giovedì 29 Luglio 2021

Acquista

Login

Registrati

Bologna, le stazioni ferroviarie diventeranno “hub urbani intermodali”

Accessibili a piedi, in bici, con mezzi pubblici, mezzi privati elettrici e in sharing. Grazie al piano della mobilità sostenibile al 2030

Nella città metropolitana di Bologna le aree attorno alle stazioni cambieranno volto e funzione come previsto nel Piano della mobilità sostenibile al 2030 (PUMS). Trenta stazioni ferroviarie diventeranno altrettante “porte” di accesso al territorio della provincia: l’obiettivo principale è quello di realizzare degli “hub urbani intermodali”. Le stazioni, i relativi piazzali ed edifici dovranno divenire “nuovi luoghi identitari e attivatori della qualità e della vitalità dei comuni”. Che cosa vuol dire? Chi viaggerà lo farà sempre meno passando caselli autostradali e attraversando poi centri commerciali, ma sempre più in treno, senza inquinare, accedendo direttamente ai centri urbani.

Stazioni ferroviarie hub

Per il PUMS bolognese il ridisegno della città attorno alle stazioni dovrebbe avere la funzione di riqualificare gli spazi pubblici, rigenerare il tessuto edilizio, migliorare la qualità architettonica

L’entrata e l’uscita della stazione dovrà diventare facilmente accessibile a piedi, in bicicletta o con mezzi pubblici e condivisi (sharing), con il taxi e infine “con mezzi privati a basso impatto ambientale”, cioè elettrici. Tutti questi mezzi, queste infrastrutture e servizi di mobilità dovranno servire non solo i cittadini, ma anche chi abita o lavora a 10 o 15 chilometri dalla stazione o per chi arriva da Milano o Rimini. Le stazioni diventano un nodo del “biciplan”, delle bicipolitane e del trasporto pubblico provinciale.

Accessi difficili

In tante cittadine l’attraversamento e l’accesso ciclopedonale alla ferrovia è pieno di ostacoli: mancano ascensori per disabili, la sosta bici è selvaggia o il parcheggio troppo piccolo, la stazione degli autobus nel punto più lontano ai binari. Spesso più vicino all’uscita ci si arriva ancora in auto, dove i parcheggi sono spesso al servizio del vicino supermercato. L’accessibilità ciclopedonale per tutti ai binari ferroviari deve essere la priorità.

Ridisegnare la città

Per il PUMS bolognese il ridisegno della città attorno alle stazioni dovrebbe avere la funzione di riqualificare gli spazi pubblici, rigenerare il tessuto edilizio, migliorare la qualità architettonica, ovvero costruire o ristrutturare gli edifici a zero emissioni (classe A e pannelli solari).
La vita con il Covid ci ha spinti a convertire rapidamente gli spazi a nuovi servizi alla persona, luoghi attrezzati per il lavoro e lo studio a distanza, moderni locali salubri e ventilati per incontri e riunioni in sicurezza. I centri urbani, anche piccoli, hanno necessità di nuove attività commerciali, anche per l’e-commerce. Al 2030 l’Europa ci chiede zero morti e feriti sulle strade e di dimezzare i gas di scarico. A questo obiettivo deve servire studiare, partecipare e approvare i PUMS nelle città. Se ci limitiamo alle “bretelle” autostradali, un po’ di piste ciclabili e a procedere a tentoni trasformando tutti gli incroci in rotonde per “fluidificare” il traffico, le città rimarranno indietro.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

 

Andrea Poggio
Segreteria nazionale Legambiente. socio fondatore. responsabile mobilità sostenibile e stili di vita (www.viviconstile.org). Autore di Vivi con stile (2007). Viaggiare leggeri (2008). Green Life. (2007). Twitter: ap_legambiente FB: viviconstile.org

Articoli correlati

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Napoli, maxi operazione contro i datterari: 18 arresti

123 indagati, 245 capi di imputazione, 3mila euro di danno per metro quadrato, oltre 6 chilometri di costa devastata. Sono i numeri della vasta operazione portata a termine  dalla Procura di Torre Annunziata e dalla Capitaneria di Porto

Il naufragar m’è dolce in questo mare (di libri)

Dal mensile. Da Omero alla letteratura contemporanea del Nord Europa, dai romanzi di Melville alle poesie di Rimbaud. Un’immersione nelle profondità della letteratura

Un oceano in miniatura

Dal mensile. Il Mediterraneo è un distillato di tutte le sfide e le contraddizioni che ritroviamo su scala globale, dalle temperature medie sempre più calde all’invasione di specie aliene

Roberto Danovaro: “Per vivere bene sul pianeta abbiamo bisogno dell’oceano sano”

Dal mensile. Professore di Biologia marina e presidente della Stazione zoologica “Anton Dohrn”, spiega perché è importante studiare i mari e quanto resta ancora da fare per tutelare quelli italiani

Scrigno d’acqua

Dal mensile. Biodiversità, cibo, energia, materie prime. I servizi ecosistemici che rendono possibile la vita sulla Terra possono nutrire l’economia del futuro. Se gli ecosistemi marini saranno ben tutelati
Ridimensiona font
Contrasto