lunedì 18 Gennaio 2021

Blitz di Greenpeace su una piattaforma petrolifera in Artico

foto del blitz di Greenpeace in Norvegia

Un norvegese, un tedesco, uno svedese e un danese… non è l’incipit di una barzelletta ma di un blitz contro le estrazioni di petrolio in Artico. Quattro attivisti di Greenpeace provenienti da Norvegia, Svezia, Danimarca e Germania si sono arrampicati ieri sulla piattaforma petrolifera West Hercules nei pressi del villaggio di Rypefjord, nel nord della Norvegia, per protestare contro le trivellazioni in Artico.
“Mentre in tutto il mondo crescono i movimenti di protesta che chiedono azioni reali contro il cambiamento climatico, la piattaforma di Equinor si sta preparando per una stagione di trivellazione petrolifera nelle acque artiche del mare di Barents”, evidenzia Greenpeace. Le perforazioni sono autorizzate dal governo norvegese, spiegano gli ambientalisti, ma sono “sotto esame in una causa costituzionale per porre fine alle estrazioni petrolifere artiche in Norvegia”.

La protesta di Greenpeace arriva a poche settimane di distanza dallo sciopero per il clima che ha coinvolto anche decine di migliaia di studenti norvegesi. Tra le richieste dei ragazzi c’era appunto lo stop alle nuove esplorazioni per petrolio e gas nel Paese.
“Trivellare l’Artico mentre la regione si scioglie più velocemente che mai è una completa pazzia – afferma Frode Pleym, a capo di Greenpeace Norvegia – Siamo di fronte a un’emergenza climatica e dobbiamo fermare le perforazioni: è per questo che oggi stiamo protestando pacificamente”.

Redazionehttps://www.lanuovaecologia.it
Nata nel 1979. è la voce storica dell'informazione ambientale in Italia. Vedi qui la voce sulla Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/La_Nuova_Ecologia

Articoli correlati

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

Seguici sui nostri Social

16,645FansLike
21,231FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

Gli ultimi articoli

Focus 2 ruote, presentazione del report 2021

Appuntamento lunedì 18 gennaio alle ore 11.00 sul sito de La nuova ecologia e su ancma.it

Mobilità sostenibile, l’Italia investe ancora troppo in combustibili fossili

I dati del nuovo studio di Transport & Environment. Dei bus immatricolati nel 2019, solo il 5,4% è a zero emissioni. Legambiente: "Serve un cambio di passo"

Sorrento, trovata morta la balenottera arenata ieri nel porto

Il corpo era a circa 12 metri di profondità. Ultimi aggiornamenti indicano che l'animale sul fondo sarebbe più grande di quello visto ieri sera

La campagna “Alleva la speranza” al fianco di chi non abbandona le terre del terremoto

Riparte “Alleva la speranza +”, la campagna promossa da Legambiente ed Enel per sostenere le realtà colpite da terremoto e pandemia. Che per ricominciare puntano su turismo di prossimità, natura e storia

Riscaldamento degli oceani, il 2020 è l’anno record

Ciascuno degli ultimi nove decenni è stato più caldo del precedente, mentre il Mediterraneo è il bacino che mostra il tasso di riscaldamento maggiore / Clima, 2020 l'anno più caldo per l'Europa / L’ecologismo è una forma di umanesimo. L'intervista a Telmo Pievani