giovedì 25 Febbraio 2021

Acquista

Login

Registrati

Bracconieri in trappola

bracconieri  in trappola contro caccia

Sangue freddo, testa sulle spalle e voglia di fermare la strage di uccelli migratori che ogni anno viene perpetrata in diversi “punti caldi” del Mediterraneo. Sono queste le caratteristiche più importanti per partecipare ai campi antibracconaggio organizzati dal Cabs, acronimo di Committee against bird slaughter, un’organizzazione nata nel 1975 a Berlino ma ancora oggi molto attiva nel contrasto alle attività di caccia illegale.
Il Cabs organizza numerosi campi per la protezione degli uccelli, la maggior parte dei quali si svolgono in primavera e in autunno, durante i grandi movimenti migratori, in Italia, Germania, Malta e Cipro.
Oltre duecento volontari provenienti da tutta Europa partecipano ogni anno a queste operazioni, distruggendo fino a 30mila trappole a stagione e contribuendo alla cattura di centinaia di bracconieri.
Andrea Rutigliano è uno degli attivisti più esperti del Cabs, spesso in viaggio fra il Vecchio Continente e il Nord Africa per coordinare le attività dell’organizzazione. «Durante i campi i volontari escono spesso prima dell’alba alla ricerca dei punti in cui cacciatori e bracconieri piazzano reti, trappole o sparano illegalmente sugli animali – racconta – Le trappole che troviamo vengono rimosse e gli uccelli liberati, quando ancora in vita. Cerchiamo anche di recuperare materiale video o fotografico per poi sporgere denuncia, perché molto spesso a leggi repressive non corrispondono gli opportuni controlli». Non di rado capita ai volontari di cogliere sul fatto i bracconieri, di doversi scontrare con l’omertà o la collusione degli abitanti e dei contadini. Per questo il Cabs ricerca nei suoi volontari qualità specifiche: «Oltre al coraggio – spiega Andrea – valutiamo molto seriamente la capacità di resistere alle provocazioni, perché siamo un’organizzazione che opera con metodi nonviolenti».
Il tutto condito da una buona dose di scaltrezza, utile per poter lavorare sotto copertura, muovendosi con cautela e imparando a utilizzare fototrappole nascoste o altri sistemi di monitoraggio dei bracconieri.

Francesco Panié
Giornalista ambientale. per La Nuova Ecologia cura inchieste e approfondimenti su globalizzazione. inquinamento. clima. agricoltura e beni comuni. twitter @francesco.panie

Articoli correlati

Nasce l’Osservatorio indipendente sul Piano nazionale di ripresa e resilienza

A lanciare l'iniziativa sono un gruppo di organizzazioni della società civile che chiedono al Governo Draghi pieno coinvolgimento nella definizione del Pnrr. Tra queste c'è anche Legambiente

Cambiamenti climatici, in Europa ogni anno danni per 12 miliardi di euro

La cifra potrebbe aumentare addirittura a 170 miliardi nel caso in cui le temperature dovessero aumentare ulteriormente. La Commissione Ue vara una strategia di adattamento con la creazione di un nuovo osservatorio sul clima e la salute

Ecoforum Basilicata 2021

Le sfide dell'economia circolare

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Volontariato in tempi di pandemia, le nuove proposte di Legambiente

Imprese e Terzo Settore insieme per la sostenibilità ambientale. Il 23 febbraio il 7° workshop: tutela dell'ambiente, valori sociali e solidarietà. Nasce la “carta d'identità del volontariato aziendale”

Emissioni, per raggiungere target Ue bisogna decarbonizzare caldaie e riscaldamenti

La campagna #Coolproducts con Legambiente e Kyoto Club: servono nuove etichette energetiche e target più ambiziosi già a partire dal 2023

Gli scienziati all’UE: “No alle gabbie negli allevamenti”

Più di 140 scienziati, tra cui la primatologa Jane Goodall, hanno firmato la lettera conto le gabbie indirizzata alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen

Cobalto in Congo, mai più schiavi delle risorse

Buona parte del cobalto che alimenta i nostri pc portatili si trova in Repubblica Democratica del Congo, dove ieri sono stati uccisi il nostro ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. Eppure il Paese rimane uno dei più poveri del pianeta

“Il mare è fonte di vita”. L’intervista a Nicola Sammarco, ideatore di Nicopò

La prima serie animata in cui l’entertainment incrocia i temi ambientali. Sullo sfondo Taranto, i fantasmi dell'Ilva e il sogno di cambiare la città
Ridimensiona font
Contrasto