martedì 21 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Bruxelles contro la Polonia per il diboscamento della foresta di Bialowieza

La Commissione europea ha avviato una procedura d’infrazione per salvare l’ultimo pezzo di foresta vergine dell’Europa dell’Est. Dichiarata Patrimonio dell’umanità, è stata già al centro di una disputa con l’Ue dal 2016 al 2018

Si tratta dell’ultimo pezzo di foresta vergine dell’Europa dell’Est. Nonostante ciò il governo polacco ha deciso di tagliare alberi di Bialowieza per 180mila metri cubi in dieci anni nelle zone che non rientrano nel parco nazionale. Per fermare l’operazione la Commissione europea ha aperto una procedura di infrazione contro la Polonia per il piano di taglio di alberi.

Bialowieza: lo scontro

La ong di avvocati ambientalisti ClientEarth riferisce che per la Commissione il piano di disboscamento potrebbe andare contro le direttive Habitat e Uccelli. Il piano di taglio, secondo Varsavia, servirebbe a diminuire la diffusione del bostrigo, un insetto parassita dell’abete rosso. Entro un mese la Polonia dovrà fornire a Bruxelles i dettagli dell’operazione. Se questa verrà ritenuta in violazione delle norme comunitarie, potrebbero scattare sanzioni.

La foresta, patrimonio naturale condiviso con la Bielorussia, è stata al centro di una disputa tra l’Ue e la Polonia dal 2016 al 2018, quando il disboscamento fu sospeso dopo un pronunciamento della Corte di giustizia europea.

Leggi anche:
Salviamo Bialowieza di Francesco Paniè

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Clima, Draghi: “Italia determinata ad affrontare l’emergenza”

L'intervento al Climate moment a New York: "Dobbiamo agire subito o non rimarremo sotto l'incremento di 1,5 °C"

Clima, il rapporto del Cmcc indica il futuro dell’Italia tra eventi estremi e siccità

I dati del Centro Euro-Mediterraneo sui cambiamenti climatici: aumento delle temperature di 2-5 °C entro il 2050. Incremento del rischio idrogeologico e perdite fino all’8% del Pil pro capite con nuove differenze socio-economiche tra Nord e Sud / Leggi il rapporto del CMCC

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Giustizia climatica e solidarietà, torna “Puliamo il mondo”

Dal mensile di settembre. Appuntamento dal 24 al 26 settembre con la grande manifestazione di volontariato ambientale. Un’edizione speciale alla vigilia della Pre-Cop

Parchi eolici italiani, online la prima guida turistica dedicata

Da Rivoli Veronese a Gibellina, undici gli impianti da scoprire con Legambiente attraverso una serie di itinerari tra percorsi ciclabili, borghi, arte e buona cucina diventati laboratori della transizione energetica

Commercio illegale di idrofluorocarburi, disponibile il rapporto ufficiale dell’Environmental Investigation Agency

I gas refrigeranti inquinano come emissioni di gas serra di più di 6,5 milioni di automobili in un anno. E la Romania rimane in silenzio

Attivismo giovanile, arriva lo Youth climate meeting Lazio

Appuntamento a sabato 18 settembre 2021, alle ore 16.00 presso il Parco della Garbatella a Roma

Punta Campanella, nate 82 tartarughe marine sulla spiaggia di Maiori

Con questa schiusa, la conta dei nidi di Caretta caretta in Campania sale a quota 52. Un anno da record storico
Ridimensiona font
Contrasto