martedì, Ottobre 20, 2020

Brasile, uccisi due Yanomami da cercatori d’oro

YAMOMANI UCCISI BRASILE

Nuovi omicidi di indigeni in Brasile. Secondo quanto riportato il 30 giugno da Survival International, il Movimento mondiale per i diritti dei popoli indigeni, due uomini Yanomami, il più grande popolo del Sud America a vivere in relativo isolamento, sarebbero stati uccisi da cercatori d’oro nel nord del Brasile. Le vittime appartenevano alla comunità di Xaruna, residente vicino al confine con il Venezuela, lungo un affluente del fiume Uraricoera, epicentro della corsa all’oro.

“L’omicidio di altri due Yanomami da parte dei cercatori d’oro dovrebbe essere indagato con rigore e rafforza la necessità che il Brasile agisca con urgenza per rimuovere immediatamente tutti i cercatori d’oro che sfruttano illegalmente il territorio degli Yanomami, e che minacciano e attaccano le comunità indigene che vi vivono” ha dichiarato in un comunicato Hutukara, una delle organizzazioni locali più attive a difesa di questo popolo. “Chiediamo che le autorità prendano tutte le misure necessarie per fermare l’attività estrattiva che continua a prendersi delle vite Yanomami”.

“Stiamo assistendo a una terribile replica delle condizioni che, 27 anni fa, portarono al massacro di Haximu”, ha commentato la direttrice del Dipartimento Ricerca e Advocacy di Survival International Fiona Watson, che lavora da trent’anni a fianco degli Yanomami e ha visitato molte volte il loro territorio. “Un cocktail velenoso fatto di un’incontrollata corsa all’oro, di malattie, distruzione della foresta, inquinamento dei fiumi e minatori impegnati a uccidere qualsiasi Yanomami incontrino sulla loro strada”.

Non c’è tregua, dunque, per questa e altre popolazioni indigene che vivono in Sud America. Nel 1993, un conflitto simile scatenò un ciclo di violenze che portarono al massacro di Haximu, nel corso del quale vennero uccisi 16 Yanomami. Tempo dopo, i tribunali brasiliani dichiararono il massacro come un atto di genocidio. Ma non solo. Perché oltre alle violenze, i cercatori d’oro stanno introducendo il Covid-19 nel territorio yanomami. Molti di loro sono morti e altre decine sono rimasti contagiati.

I timori per la devastazione che la malattia può comportare per il loro popolo, hanno spinto molte organizzazioni yanomami, tra cui Hutukara, a lanciare agli inizi di giugno la campagna #ForaGarimpoForaCovid – #MinersOutCovidOu. “La pressione dell’opinione pubblica è ora determinante per costringere il governo ad agire e a cacciare i cercatori d’oro. Il futuro degli Yanomami dipende da questo. Per favore, firmate la loro petizione”, ha dichiarato Fiona Watson.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER 

SOSTIENI IL MENSILE 

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
20,861FollowersFollow

Gli ultimi articoli

Riforma Pac, il voto non freni l’ambizione ambientale

Dopo la posizione deludente espressa dalla Ministra Teresa Bellanova, appello della Coalizione Cambiamo Agricoltura ai Parlamentari italiani per una scelta responsabile e lungimirante, coerente con il Green Deal europeo

Agroecologia e consumi bio, al voto la riforma della Pac

L'Italia è leader in Europa nel sistema agroalimentare biologico. Le associazioni chiedono che la Politica agricola comune non favorisca il modello intensivo, lontano dagli obiettivi del Green Deal. Ma il Governo sembra voler andare in una direzione opposta

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica

Partecipiamo al futuro cambiando il presente: la crisi climatica. Questo il nome del workshop che si è tenuto in due tempi, sabato 17 e...

Ogni anno 630mila morti di origine ambientale

L’inquinamento dell’aria continua a essere la principale minaccia alla salute con oltre 400mila vittime premature ogni dodici mesi. E insieme alla povertà può essere collegato a tassi di mortalità maggiori per Covid-19. I risultati dell'ultimo rapporto dell’Agenzia europea per l’ambiente

Ecosistemi, più precari se sono piccoli e giovani

Lo dice uno studio condotto sul lago di Ocrida, situato nella penisola balcanica e considerato uno dei più antichi della Terra. I ricercatori hanno combinato i dati paleoambientali e paleoclimatici con l'analisi di oltre 150 specie di diatomee fossili