giovedì 21 Gennaio 2021

I cambiamenti climatici tra le cause dirette dell’aumento della violenza di genere

Africa climate change

Che connessioni dirette ci sono tra i cambiamenti climatici e la violenza di genere? Molte secondo un articolato studio pubblicato dalla Iucn (International union for the conservation of nature) e condotto attraverso la consultazione e l’incrocio di oltre mille fonti di ricerca. “Ci sono prove sufficientemente chiare da cui si evince che i cambiamenti climatici stanno contribuendo a un aumento delle violenze di genere”, ha dichiarato Cate Owren, tra i principali autori del rapporto. “L’aumento delle emergenze ambientali e della pressione sugli ecosistemi, crea a sua volta disagi e stress per le persone. Le prove che abbiamo raccolto dimostrano che dove aumentano le pressioni sull’ambiente, aumenta la violenza di genere”.

Più svantaggiate e vulnerabili in condizioni climatiche “normali”, per il rapporto le donne sono le prime a finire nel mirino di nuovi soprusi e ingiustizie nel momento in cui si accentuano gli effetti del riscaldamento globale e, con esso, le condizioni meteorologiche estreme, come ondate di calore, siccità, inondazioni e tempeste. Accade soprattutto nei Paesi più poveri del pianeta dove alcune delle più comuni mansioni a cui devono prestarsi le donne nel vivere quotidiano, come l’approvvigionamento di acqua e di legna da ardere, diventano missioni impossibili se le situazioni climatiche peggiorano, esponendole ancor di più al rischio di subire violenze.  

Sei intervistati su dieci che si sono sottoposti a un sondaggio somministrato dalla Iucn hanno dichiarato di essere stati testimoni di violenze di genere contro attiviste ambientali, migranti e rifugiate in aree in cui si stavano consumando parallelamente crimini contro l’ambiente o situazioni di degrado ambientale. I casi di violenze di genere comprendono la violenza domestica, aggressioni e stupri, costrizione alla prostituzione, matrimoni forzati e altre forme di sfruttamento delle donne.

Oltre le testimonianze raccolte, il rapporto ha inoltre analizzato altri 80 case studies che hanno confermato il collegamento tra cambiamenti climatici e violenze sulle donne. È stato poi riscontrato che le tratte di esseri umani aumentano nelle aree in cui l’ambiente è posto sotto costante minaccia, c’è bracconaggio di animali selvatici o l’estrazione illegale di risorse naturali. Sono stati dimostrati, ad esempio, abusi sessuali sulle donne nel settore della pesca illecita nel sud-est asiatico. Situazioni analoghe sono state tracciate nell’Africa orientale e meridionale, dove è abitudine che i pescatori vendano il pescato alle donne ma solo se in cambio ottengono prestazioni sessuali. Il disboscamento e il commercio di carbone nella Repubblica Democratica del Congo è legato allo sfruttamento sessuale, mentre in Colombia e Perù le estrazioni illegali di materie prime nelle miniere sono fortemente associate a un aumento della prostituzione. E, ancora, ci sono comunità in diverse parti del pianeta in cui le ragazze vengono costrette a sposarsi giovanissime quanto più sono pressanti le difficoltà climatiche. In tutto il mondo sarebbero circa 12 milioni quelle spinte a sposarsi dalle loro famiglie proprio perché sono in corso catastrofi naturali. Le stesse catastrofi che incidono del 20-30% sull’aumento della prostituzione o dei traffici di schiave del sesso.

Per tutte queste dinamiche, di cui poco o per nulla si parla, “l’emancipazione delle donne e delle ragazze e la loro protezione dalle conseguenze dirette e indirette dei cambiamenti climatici devono essere al centro della giusta transizione verso le società a zero emissioni di carbonio” ha dichiarato Bob Ward, direttore delle politiche e della comunicazione del Grantham Research Institute della London School of Economics. 

Alla conferenza delle Nazioni Unite sul clima tenutasi a Madrid lo scorso dicembre, i governi sono stati criticati dagli attivisti per aver ignorato la difficile situazione di donne e bambini e le minacce che devono affrontare in condizioni climatiche estreme. La speranza è che il tema venga trattato in modo molto più adeguato in vista della prossima conferenza sul clima di Glasgow.

Rocco Bellantone
Classe 1983, nato a Reggio Calabria, cresciuto a Scilla sullo Stretto di Messina, residente a Roma. Giornalista professionista, mi occupo da anni di questioni africane e tematiche ambientali

Articoli correlati

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia

Sequestrato allevamento “lager” di 859 cani a Trecastelli, provincia di Ancona

Chihuahua, barboncini e maltesi maltrattati. Legambiente: "Gestione criminale, priva delle basilari attenzioni. Emergenza sanitaria senza precedenti, il più grande focolaio di brucellosi in Europa. Priorità assoluta alla salute di animali e persone”

I “Marcelli” che abitavano il futuro

Dal mensile di gennaio - Cini e Buiatti ci hanno insegnato che la scienza non è neutrale e neanche un’opinione. Parole che sono un faro oggi, fra comunicazioni scientifiche e di marketing sui vaccini, necessità di trasparenza dei dati e loro segretezza, rassicurazioni e negazionismo 

Progetto Ecco, nasce a Palermo il Ri-Hub della rigenerazione

Una collaborazione tra realtà locali per recuperare apparecchiature elettroniche. La partecipazione è aperta a tutti

La balenottera spiaggiata a Sorrento arriva a Napoli per necroscopia

Stanotte l'ultimo viaggio in mare per il mammifero che potrebbe essere il più grande mai visto nel Mediterraneo. Il Parco Marino di Punta Campanella:" Un esemplare straordinario"