sabato 23 Gennaio 2021

Brasile, Bolsonaro aumenta i pesticidi

100 Pesticidi E Farmaci Nelle Acque D'europa

Se c’è un Paese dove in questo momento la vendita di pesticidi si va intensificando – in netta controtendenza con le direttive sulla salvaguardia degli ecosistemi – quello è certamente il Brasile, dove la gestione del neo presidente Jair Bolsonaro sta facendo discutere gli ambientalisti di tutto il mondo.

L’ultima contestazione al governo Bolsonaro riguarda, infatti, le autorizzazioni concesse in poche settimane alla vendita di ben 152 pesticidi. Autorizzazioni rilasciate nella maggior parte dei casi per prodotti commercializzati da società americane, cinesi e tedesche.

A quattro mesi dal suo insediamento Bolsonaro ha azzerato gli sforzi che erano stati fatti per vietare l’utilizzo di alcuni prodotti nelle coltivazioni, a dispetto delle preoccupanti conseguenze denunciate come rischi per la salute della popolazione e in termini di distruzione del patrimonio naturalistico.

Sono centinaia di migliaia i casi di intossicazione che ogni anno colpiscono le popolazioni rurali brasiliane, con particolare incidenza su quelle che abitano nelle vicinanze di terreni.

Tra le associazioni umanitarie che hanno condotto indagini in Brasile c’è Human Rights Watch che da luglio 2017 ad aprile 2018 ha intervistato 73 persone, scelte tra sette diversi siti. Ogni persona era stata colpita da patologie più o meno gravi e descriveva sintomi – sudorazione, aumento della frequenza cardiaca, nausea, mal di testa e vertigini – coerenti con l’avvelenamento acuto da pesticidi, utilizzati su terreni nelle loro vicinanze.

Le decisioni prese dai governanti brasiliani sulla vendita dei pesticidi sembrano non tener conto dei rischi sulla salute pubblica e, al contrario, secondo le recenti dichiarazioni del ministro dell’Agricoltura, potrebbero portare in poco tempo al rilascio di oltre mille autorizzazioni.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

“Il primo follower” per una rivoluzione ambientale

Un libro-manuale per ecologisti, che verrà stampato grazie a crowdfunding. Quattro livelli di azione, di crescente difficoltà, che ciascuno di noi può applicare immediatamente

Rifiuti processo Resit: Cassazione conferma 18 anni a Cipriano Chianese, inventore ecomafie

Legambiente: “Soddisfazione per la conferma delle condanne. Continueremo nostro lavoro di denuncia e impegno per la rinascita della Terra dei fuochi”

Antonio Gramsci: tra resistenza sociale e resilienza ambientale

Nel 130esimo anniversario della nascita dell'uomo politico, viaggio alla riscoperta del suo pensiero e delle sue "intuizioni" ecologiste. Per comprendere come affrontare le sfide del presente

Sardegna da tutelare: firmato l’accordo tra la famiglia Abbado e Legambiente

Presentato oggi il progetto il cui obiettivo è promuovere programmi di tutela dell’ambiente e di ricerca nel terreno ad Alghero di Claudio Abbado, famoso direttore d’orchestra scomparso nel 2014. Un'area protetta negli anni per i suoi valori naturalistici

Le armonie della bellezza, presentazione dell’accordo sul terreno di Claudio Abbado

Appuntamento domani, 21 gennaio, alle ore 11.00 sulle pagine Facebook di Legambiente e della Nuova Ecologia e sul sito della Nuova Ecologia