domenica 18 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Buenos Aires, muoiono animali nello zoo in abbandono

foto di un rinoceronte nello zoo di Buenos Aires

Lo zoo di Buenos Aires, che alle sue origini nel 1875 fu pioniere in America latina e che ebbe una stagione di splendore all’inizio del secolo scorso grazie al naturalista romano Clemente Onelli, è attualmente in stato di abbandono e di allarme per l’improvvisa morte di una giraffa e un rinoceronte femmina. Ambientalisti e animalisti argentini sono sul piede di guerra per il degrado di quello che oggi si chiama ‘Ecoparque’, ma che è al centro di un’invasione di topi e scarafaggi che stanno letteralmente assediando i pochi animali rimasti.

In una denuncia penale presentata da Claudio Bertonatti, ex direttore dello zoo, contro il governatore della capitale, Horacio Rodríguez Larreta, si sottolinea che la riduzione del personale specializzato e la scarsezza di alimentazione hanno trasformato quello che era un gioiello in inferno per la sua residua popolazione animale. Bertonatti ha rivelato ai media che “poco tempo fa il recinto dei rinoceronti ha subito un’inondazione. Di conseguenza una femmina, di nome Ruth, ha contratto un’infezione che l’ha portata alla morte il 14 luglio”. Pochi giorni prima, ha denunciato ancora, Shaki, una delle tre giraffe di cui dispone lo zoo ha sofferto uno scompenso generalizzato che l’ha uccisa.

In realtà, già negli anni scorsi erano deceduti altri animali a causa di disfunzioni nelle infrastrutture e nell’assistenza, fra cui un orso polare, una giraffa nata da pochi giorni, un leone marino e undici carpe. Per anni gli argentini hanno visitato questo zoo, che si trova in una zona centrale di Buenos Aires su un’area di 18 ettari con un arredamento tipico delle ville romane. All’epoca del suo massimo splendore, fra il 1904 ed il 1920, Onelli riunì il meglio dell’esperienza europea, riuscendo a triplicare il numero dei visitatori, portandoli dagli originari 140mila a mezzo milione l’anno.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

L’orsa JJ4 resterà libera

Il Tar di Trento ha pubblicato la sentenza con cui cancella l’ordinanza della Provincia di Trento che disponeva la cattura

ADRIATICO A RISCHIO

Il webinar Come fare a recuperarlo? Verso un riserva marina nel Canale d'Otranto. A cura di Medreact e Legambiente

Transizione ecologica: è l’ora del dibattito pubblico

Occorre scommettere su trasparenza delle informazioni e qualità dei progetti. A dirlo è un Manifesto promosso da 14 associazioni tra cui Legambiente, Greenpeace, Action Aid e Cittadinanza Attiva

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Catanzaro, continua la battaglia contro la discarica di Scala Coeli

Legambiente ha presentato di nuovo il ricorso al Tar per verificare se gli ultimi interventi non rappresentino un'anticipazione dell'ampliamento. Ciafani: "Serve un cambio di rotta"

Il 29 maggio in Trentino il primo concerto climate positive

L'iniziativa si chiama TreeTicket e sarà il primo evento musicale per assistere al quale si pagherà in alberi. A Malga Costa in Val di Sella, nella cornice della foresta artistica di Arte Sella, si esibiranno il violoncellista Mario Brunello e Stefano Mancuso

Agricoltura e clima, per il frumento perdite di produttività del 20% entro il 2040

È uno dei dati che emerge dal nuovo rapporto “12 passi per la terra (e il clima)” dell’associazione Terra! Ecco le proposte per offrire una via d’uscita dalla spirale di crisi in cui il settore agricolo rischia di restare invischiato

South beach, Legambiente dice stop al consumo di suolo sulla costiera molisana

L'associazione ambientalista contraria al progetto sostenuto dalla Regione che punta a urbanizzare ed edificare un’area di circa 160 ettari a ridosso del mare

In Italia 17,5 milioni di abitazioni riscaldate con gas metano

Dal settore residenziale proviene il 53% delle emissioni di PM10, mentre dagli edifici il 18% di quelle climalteranti. I dati del nuovo studio sulla decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento realizzato presentato da Legambiente e Kyoto Club
Ridimensiona font
Contrasto