giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Brescia cambia strada

Dal mensile di ottobre 2020 – Legambiente e Idea Plast donano alla città un’area giochi in plastica riciclata. Un premio al progetto di rigenerazione urbanistica lanciato dal Comune, che interessa 40mila cittadini per 24.000 m2

di CARLOTTA BONI

Una nuova area giochi per i bambini di Brescia è stata donata alla città lombarda per essersi distinta nell’edizione 2019 di “Ecosistema Urbano”. Il parco “Alpini di terra bresciana”, nato grazie alla collaborazione fra Legambiente e Idea Plast, mette a disposizione dei più piccoli un’innovativa area composta da una casetta con tetto, un tavolo, un veliero dotato di scivolo e una panchina. Tutti elementi realizzati con la plastica riciclata. Protagonista il progetto di recupero urbanistico “Oltre la strada”, avviato nel 2017 dal Comune nell’ambito del sistema di buone pratiche diffuso dallo studio annuale di Legambiente “Ecosistema Urbano”.

«La città di Brescia, con le sue azioni di rigenerazione urbana e il progetto “Oltre la strada”, dimostra come sia possibile ripensare in chiave sostenibile l’area urbana, migliorando allo stesso tempo le performance ambientali – dice Mirko Laurenti, responsabile nazionale di “Ecosistema Urbano” per Legambiente, presente all’inaugurazione dell’area giochi – Siamo ben contenti di inaugurare insieme al Comune e con Idea Plast quest’area giochi realizzata in plastica riciclata. Nelle città si gioca una sfida importante in chiave ecologica che riguarda settori come l’edilizia e i rifiuti, i trasporti e l’industria. Una sfida che non va persa e che deve contribuire a stimolare la domanda di prodotti ecocompatibili e di consumi sostenibili».

L’iniziativa di rinnovo urbanistico prevede una serie di interventi che interessano 40mila cittadini per 24.000 m2, fra cui la messa in sicurezza delle falde acquifere e la bonifica dei terreni inquinati dalle fabbriche, l’attivazione della stazione per il nuovo treno metropolitano Brescia-Iseo, nuove opportunità residenziali di housing sociale e di coworking, un teatro, un parco pubblico, piste ciclabili, una ciclofficina, uno skate-park, una portineria di quartiere, laboratori d’arte e una biblioteca rivolta ai più giovani. L’investimento complessivo previsto è di oltre 50 milioni di euro, di cui 20 finanziati dal bando periferie e 10 dal Comune di Brescia.

L’area giochi è naturalmente soltanto una piccola parte dell’iniziativa ma, allo stesso tempo, un tassello fondamentale per dare un’impronta sempre più sostenibile agli spazi aperti dedicati a momenti di socialità. All’inaugurazione, lo scorso 31 luglio, con una cerimonia pubblica alla presenza del sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, dell’assessore con delega all’Ambiente, Miriam Cominelli, di Lucio Lorenzi, presidente del circolo Legambiente di Brescia, è intervenuto Alessandro Trentini, fondatore e direttore tecnico di Idea Plast.

«È un orgoglio per noi poter donare al Comune di Brescia uno dei parchi che da anni realizziamo – ha dichiarato – Auspichiamo che iniziative come questa stimolino sempre più amministrazioni a realizzare interventi orientati alla sostenibilità. Una possibilità che per molti Comuni potrebbe essere quasi a costo zero grazie al bando regionale per la realizzazione e l’adeguamento di parchi gioco inclusivi pubblici in Lombardia per il 2020-2021». L’idea di costruire intere aree urbane in cui ciascun elemento venga progettato e realizzato unicamente attraverso la tecnica del riciclo circolare è sempre più possibile. Basta dare alla plastica una seconda vita.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto