giovedì 13 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Cambiamenti climatici, 10 buone pratiche per ridurli

L'immagine di un'auto elettrica

Ognuno di noi può fare la propria parte per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. A patto di modificare abitudini e stili di vita in modo da ridurre anzitutto le impronte di carbonio. A sostenerlo è un rapporto che ha incrociato i risultati di oltre 7mila studi e che verrà pubblicato su Environmental Research Letters. L’analisi propone un elenco di 10 buone pratiche quotidiane da seguire. Si tratta di comportamenti virtuosi a cui, in buona parte, siamo stati “costretti” ad attenerci a causa delle limitazioni agli spostamenti imposte da inizio marzo in tutto il pianeta a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Al primo posto di questo elenco c’è un utilizzo sempre minore della propria auto. Secondo il report, farne definitivamente a meno significherebbe risparmiare una media di 2,04 tonnellate di CO2 per persona all’anno. Il secondo consiglio è di virare sulle auto elettriche alimentate a batteria (risparmio di 1,95 tonnellate di CO2 per persona all’anno), mentre il terzo è di fare a meno ogni anno di almeno un volo di lunga durata (1,68 tonnellate di CO2 risparmiate per persona all’anno).

Rispettivamente al quarto e al quinto posto ci sono l’acquisto di energia rinnovabile e l’utilizzo del trasporto pubblico. Al sesto posto l’isolamento termico della propria casa (risparmio di 0,895 tonnellate di CO2), al settimo il passaggio a una dieta vegana (0,8 tonnellate di CO2), all’ottavo posto l’utilizzo di pompe di calore, al nono metodi di cottura dei cibi meno inquinanti (specie nei Paesi in via di sviluppo), al decimo il riscaldamento degli edifici utilizzando fonti energetiche rinnovabili.

Secondo la curatrice del rapporto, Diana Ivanova dell’Università di Leeds, intervistata da Bbc News, se le persone attuassero tutte queste misure si risparmierebbero circa nove tonnellate di biossido di carbonio equivalente (CO2e) per persona all’anno. Non sarebbe un risultato di poco conto. Basti pensare che ad oggi le emissioni annuali delle famiglie nel Regno Unito sono circa 10 tonnellate di C02e e 17 tonnellate in quelle degli Stati Uniti.

Nel complesso, si tratta di un rapporto interessante che però limita il suo focus al solo impatto delle impronte di carbonio. Senza tenere conto, ad esempio, di criticità come il consumo di acqua connesso alla produzione di batterie per le auto elettriche. Oppure di altri comportamenti che sono fondamentali per la tutela del pianeta: dall’installazione di pannelli solari sui tetti delle case, al minor uso di carta, dall’acquisto di prodotti di più lunga durata alla regolarizzazione dei termostati, fino al riciclo dei rifiuti. Sono anche queste buone pratiche che consentono di evitare sprechi, preservare risorse e dar loro nuova vita.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marini possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Rinnovabili, nel 2020 in Italia crescita del 7%

Lo dicono i dati dell'Irex Annual Report 2021. Nonostante la pandemia prodotti 10,9 gigawatt, pari a 9,1 miliardi di eur. In testa il fotovoltaico. Crescono le biomasse, soprattutto biometano e smart energy

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  

Una mascherina chirurgica può rilasciare fino a 173mila microfibre al giorno in mare

Lo rileva uno studio dell'Università di Milano-Bicocca. Per le specie marini possibili danni da ostruzione in seguito a ingestione ed effetti tossicologici dovuti a contaminanti chimici e biologici

Moda e sostenibilità: al via la partnership tra Apparel Impact Institute e Legambiente

L’obiettivo è sviluppare un piano di progetti e azioni per far sì che le attività della filiera di settore abbiano un impatto sempre più positivo sull’ambiente anche nel nostro Paese

I Fridays for future (e non solo) manifestano contro Eni

I presìdi sono organizzati lo stesso giorno dell'assemblea degli azionisti. Denunciano le responsabilità del cane a sei zampe nella crisi climatica e nella devastazione ambientale

Biciclette o ciclabilità? Una riflessione sul “bonus bici”

Il click day, le code davanti ai negozi e il collasso della filiera produttiva della bicicletta: una facile fotografia del bonus Mobilità 2020. Tra luci e ombre pur sempre il maggiore incentivo all’acquisto di biciclette mai attivato in Italia
Ridimensiona font
Contrasto