venerdì 5 Marzo 2021

Acquista

Login

Registrati

Cambiamento a pedali

La Velostazione di Bari, accessibile 24 ore su 24. (foto di Assunta Simone)
La Velostazione di Bari, accessibile 24 ore su 24. (foto di Assunta Simone)

Centosedici posti bici videosorvegliati e accessibili 24 ore su 24, ma anche una ciclofficina e uno spazio per favorire scambi culturali, per noleggiare bici e organizzare itinerari turistici. Queste le caratteristiche della Velostazione Bari Centrale, recentemente inaugurata nel capoluogo pugliese e prima nel suo genere nel Sud Italia. La Velostazione sorge nei pressi della stazione ferroviaria Bari Centrale, in tre locali delle Ferrovie appulo lucane (Fal) interamente ristrutturati. La gestione degli spazi e del servizio è stata affidata a Veloservice, un’associazione di promozione turistica che dal 2008 organizza servizi cicloturistici sul territorio pugliese.

La struttura è “figlia” di due progetti di cooperazione transfrontaliera finanziati dall’Unione Europea. Con i fondi del progetto Gift 2.0 (programma Grecia-Italia 2007-2013) sono stati ristrutturati i locali e forniti in opera i posteggi bici di marca inglese e tedesca. I fondi del progetto Intermodal, invece, hanno permesso il lancio dell’attività e la sperimentazione del servizio. «La Puglia – spiega Giovanni Giannini, assessore regionale ai Trasporti – sta sperimentando soluzioni e strategie di trasporto intermodale da individuare sull’area costiera dell’Adriatico per decongestionare il traffico, che subisce un sovraccarico specie nella stagione estiva. Vogliamo offrire valide alternative a favore della mobilità urbana e turistica intermodale, che abbiano anche una valenza transfrontaliera e che possano essere replicate in altri contesti». Le velostazioni furono previste in Puglia già dal 2007: Regione e Ferrovie regionali siglarono un protocollo di intesa per favorire lo sviluppo dell’intermodalità bici-treno. Nel 2013, poi, la legge regionale sulla mobilità ciclistica ha definito ulteriormente le caratteristiche di queste strutture. I viaggiatori sul portale Gift 2.0 possono leggere dati, costi per la mobilità e tempi di trasporto, mentre negli spazi della Velostazione si possono svolgere anche altre attività: manutenzione, noleggio, workshop tematici, vendita di pezzi di ricambio, organizzazione di escursioni ed eventi.

«Chi utilizza la Velostazione – sostiene Paco Ricchiuti, tra i fondatori di Veloservice – condivide una certa idea di rispetto e cura dell’ambiente, oltre che di promozione del territorio e della salute». I pendolari, principali destinatari del servizio, possono raggiungere il capoluogo in treno, prelevare la propria bicicletta e muoversi a impatto zero nel centro città. «Attraverso i servizi della Velostazione – continua Ricchiuti – invogliamo i cittadini a tirar fuori la bicicletta dagli scantinati, per tenerla custodita, efficiente e a disposizione 24 ore su 24, per tutto l’anno. Il nostro obiettivo è creare una nuova platea di ciclisti, i pendolari, che possono farsi promotori di un nuovo modo di organizzare gli spostamenti». Un’opportunità, quindi, anche per riqualificare altri spazi della città, magari in sinergia con altre associazioni. «È necessario rafforzare e replicare le esperienze virtuose, come quelle messe in pratica dal Comune di Bari che in questi ultimi anni ha avuto il coraggio di scommettere sulla mobilità sostenibile – commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – La nascita della velostazione nel capoluogo pugliese, la prima del Sud Italia, non fa quindi che confermare il trend già positivo rafforzando così l’accoppiata treno più bici». Un’accoppiata vincente.

Articoli correlati

Berta Caceres, cinque anni in cerca di verità e giustizia

Avrebbe compiuto 50 anni ieri la leader indigena assassinata nel 2016 da un gruppo armato. A 5 anni dalla sua “semina” tante le iniziative lanciate dal Copinh. Come #unalberoperlavita, in memoria di chi è stato ucciso nel mondo per difendere ambiente e beni comuni

Città e mobilità sostenibili: il motore per il rilancio del Paese

Dall’8 marzo al 10 aprile la campagna di Legambiente 'Clean Cities: ripartiamo dalle città' per accelerare le politiche locali verso la transizione ecologica. Un viaggio di 14 tappe per una mobilità più sicura, più elettrica e più condivisa

Ambiente, Cingolani: “La transizione ecologica sia globale e antropologica”

Intervenuto alla Conferenza preparatoria della Strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile il ministro della Transizione Ecologica ha illustrato le sfide che il nuovo dicastero dovrà affrontare: “La visione è globale, ma le soluzioni devono essere innestate nel tessuto locale”

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Pnrr, Pefc Italia: “Cruciali gli investimenti nel settore del legno e delle foreste”

Investire nei materiali di origine legnosa per gli edifici, puntare sullo stoccaggio di CO<sub>2</sub> per contrastare la crisi climatica e incentivare la gestione attiva di boschi e foreste. Sono queste alcune proposte che Pefc Italia, ente promotore della gestione sostenibile delle foreste, avanza in occasione della revisione della prima bozza del Pnrr

Italiana Coke condannata dal Consiglio di stato ad adeguare l’impianto della Val Bormida

L'azienda impegnata nella distillazione di carbone fossile di importazione dovrà attenersi alle prescrizioni previste dall’Autorizzazione integrata ambientale. Soddisfatta Legambiente Liguria: “Servono garanzie rispetto alla gestione e al sostegno dei costi di bonifica del sito perché troppo spesso questi sono rimasti a carico del pubblico”

Anagni, tramonta l’idea di un parcheggio nell’area archeologica di Piscina

Con la delibera di Giunta del 16 febbraio scorso l’amministrazione comunale ha definitivamente abbandonato l’idea. Rita Ambrosino, presidente di Legambiente Anagni: “Soddisfatti di questa decisione”

Fukushima 10 anni dopo. Il nuovo numero di Nuova Ecologia

Si intitola "Uscita di sicurezza" il numero di marzo del mensile dedicato al nucleare e al deposito di rifiuti radioattivi che dovrà essere realizzato in Italia. Oggi alle 11.30 la presentazione in diretta sulle pagine Facebook di Legambiente e La Nuova Ecologia e su lanuovaecologia.it

Nessuna transizione senza trasformazione

Editoriale del direttore Francesco Loiacono al numero di marzo della Nuova Ecologia
Ridimensiona font
Contrasto