domenica 25 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Calabria, a Caminia demolita una schiera di villette abusive

Il 20 luglio ruspe in azione nella località balneare vicino Soverato. Le abitazioni estive erano state poste sotto sequestro nel 2020. Per anni avevano deturpato indisturbate il paesaggio, impedendo l’uso pubblico di un’area demaniale marittima

Nella mattina di oggi, martedì 20 luglio, in Calabria a Caminia, località balneare situata nel comune di Stalettì, lungo la Strada statale 106 Jonica nelle vicinanze di Soverato, sono iniziati gli interventi di demolizione di alcune villette abusive.

Le abitazioni estive erano state poste sotto sequestro nel 2020 a seguito di un’inchiesta giudiziaria. Per anni avevano deturpato indisturbate il paesaggio, impedendo l’uso pubblico di un’area demaniale marittima. Soddisfatto della demolizione Giancarlo Novelli, procuratore aggiunto di Catanzaro: “Quello di oggi è un primo passo e tutta l’area dovrà essere consegnata e riqualificata all’amministrazione comunale per le sue determinazioni. L’ufficio esecuzioni della Procura di Catanzaro, anche grazie alla sensibilità del procuratore Gratteri, su questi temi, sta procedendo anche con altre demolizioni che fanno meno notizia”.

“E’ stato un primo segnale forte ed importante di ripristino della legalità”. Commenta così il presidente di Legambiente Calabria, Anna Parretta, i primi abbattimenti, effettuati stamattina a Caminia di Stalettì, delle villette costruite abusivamente sul demanio, a pochi metri dal mare, in violazione della normativa urbanistico-edilizia.

Si tratta in totale di circa 70 villette su un’area di oltre 5.000 mq che, da decenni, deturpano una della località più belle e suggestive dell’intera costa jonica calabrese a causa dell’inerzia protratta delle Istituzioni competenti. Le demolizioni sono state effettuate dopo l’operazione congiunta denominata “Sea View” in base alle indagini dirette dalla Procura della Repubblica con a capo Nicola Gratteri e segue i provvedimenti di sgombero e di sequestro operati a seguito della decisione del Tar Calabria, di respingere il ricorso presentato da alcuni cittadini proprietari dei manufatti.

“Legambiente Calabria – dichiara il presidente Parretta – è al fianco delle pubbliche amministrazioni, a partire dal Comune di Stalettì, che stanno, finalmente, svolgendo il proprio ruolo restituendo Caminia all’uso collettivo. Restiamo in attesa della demolizione di tutte le villette abusive incluse quelle ancora sub iudice, un vero ecomostro diffuso per come è stato definito, e del conseguente recupero ambientale effettivo del territorio. Il circolo “Cassiodoro” di Legambiente svolge un attento ruolo di monitoraggio del territorio. Non vogliamo che restino ferite aperte come quella, ben visibile, rimasta a Stalettì dopo l’abbattimento di parte di villaggio Lopilato, seguito ad anni di lotte ambientali”.

“Ricordiamo che – conclude il presidente regionale dell’Associazione ambientalista – per come raccontato annualmente dal rapporto Ecomafia, la Calabria è, purtroppo, saldamente ai primi posti della classifica dell’illegalità nel ciclo del cemento. Legambiente, anche con la campagna “Abbatti l’abuso” lavora quotidianamente per arrivare alla demolizione di quell’80% di immobili già colpiti da ordinanze di demolizione ma ancora in piedi, in spregio alla normativa vigente”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

FestambienteSud parte dall’economia circolare, l’agroecologia e la musica di Daniele Sepe

Al via della XVII edizione del festival nazionale di Legambiente per il Sud l’ecoforum e un incontro sull’economia circolare. In serata il concerto di Daniele Sepe . Il video racconto della prima giornata di FestambienteSud 2021

Azione climatica, l’impegno europeo per ridurre le emissioni è ancora insufficiente

Il nuovo Pacchetto legislativo Clima-Energia “Fit for 55” proposto dalla Commissione lo scorso 14 luglio è inadeguato a fronteggiare la crisi climatica e a mantenere vivo l’obiettivo di 1.5°C. Un obiettivo ambizioso ma possibile

G20, Cingolani: “Raggiunto un accordo unico sulla tutela della natura”, in piazza cresce la protesta

Secondo il ministro il documento riprende la visione del Pnrr italiano: tutela degli ecosistemi e della biodiversità, economia circolare, finanza green I difficili negoziati sulla transizione ecologica

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Al via “La Compagnia del suolo”, nove tappe per analizzare la salute dei terreni agricoli

L'iniziativa, organizzata nell'ambito del progetto "Cambia la Terra", punta ad attraversare l’Italia da nord a sud in nove tappe, a partire dal 28 luglio fino alla prima metà di ottobre

Elettromagnetismo, continua il tentativo di innalzare i limiti di legge

In queste settimane, grazie alla vigilanza della società civile, si è scongiurato il rischio di emendamenti per aumentare da 6 v/m a 61 v/m. Ma la battaglia in Parlamento non è ancora finita

Rete EducAzioni, la scuola in presenza è l’unica opzione

L'appello del coordinamento di cui fa parte tra gli altri il Forum Disuguaglianze Diversità, le Scuole senza zaino, Saltamuri e Asvis al governo e al ministro dell'istruzione. Per un'istruzione senza disparità

G20 a Napoli, il controvertice dell’ecosocialforum

Una tre giorni dal basso, di informazione, di confronto e di mobilitazione. Insieme i Fridays for future, Extinction Rebellion, Greenpeace e tanti comitati locali: sono le "bees against G20"

Formula 1, Vettel raccoglie i rifiuti sugli spalti di Silverstone

Uscito anzitempo al Gran Premio di Gran Bretagna il pilota tedesco ha deciso di dare una mano per ripulire il circuito di Silverstone
Ridimensiona font
Contrasto