sabato 4 Dicembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Caccia, Ispra: “Sono necessari limitati eccezionali”

Le temperature elevate, la siccità e gli incendi hanno danneggiato pesantemente boschi, macchia mediterranea, pascoli e fauna selvatica. Secondo l’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, la situazione è destinata a peggiorare con l’inizio della stagione venatoria

Una situazione meteorologica critica, contraddistinta da temperature massime e medie elevate e prolungati periodi di siccità, a cui è andata a sommarsi, nel corso del periodo estivo, una drammatica ricorrenza di incendi, molti dei quali di comprovata origine dolosa, che ha interessato estese superfici in Calabria, Sardegna e Sicilia. È questo il quadro in cui sta per prendere avvio la nuova stagione venatoria. Boschi, macchia mediterranea, pascoli e fauna selvatica sono stati pesantemente danneggiati da questo insieme di fattori, e proprio per questo motivo Ispra in una nota richiama l’attenzione sulla necessità di assumere una serie provvedimenti limitativi eccezionali per evitare che popolazioni poste in condizioni di particolare vulnerabilità possano subire ulteriori danni.

Per ciò che concerne l’addestramento e l’allenamento dei cani da caccia, queste pratiche comportano uno stress aggiuntivo per le popolazioni di fauna stanziale, particolarmente nel caso dei Galliformi, dei Lagomorfi e degli Ungulati e possono pertanto indurre una mortalità non trascurabile. Per questa ragione, secondo Ispra, “sarebbe opportuno sospendere l’autorizzazione a svolgere questo genere di attività sino al ripristino delle condizioni ambientali, incluse quelle vegetazionali”.

Sulla caccia da appostamento, Ispra ritiene opportuno che sino a quando continuerà il deficit idrico ne venga previsto il divieto. Questo tipo di caccia, infatti, potrebbe determinare una concentrazione del prelievo in corrispondenza dei punti di abbeverata. Questo divieto è di particolare rilevanza soprattutto qualora sia stata autorizzata l’anticipazione del prelievo (la cosiddetta preapertura) nei confronti di taluni uccelli.

Riguardo la caccia agli uccelli acquatici, Ispra chiede in particolare che venga considerato un posticipo all’inizio di ottobre dell’apertura della stagione venatoria agli Anatidi e agli altri uccelli di palude.

Per ciò che concerne la caccia alle specie stanziali, per Ispra “particolare attenzione andrebbe prestata nelle situazioni ove è prassi abituale effettuare ripopolamenti di lepri o di Galliformi nel corso dell’estate”, poiché “la mortalità dei soggetti rilasciati, già elevata in condizioni ambientali normali, nella situazione attuale potrebbe diventare talmente alta da rendere pressoché inefficace lo stesso intervento di ripopolamento”.

Infine, in merito alla caccia nelle aree interessate da incendi, secondo Ispra “l’esercizio dell’attività venatoria a carico di determinate specie può rappresentare un ulteriore motivo di aggravamento delle condizioni demografiche delle popolazioni interessate, non solo nelle aree percorse dai roghi, ma anche nei settori limitrofi e interclusi, allorquando l’azione del fuoco abbia interessato percentuali importanti di un’area (es. oltre il 30%) e quando gli incendi si siano succeduti nell’arco degli ultimi anni negli stessi comprensori”. In particolare, l’Istituto suggerisce di considerare l’estensione del divieto di caccia nelle aree forestali incendiate “almeno per due anni a tutte le aree percorse dal fuoco (cespuglieti, praterie naturali e seminaturali, ecc.), nonché ad una fascia contigua alle aree medesime, le cui dimensioni andrebbero stabilite caso per caso in funzione delle superfici incendiate, della loro distribuzione e delle caratteristiche ambientali delle aree circostanti”.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Anna Giordano è l’ambientalista dell’anno 2021

La “signora dei falchi” vince la consultazione online e riceve il riconoscimento promosso da Legambiente e Nuova Ecologia intitolato a Luisa Minazzi giunto alla sua quindicesima edizione

EcoForum Veneto

Dalle 9.15 la diretta di EcoForum Veneto

Rinnovabili, nel 2026 saranno il 95% delle nuove fonti energetiche installatate

Lo prevede il nuovo rapporto dell'Iea, l'Agenzia internazionale dell'energia. Oltre la metà di questa energia verde sarà coperta dal fotovoltaico. E già il 2021 si chiuderà con un record con 290 gigawatt di nuova potenza installata

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Primo Festival nazionale del riuso: incontri, laboratori e spettacoli

Dall'8 all'11 dicembre a Torino, un'occasione per approfondire i tanti aspetti di un tassello chiave per l'economia circolare

Transizione ecologica, con rinnovabili ed efficienza energetica 1,1 miliardi di risparmio in bolletta

I dati presentati al Forum QualEnergia 2021. Al 2030 previsti 170 mila nuovi posti di lavoro e 150 miliardi di investimenti. Legambiente: "Troppi ritardi ed ostacoli, serve un cambio di passo". Streaming del Forum l'1 e 2 dicembre sui siti dedicati / SCARICA LO STUDIO ELEMENS

FORUM QUALENERGIA 2021. LA DIRETTA

Dalle 10 in diretta streaming i lavori della prima giornata del Forum: “Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica”

Forum QualEnergia 2021, appuntamento a Roma l’1 e 2 dicembre

A Roma Eventi in Piazza di Spagna due giornate di confronto e dibattito su "Le opportunità economiche tra PNRR e transizione energetica". Il programma dei lavori

Biologico, Coldiretti e Legambiente: “Approvare subito la legge alla Camera dei deputati”

Appello delle associazioni per portare a termine celermente l’iter di approvazione della norma, approvata dal Senato con un solo voto contrario e ancora ferma alla Camera
Ridimensiona font
Contrasto