Buone da piangere

Le cipolle da crude sono diuretiche e disinfettanti. Cotte sono un delicato lassativo

Cipolla, le sue proprietà

La cipolla fa bene perché cruda è ottimo diuretico, disinfetta l’intestino, contribuisce ad abbassare la pressione del sangue e il glucosio. Cotta è delicato lassativo. Il bulbo fresco, applicato sulla pelle svolge azione disinfettante e neutralizza l’effetto delle punture di insetti.
Coltiviamola così La cipolla cresce su tutti i terreni, anche se è meglio evitare quelli troppo umidi, dove marcirebbe. Ben si adatta anche alla coltivazione in vaso, l’importante è che terra o terriccio abbiano abbondante concime nei primi 10 cm di terreno. Innaffiare, solo se necessario, nella stagione più calda.
La semina Si effettua da dicembre ad aprile, anche se nelle regioni del nord Italia si può arrivare fino a giugno. Si fa in Luna calante, interrando i semi radi a 5-7 cm uno dall’altro, in solchetti poco profondi e ricoperti con 1-2 cm di terriccio. In primavera diradare a 15 cm. Piantine e bulbilli si interrano invece a 5 cm in aprile-maggio e a 10 cm dopo un altro mese.
Raccolta e conservazione Da luglio a settembre, con la Luna crescente per il consumo fresco, in calante per la conservazione o la preparazione di sottoli, sottaceti, confetture. Le cipolle si estirpano quando le foglie iniziano a seccare. Utile poi far asciugare i bulbi al sole senza tagliare le foglie. Dopodiché si ripongono in cassette di legno in strati di non più di 10 cm, ben distanziate dalle pareti e dalla base per far circolare l’aria, in locali a 3-4° C. In casa evitare di conservarle in frigorifero.