini che vanno a scuola grazie a “Gru.Co”, un progetto per diffondere stili di vita alternativi e migliorare la qualità della vita. A dare nome e simbolo all’iniziativa – che partirà in occasione della “Settimana europea della mobilità sostenibile” – sono stati i due Comuni partner del progetto, Grugliasco e Collegno, nell’hinterland torinese: nasce così questo bruco dalle molte gambe, quanti i bambini e le bambine che verranno accompagnati a scuola in bici per ridurre traffico e smog. Grazie alla vittoria del bando “Green donors” della Fondazione di Compagnia San Paolo, il progetto ha potuto lanciare la scorsa estate un crowdfunding e i ragazzi e le ragazze di GreenTO hanno potuto richiedere a un giovane artigiano modenese di costruire una cargo bike per garantire la sicurezza negli spostamenti degli alunni e delle alunne dal 20 settembre fino al 22 ottobre: la bicicletta speciale, dotata di un portabagaglio, verrà utilizzata dai volontari del circolo per portare zaini e altri accessori dei bambini e della bambine della scuola elementare “Di Nanni” di Grugliasco e della media inferiore “Anna Frank” di Collegno. «Il nostro bicibus vuole essere un messaggio di rinascita e speranza dopo il lockdown – è il commento di Roberto Peluso, referente di GreenTO per il progetto – è per questo che abbiamo deciso di ripartire dai più piccoli, i più penalizzati psicologicamente, fisicamente e socialmente dal lungo periodo di reclusione che abbiamo attraversato».

Oltre alla cittadinanza, a contribuire alla nascita del progetto è stata anche Pin Bike, il sistema già attivato dai Comuni partner per rilasciare premi economici ai cittadini che decidano di utilizzare la bici per andare a scuola o a lavoro. «Questo progetto è il nostro contributo per decongestionare le strade davanti alle scuole, sempre piene di auto in seconda fila e con livelli di smog altissimi – racconta Simone Conte, presidente di GreenTO e altro referente del progetto – Siamo partiti dai piccoli Comuni come Grugliasco e Collegno per una maggiore fattibilità, ma è solo una prima sperimentazione per capire in che forme e modalità si possa replicare questa iniziativa, già a partire da Torino». Dove, grazie alla campagna “Pedalè, Bici senza freni dimmi dove”, Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta questo mese avvia una mappatura dei percorsi ciclabili del capoluogo piemontese e apre uno sportello, fisico e virtuale, per la raccolta delle segnalazioni di criticità e proposte per migliorare la ciclabilità urbana. Buone pratiche per invertire la rotta. Come un bruco che si trasforma in farfalla.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Articoli correlati

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,810FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Ridimensiona font
Contrasto