venerdì 24 Settembre 2021

Acquista

Login

Registrati

Bollette, Timmermans: “Costo energia dovuto a carenze di mercato, acceleriamo sulle rinnovabili”

“Se avessimo fatto il Green deal 5 anni fa saremmo meno dipendenti dalle fonti fossili e dal gas naturale”. Così il vicepresidente della Commissione europea presentando il pacchetto Fit for 55 al Parlamento europeo. Le associazioni: “Il ministro Cingolani lavori per la Transizione ecologica invece di criticarla”

In occasione della plenaria dell’Europarlamento a Strasburgo oggi il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans ha sottolineato l’importanza di accelerare il processo di transizione energetica sottolineando che, se il Green Deal fosse stato fatto 5 anni fa “non saremmo in questa situazione, perché saremmo meno dipendenti dalle fonti fossili e dal gas naturale”. Sul caro energia registrato nell’ultimo periodo ha dichiarato: “Non dobbiamo essere paralizzati dall’aumento dei prezzi dell’energia e rallentare la transizione, ma anzi dobbiamo accelerare per far sì che l’energia da fonti rinnovabili sia disponibile a tutti. Solo un quinto dell’attuale aumento dei prezzi può essere attribuito alla crescita del prezzo della CO2, il resto dipende dalle carenze del mercato”.

Sul clima, presentando il pacchetto Fit for 55 al Parlamento europeo, incalza: “credo che ce la possiamo fare, possiamo trasformare la Cop26 a Glasgow in un successo. Ma ancora di più penso che riusciremo ad evitare la crisi climatica”. Precisando che nei prossimi giorni incontrerà le controparti americane, russe, cinesi, egiziane e turche poi, ha aggiunto: “Dobbiamo evitare che sfugga al nostro controllo e dobbiamo lasciare alle prossime generazioni una umanità che conosca i limiti del nostro pianeta, ma dobbiamo agire subito. C’ è un interesse reale nell’azione Europea e c’è un dialogo continuo con i cinesi per convincerli ad essere più ambiziosi”.

Da Genova intanto, il ministro Roberto Cingolani evidenzia le difficoltà della Transizione ecologica e non i vantaggi. Le associazioni Greenpeace, Legambiente e Wwf, in un comunicato congiunto, dichiarano: “Siamo alle solite: di fronte a un problema, si cerca di accusare i soldi spesi per una giusta causa (in questo caso il prezzo della CO2, in passato gli incentivi alle rinnovabili) per alzare una cortina fumogena. Questo impedisce di comprendere e ovviare alle dinamiche speculative internazionali sui prezzi e sull’approvvigionamento del gas. Ma soprattutto mette in ombra l’indubbio ruolo calmierante che le rinnovabili stanno avendo per la bolletta elettrica, visto che ci consentono di limitare le importazioni di gas. Non risulta inoltre chiaro il peso sulla bolletta del gas di altre voci, per esempio il mancato o parziale utilizzo delle infrastrutture del gas. Inoltre, il prezzo della CO2 ha soprattutto messo fuori mercato il carbone, non agito direttamente sul prezzo internazionale del gas. Viene il sospetto che si voglia creare il caso per giustificare una compensazione che rischia di essere un ulteriore sussidio ai combustibili fossili, oltre che una misura d’emergenza che non risolve i problemi strutturali”.

L’invito rivolto al ministro Cingolani dalle associazioni è quello di accelerare la Transizione ecologica, esponendo i fatti in modo completo e non per slogan.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

SOSTIENI IL MENSILE

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Sessant’anni fa la prima Marcia per la pace

Dal numero di settembreEra il 24 settembre 1961 quando Aldo Capitini organizzò l'appuntamento intorno al quale è cresciuto il movimento nonviolento italiano. Il nostro speciale con le voci dei protagonisti di ieri e di oggi: "Un mondo diverso è sempre possibile"

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

Seguici sui nostri Social

16,989FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Sisma centro Italia, il turismo sostenibile rigenera i territori

Arriva il supporto solidale dei viaggiatori e della rete di host sostenibili di Fairbnb.coop, piattaforma che devolverà metà delle proprie commissioni sui soggiorni alla campagna di crowdfunding "Alleva la speranza +" di Legambiente e Enel

Cultura, il nuovo appuntamento con la Fondazione Treccani

La cultura ci salverà? Definizione, obiettivi, strategie per elaborare un modello di futuro possibile. L'evento si terrà in diretta streaming venerdì  24 settembre alle ore 17:00 sulla pagina Facebook della Fondazione

In Italia è boom di tartarughe marine

In queste settimane la schiusa delle uova deposte nei nidi, cui segue l'ingresso dei piccoli in mare. Legambiente stima che quest'anno siano oltre 10 mila quelli con passaporto italiano

Benessere animale, le associazioni: “Etichettatura senza modifiche tradisce i consumatori”

La certificazione volontaria che deve essere votata in Conferenza Stato-Regioni garantirebbe priorità di accesso a fondi Pac e Pnrr. Ma senza modifiche sarebbe solo l’ennesimo regalo agli allevamenti intensivi. L’allarme degli ambientalisti

“The denial”, lo spot di Fridays for Future in occasione del 24 settembre

Il prossimo sciopero globale del clima è annunciato da un video dal carattere metaforico. Negare la crisi climatica è come correre verso un muro
Ridimensiona font
Contrasto