martedì 11 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Caporalato e fitofarmaci illegali: operazione dei Nas a Terracina e Venezia

Sgominata un’associazione a delinquere che sfruttava manodopera extracomunitaria nei campi. Legambiente: “Il controllo delle forze dell’ordine deve unirsi a una sempre più consapevole conoscenza dei rischi legati all’utilizzo della chimica dannosa in agricoltura”

Blitz del comando dei Carabinieri per la tutela della salute a Terracina e in provincia di Venezia dove è stata sgominata un’associazione a delinquere che sfruttava manodopera extracomunitaria nei campi e impiegava per le coltivazioni fitofarmaci non autorizzati. Un’operazione accolta positivamente da Legambiente, che in una nota firmata dal presidente nazionale Stefano Ciafani e dal presidente di Legambiente Lazio Roberto Scacchi dichiara “quanto sia necessario lottare per la legalità nel settore agricolo. Come associazione, ormai da anni il nostro impegno è rivolto alla lotta alle agromafie e al caporalato, attraverso percorsi di consapevolezza e conoscenza ma anche e soprattutto per mezzo di strumenti di contrasto e sanzione”.

“Il problema è ancora radicato e preoccupante e l’operazione dei Nas lo dimostra. Per invertire la rotta serve una sinergia tra controllori e decisori politici, a cui spetta il compito di imprimere un nuovo corso – prosegue la nota – Aspetto da non trascurare, in questo ambito, riguarda l’utilizzo di fitofarmaci illegali, pericolosi per l’ambiente e la salute. Il controllo delle forze dell’ordine deve unirsi a una sempre più consapevole conoscenza dei rischi legati all’utilizzo della chimica dannosa in agricoltura. La svolta verso l’agroecologia, quanto mai necessaria in tutto il sistema agroalimentare italiano, non può non includere anche il rispetto dei diritti dei lavoratori e della legalità. In agricoltura, infatti, serve un cambio di passo affinché la legalità possa tornare nei campi e dunque nelle nostre tavole e per fare in modo che nessuno venga più sfruttato”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

Clima, le ondate di calore marine devastano gli ecosistemi

La "febbre" sta affliggendo gli oceani e il cambiamento climatico la sta peggiorando. Gli scienziati studiano per prevedere quando colpiranno

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Inquinamento da traffico: le regioni si muovono in ordine sparso

Nuove misure straordinarie per Emilia Romagna, Piemonte e Veneto. Una risposta alla sentenza della Corte di Giustizia europea che ha condannato l'Italia per "violazione sistematica e continuata" delle norme

RAPPORTO CAVE 2021

La Transizione dell'economia circolare nel settore delle costruzioni

Cave, in Italia 29 milioni di metri cubi di sabbia e ghiaia estratti all’anno

Sono 4.168 le autorizzate, 14.141 le dismesse o abbandonate. L'appello di Legambiente: “Ridurre il prelievo da cave accelerando nella direzione dell’economia circolare”. Oggi alle 15 in diretta streaming la presentazione del dossier Rapporto Cave 2021

Quando le auto elettriche costeranno meno?

Il report di Bloomberg New Energy Finance e Transport & Environment mostra come passare al 100% elettrico per auto e furgoni nuovi tra il 2030 e il 2035 è fattibile in tutti i Paesi dell'UE: tutto dipende dalle scelte che farà la politica

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"
Ridimensiona font
Contrasto