martedì 18 Maggio 2021

Acquista

Login

Registrati

Bologna, le stazioni ferroviarie diventeranno “hub urbani intermodali”

Accessibili a piedi, in bici, con mezzi pubblici, mezzi privati elettrici e in sharing. Grazie al piano della mobilità sostenibile al 2030

Nella città metropolitana di Bologna le aree attorno alle stazioni cambieranno volto e funzione come previsto nel Piano della mobilità sostenibile al 2030 (PUMS). Trenta stazioni ferroviarie diventeranno altrettante “porte” di accesso al territorio della provincia: l’obiettivo principale è quello di realizzare degli “hub urbani intermodali”. Le stazioni, i relativi piazzali ed edifici dovranno divenire “nuovi luoghi identitari e attivatori della qualità e della vitalità dei comuni”. Che cosa vuol dire? Chi viaggerà lo farà sempre meno passando caselli autostradali e attraversando poi centri commerciali, ma sempre più in treno, senza inquinare, accedendo direttamente ai centri urbani.

Stazioni ferroviarie hub

Per il PUMS bolognese il ridisegno della città attorno alle stazioni dovrebbe avere la funzione di riqualificare gli spazi pubblici, rigenerare il tessuto edilizio, migliorare la qualità architettonica

L’entrata e l’uscita della stazione dovrà diventare facilmente accessibile a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici e condivisi (sharing), con il taxi e infine “con mezzi privati a basso impatto ambientale”, cioè elettrici. Tutti questi mezzi, queste infrastrutture e servizi di mobilità dovranno servire non solo i cittadini, ma anche chi abita o lavora a 10 o 15 chilometri dalla stazione o per chi arriva da Milano o Rimini. Le stazioni diventano un nodo del “biciplan”, delle bicipolitane e del trasporto pubblico provinciale.

Accessi difficili

In tante cittadine l’attraversamento e l’accesso ciclopedonale alla ferrovia è pieno di ostacoli: mancano ascensori per disabili, la sosta bici è selvaggia o il parcheggio troppo piccolo, la stazione degli autobus nel punto più lontano ai binari. Spesso più vicino all’uscita ci si arriva ancora in auto, dove i parcheggi sono spesso al servizio del vicino supermercato. L’accessibilità ciclopedonale per tutti ai binari ferroviari deve essere la priorità.

Ridisegnare la città

Per il PUMS bolognese il ridisegno della città attorno alle stazioni dovrebbe avere la funzione di riqualificare gli spazi pubblici, rigenerare il tessuto edilizio, migliorare la qualità architettonica, ovvero costruire o ristrutturare gli edifici a zero emissioni (classe A e pannelli solari).
La vita con il Covid ci ha spinti a convertire rapidamente gli spazi a nuovi servizi alla persona, luoghi attrezzati per il lavoro e lo studio a distanza, moderni locali salubri e ventilati per incontri e riunioni in sicurezza. I centri urbani, anche piccoli, hanno necessità di nuove attività commerciali, anche per l’e-commerce. Al 2030 l’Europa ci chiede zero morti e feriti sulle strade e di dimezzare i gas di scarico. A questo obiettivo deve servire studiare, partecipare e approvare i PUMS nelle città. Se ci limitiamo alle “bretelle” autostradali, un po’ di piste ciclabili e a procedere a tentoni trasformando tutti gli incroci in rotonde per “fluidificare” il traffico, le città rimarranno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

LOTTA ALL’AGROPIRATERIA E SICUREZZA ALIMENTARE

Il webinar su una riforma necessaria

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Leonardo DiCaprio ha promesso 43 milioni di dollari per il ripristino delle Galapagos

L'iniziativa è in collaborazione con l'organizzazione Re:Wild. L'obiettivo è la reintroduzione di 13 specie estinte nelle isole. Ma non solo

Seguici sui nostri Social

16,978FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Reggia di Caserta, i bambini coltivano gli orti didattici

I ragazzini dell’Istituto Calcara di Marcianise (Ce) hanno avviato le prime attività agricole grazie al progetto Horticultura della coop. Terra Felix. Appuntamento al 24 maggio

Clean beach tour, Piero Pelù e Legambiente in Toscana per liberare le spiagge dai rifiuti

Tappa a sorpresa a Marina di Alberese. Un centinaio di persone hanno partecipato alla pulizia nel Parco della Maremma, nel rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid

Treni a idrogeno, perché non sono né pronti né verdi

Anche quando, dopo il 2040, l’idrogeno sarà prodotto solo da elettricità rinnovabile, occorreranno comunque il doppio di bacini idrici, di condotte idrauliche e pannelli solari per azionare gli elettrolizzatori e mettere in moto i locomotori

A Bologna, nel quartiere Pilastro, l’economia circolare è di casa

Il circolo di Legambiente L'Arboreto che è un rihub del progetto Ecco. Tante le iniziative: dalla stoviglioteca a noleggio al servizio di prestito librario a domicilio

International Day of Light, 7 scienziati che hanno rivoluzionato il mondo dell’energia

Il 16 maggio si celebra la Giornata internazionale della luce. Da Benjamin Franklin a Nikola Tesla, le persone che hanno illuminato il mondo  
Ridimensiona font
Contrasto