sabato 5 Dicembre 2020

Quanto vale il caporalato in Italia: LA SCHEDA

L'immagine di un raccoglitore di pomodori immigrato

Secondo le stime contenuto nel IV e ultimo ‘Rapporto agromafie e caporalato’, pubblicato l’estate scorsa dall’Osservatorio Placido Rizzotto Flai Cgil, il business del lavoro irregolare e del caporalato in agricoltura in Italia vale 4,8 miliardi di euro, mentre 1,8 miliardi sono di evasione contributiva.

I lavoratori agricoli esposti al rischio di un ingaggio irregolare e sotto caporale sono 430mila: di questi, più di 132 mila sono in condizione di “grave vulnerabilità sociale” e “forte sofferenza occupazionale”.

Più di 300mila lavoratori agricoli, quasi tre su 10, lavorano meno di 50 giornate l’anno. Il tasso di irregolarità dei rapporti di lavoro in agricoltura è pari al 39%. I lavoratori sottoposti a grave sfruttamento in agricoltura non hanno alcuna tutela e alcun diritto garantito dai contratti e dalla legge: la paga media oscilla tra i 20 e i 30 euro al giorno ma resiste il lavoro a cottimo (3/4 euro per un cassone da 375 chili) e il salario e’ inferiore di circa il 50% rispetto a  quanto previsto dai contratti nazionali e provinciali. I lavoratori sotto caporale devono pagare a questi ultimi il trasporto a seconda della distanza (mediamente 5 euro) e i beni di prima necessità (1,5 euro per una bottiglietta d’acqua, 3 euro per un panino). L’orario medio va dalle 8 alle 12 ore di lavoro al giorno. Le donne sotto caporale percepiscono un salario inferiore del 20% rispetto ai loro colleghi ma sono documentati anche casi di sfruttamento con lavoratori migranti pagati un euro l’ora.

Le aziende che ricorrono al caporalato sono circa 30mila, il 25% del totale delle aziende del territorio nazionale che impiegano manodopera dipendente: il  60% di tali aziende ingaggiano ‘caporali capi-squadra’1, che si differenziano per rapporti di lavoro comunque “decenti” (seppur irregolari) da quelli “indecenti” e gestiti dai caporali collusi con le organizzazioni criminali e mafiose.

In questo sistema basato quasi esclusivamente sul nero e sullo sfruttamento della forza lavoro i migranti rappresentano una “risorsa fondamentale”.  Secondo i dati Inps nel 2017 sono stati registrati con contratto regolare in 286.940, circa il 28% del totale, di cui 151.706 comunitari (53%) e 135.234 provenienti da paesi non Ue (47%). Secondo il Crea, i lavoratori stranieri in agricoltura – tra regolari e irregolari – sarebbero 405 mila: il 16,5% ha un rapporto di lavoro informale (67 mila unita’) e il 38,7% una retribuzione non sindacale (157 mila).

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,206FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

È Rosario Esposito La Rossa l’ambientalista dell’anno, vincitore del Premio Luisa Minazzi

"Crediamo nei sogni impossibili" ha affermato dopo la vittoria. RInviata alla primavera la quarta edizione del Festival della virtù civica, che porterà a Casale Monferrato gli otto finalisti

L’ecologismo è una forma di umanesimo. L’intervista a Telmo Pievani

Dal mensile di settembre - Cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, crisi economica e pandemie. Tutto è legato ma riconosciamo il pericolo solo quando è imminente. E la politica, commenta l’autore di “Homo sapiens e altre catastrofi”, spesso non è all’altezza delle sfide globali

Cercatori di verità

"La scienza ci rende consapevoli delle trasformazioni in corso". L'editoriale del direttore Francesco Loiacono su La Nuova Ecologia di dicembre

PREMIAZIONE AMBIENTALISTA DELL’ANNO 2020

Cerimonia conclusiva del Premio intitolato a Luisa Minazzi

Giornata Mondiale del suolo, CIC: la sua tutela sia al centro dell’agenda politica

È l'appello del Consorzio Italiano Compostatori che promuove la piattaforma S.O.S. Soil - SAVE ORGANICS IN SOIL, «conserva la sostanza organica del suolo»