venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Il cambiamento climatico peggiora le allergie stagionali, la conferma dai dati

Secondo una nuova ricerca pubblicata su PNAS, in Nord America il periodo dell’impollinazione inizia 20 giorni prima e dura fino a 8-10 giorni in più, con un incremento del 21% nella quantità di polline liberato

Non ci sono più dubbi, la conferma arriva anche dalla scienza. Il cambiamento climatico sta peggiorando le allergie stagionali, esacerbando l’asma e indebolendo le difese contro i virus respiratori. Il periodo di impollinazione inoltre, sensibile alla temperatura, è ora significativamente più lungo. Quantomeno in Nord America.

Analisi e risultati

Sono i risultati di una collaborazione tra l’Università dello Utah e la Columbia University di New York, pubblicati con uno studio sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS). I ricercatori hanno esaminato i monitoraggi effettuati e i campioni di polline raccolti tra il 1990 e il 2018 da 60 stazioni gestite dal National Allergy Bureau in Stati Uniti e Canada, evidenziando risultati sorprendenti. Rispetto agli anni Novanta del secolo scorso, il periodo dell’impollinazione inizia 20 giorni prima e dura fino a 8-10 giorni in più. Inoltre, c’è un incremento del 21% nella quantità di polline liberato. Secondo gli scienziati, il contributo del cambiamento climatico causato dall’uomo è stato più netto durante il periodo dal 2003 al 2018 rispetto al periodo 1990 – 2018. Una tendenza che probabilmente riflette sia l’effetto cumulativo del riscaldamento globale sia un maggior numero di stazioni di monitoraggio analizzate nel periodo più breve. “I dati sono un esempio chiaro di come il cambiamento climatico influenzi la nostra salute” ha chiarito William Anderegg, primo autore dello studio.

Un insieme di fattori

Per identificare proprio il cambiamento climatico come uno dei motori principali dell’aumento della quantità di polline, lo studio ha esaminato diversi fattori implicati, compresi i cambiamenti di temperatura, le precipitazioni, i giorni di gelo e le concentrazioni di anidride carbonica. L’aumento delle temperature medie annuali, però, è stato il fattore che ha dimostrato di avere gli effetti più marcati.
Utilizzando modelli computerizzati del clima sulla Terra, i ricercatori hanno calcolato in che misura il cambiamento climatico causato dall’uomo ha aumentato le concentrazioni di polline e ha reso le stagioni del polline più lunghe. “Questi modelli informatici simulano il mondo con e senza cambiamenti climatici indotti dalle attività antropiche” spiega Anderegg. “Combinando la connessione osservata tra polline e temperatura con questi due diversi scenari, abbiamo potuto stimare l’effettiva influenza del cambiamento climatico sull’incremento del polline in atmosfera”.

Per approfondire: Anthropogenic climate change is worsening North American pollen seasons 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto