sabato 8 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Il cambiamento climatico peggiora le allergie stagionali, la conferma dai dati

Secondo una nuova ricerca pubblicata su PNAS, in Nord America il periodo dell’impollinazione inizia 20 giorni prima e dura fino a 8-10 giorni in più, con un incremento del 21% nella quantità di polline liberato

Non ci sono più dubbi, la conferma arriva anche dalla scienza. Il cambiamento climatico sta peggiorando le allergie stagionali, esacerbando l’asma e indebolendo le difese contro i virus respiratori. Il periodo di impollinazione inoltre, sensibile alla temperatura, è ora significativamente più lungo. Quantomeno in Nord America.

Analisi e risultati

Sono i risultati di una collaborazione tra l’Università dello Utah e la Columbia University di New York, pubblicati con uno studio sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS). I ricercatori hanno esaminato i monitoraggi effettuati e i campioni di polline raccolti tra il 1990 e il 2018 da 60 stazioni gestite dal National Allergy Bureau in Stati Uniti e Canada, evidenziando risultati sorprendenti. Rispetto agli anni Novanta del secolo scorso, il periodo dell’impollinazione inizia 20 giorni prima e dura fino a 8-10 giorni in più. Inoltre, c’è un incremento del 21% nella quantità di polline liberato. Secondo gli scienziati, il contributo del cambiamento climatico causato dall’uomo è stato più netto durante il periodo dal 2003 al 2018 rispetto al periodo 1990 – 2018. Una tendenza che probabilmente riflette sia l’effetto cumulativo del riscaldamento globale sia un maggior numero di stazioni di monitoraggio analizzate nel periodo più breve. “I dati sono un esempio chiaro di come il cambiamento climatico influenzi la nostra salute” ha chiarito William Anderegg, primo autore dello studio.

Un insieme di fattori

Per identificare proprio il cambiamento climatico come uno dei motori principali dell’aumento della quantità di polline, lo studio ha esaminato diversi fattori implicati, compresi i cambiamenti di temperatura, le precipitazioni, i giorni di gelo e le concentrazioni di anidride carbonica. L’aumento delle temperature medie annuali, però, è stato il fattore che ha dimostrato di avere gli effetti più marcati.
Utilizzando modelli computerizzati del clima sulla Terra, i ricercatori hanno calcolato in che misura il cambiamento climatico causato dall’uomo ha aumentato le concentrazioni di polline e ha reso le stagioni del polline più lunghe. “Questi modelli informatici simulano il mondo con e senza cambiamenti climatici indotti dalle attività antropiche” spiega Anderegg. “Combinando la connessione osservata tra polline e temperatura con questi due diversi scenari, abbiamo potuto stimare l’effettiva influenza del cambiamento climatico sull’incremento del polline in atmosfera”.

Per approfondire:
Anthropogenic climate change is worsening North American pollen seasons

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

Giornata mondiale degli uccelli migratori, tanti esemplari a rischio

Ricorre l'8 maggio ed è stata creata per sensibilizzare alla tutela della biodiversità e degli habitat in cui l'avifauna vive. Un fine settimana pieno di iniziative

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

In Sicilia, il crollo della Grotta delle piscine a Realmonte non sarà l’ultimo

Il dissesto idrogeologico rientra in fenomeni naturali che interessano certe tipologie di coste. Legambiente Sicilia: "In un immediato futuro, in particolare per l’innalzamento del livello marino avremo sempre di più a che fare con questi eventi"

“Bella presenza”: la comunità che educa

Si chiama così il progetto per il contrasto della povertà educativa minorile, in Campania, Piemonte e Toscana. L'appuntamento è online il 26 maggio alle 18

Sex and the cancer, contro ogni tabù

C’è un aspetto nella diagnosi di cancro di cui ancora troppo poco si parla: come cambia la sessualità con e dopo il tumore. Appuntamento all’11 maggio con un convegno sul tema

L’87% dei cittadini di Roma e Milano chiede più spazi verdi

È quanto emerge dai dati italiani del sondaggio europeo YouGov, commissionata dal movimento europeo Clean Cities di cui fanno parte Legambiente e Kyoto Club. Firma la petizione per una mobilità a zero emissioni

Dal 2 all’8 maggio la Settimana internazionale sulla consapevolezza del compost

Obiettivo dell'iniziativa, che si conclude l'8 maggio, è creare consapevolezza sui vantaggi dell'uso del compost e del recupero valorizzato di sostanze organiche per la società civile, il suolo e l'ambiente. Anche quest'anno tra i promotori c'è il Consorzio italiano compostatori
Ridimensiona font
Contrasto