giovedì 22 Aprile 2021

Acquista

Login

Registrati

Bolsonaro apre l’Amazzonia alle attività minerarie

Brasile Apre L'amazzonia Alle Attività Minerarie

Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha detto venerdì che il paese potrebbe aprire una vasta riserva situata nella foresta pluviale amazzonica all’estrazione mineraria, mossa che già il suo predecessore aveva tentato prima di tornare sui suoi passi a causa di una protesta internazionale.

La National Reserve of Copper and Associates (Renca) occupa circa 46.600 km quadrati, un’area leggermente più grande della Danimarca che si stima ricca di oro, rame, ferro e altri minerali.

“Usiamo le ricchezze che Dio ci ha dato per il benessere della nostra popolazione”, ha detto Bolsonaro.

L’estrazione mineraria è stata vietata nella Renca, situata negli stati settentrionali di Pará e Amapá, per evitare lo sfruttamento da parte di imprese straniere mentre il Brasile si dotava dell’industria necessaria a un simile compito. La riserva è stata istituita da un decreto presidenziale e pertanto può essere revocata dal presidente senza l’approvazione del Congresso.

Il predecessore di Bolsonaro, Michel Temer, ha abolito la Renca nel 2017, ma è stato costretto ad una inversione a U il mese successivo dalle proteste di tutto il mondo.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Seguici sui nostri Social

16,935FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

La tutela del suolo al centro della transizione ecologica

È un importante bacino di biodiversità e fornisce una serie di servizi ecosistemici. Ecco perché è arrivato il momento che l'Unione Europea adotti una direttiva ad hoc

Servono politiche innovative di sviluppo montano

Nelle liste stilate dalle Regioni per il Pnrr non si colgono cambi di prospettiva per la montagna. Emblematico il caso del turismo. L’intervento di Vanda Bonardo

Cibo e social nella rubrica Foodhacker

Nasce la rubrica della Federico II di Napoli che studia tendenze social sul food. Con la partecipazione di 5 food influencer: Karen Phillips, Luciano Pignataro, Sonia Peronaci, Flavia Corrado (Zia Flavia foodn’boobs), Valentina Castellano

Caccia: “Per la tortora selvatica la Calabria è l’unica salvezza”

A dirlo sono Legambiente, Lipu e Wwf: durante il tavolo tecnico della Conferenza Stato-Regioni si è discusso il piano nazionale di gestione. Solo l’assessore Sergio De Caprio, il capitano Ultimo, ha resistito alle pressioni delle associazioni venatorie

Addio al comandante Salvatore Barone presidente di Castalia

Ha creato un sistema di pronto intervento in caso di sversamento in mare pressoché unico nel Mediterraneo, in grado di confrontarsi con le nuove grandi sfide dell’inquinamento marino. Ci mancherà
Ridimensiona font
Contrasto